Keystone
SVIZZERA
12.05.18 - 14:060

Armi: «Niente più Far West in Svizzera»

Lo chiede il Partito Comunista, che ha stilato cinque misure per combattere il fenomeno

BERNA - Anche in seguito ai recenti episodi, il Partito Comunista si dice preoccupato per un «malsano “culto” delle armi che sta prendendo piede nella società e fra i giovani in particolare. Una società in cui sparare è considerato un divertimento come un altro deve iniziare a preoccuparci per la perdita delle propria fondamenta etiche ed educative» si legge in un comunicato diramato oggi.

Ad impensierire il Partito Comunista sono soprattutto le «dimensioni incontrollate» del fenomeno, che «mettono a repentaglio l’ordine pubblico e la sicurezza dei cittadini», ricordando che in Svizzera circolano oltre due milioni di armi da fuoco, delle quali solo la metà figurano nei registri ufficiali.

Al di là di un serio piano di prevenzione nelle scuole e nello sport, il Partito Comunista propone l’adozione delle seguenti misure:

  • Durante il servizio militare le armi d’ordinanza devono necessariamente restare in caserma o in arsenale e mai portate a domicilio. Al termine del servizio militare le armi vanno obbligatoriamente restituite all’esercito. 
  • Chi pratica il tiro sportivo dovrà procurarsi l'arma in maniera strettamente controllata, iscrivendola in un registro federale e dovrà farlo attraverso le società di tiro. La supervisione delle autorità federali su tali società private va intensificato.
  • Va istituita il monopolio statale sui poligoni di tiro: non vogliamo far west privati nel nostro Paese!
  • Va allestito di un registro federale delle armi, per garantire un controllo più capillare e meno frammentato delle armi in circolazione e con esso introdotto l'obbligo di annunciare tutti i dispositivi ancora non registrati.
  • Va introdotta la prova di necessità e delle capacità per detenere ogni arma da fuoco.
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
7 min
No al taglio dell'IVA per sostenere ristorazione e turismo
Il Consiglio degli Stati è stata respinta una mozione in tal senso di Marco Chiesa
SVIZZERA
24 min
La distanza sociale? È raccomandata, ma non c'è più la multa
Nell'ambito dell'attuale situazione epidemiologica, per il Consiglio federale le sanzioni non sarebbero più giustificate
VAUD
1 ora
Uccise il figlio di 11 mesi, 6 anni ed espulsione
La morte è stata provocata scuotendo il piccolo con violenza
FOTO
SVIZZERA / MALDIVE
1 ora
Da 4 mesi alle Maldive a causa del Coronavirus
Lo svizzero Tom Allemann e la sua ragazza cinese stanno vivendo un'esperienza alla Robinson Crusoe
Berna
2 ore
Noi succubi dell'OMS? Scatta l'interpellanza ticinese a Berna
L'accusa di Lorenzo Quadri: "Svizzera ancora una volta acritica e succube nei confronti di organismi sovranazionali"
SVIZZERA
3 ore
Violenza domestica, con la quarantena non sono aumentati i casi
In alcuni cantoni dalla metà di maggio è però cresciuto il numero delle consulenze
SVIZZERA
3 ore
Coronavirus: altri 20 casi, ma nessun morto
Dall'inizio dell'emergenza nel nostro Paese 30'913 persone sono state infettate. I decessi sono 1'660.
SVIZZERA
3 ore
A marzo -62% di passeggeri negli aeroporti svizzeri
A gennaio e febbraio si era invece registrato un lieve aumento
SVIZZERA
3 ore
Campeggi, cinema e piscine: tutti pronti a riaprire
Sabato 6 giugno scatta la terza fase del graduale ritorno alla normalità. Ecco cosa cambierà
GRIGIONI
4 ore
Una montagna che si muove di sei metri ogni anno
Il Governo intende analizzare ulteriormente la frana a monte di Brienz.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile