SVIZZERA
24.10.17 - 15:390

Iniziativa per la bici, la commissione: «Sì al controprogetto»

BERNA - Le idee dell'iniziativa "Per la promozione delle vie ciclabili e dei sentieri e percorsi pedonali" (Iniziativa per la bici) vanno nella giusta direzione, ma il testo va respinto a favore del controprogetto diretto. È l'opinione della Commissione dei trasporti e delle telecomunicazioni degli Stati.

L'iniziativa, promossa da 26 associazioni e partiti, è stata depositata il primo marzo 2016 con 105'234 firme valide. L'obiettivo è quello di promuovere l'uso della bici, creando un maggior numero di piste ciclabili. Allo stesso tempo si potrebbe migliorare anche la salute della popolazione, ridurre le emissioni di CO2 e risparmiare denaro pubblico.

La commissione ha svolto audizioni alle quali hanno preso parte rappresentanti del comitato d'iniziativa, si legge in un comunicato odierno dei Servizi del Parlamento. È emerso che in particolare la controproposta del Consiglio federale gode di ampio consenso politico.

La maggioranza della commissione condivide il punto di vista dei promotori, secondo i quali la Confederazione deve assumere le competenze che detiene in materia di sentieri e percorsi pedonali anche per quanto riguarda le piste ciclabili. Tuttavia, come il governo, vuole che siano mantenute le attuali competenze dei Cantoni.

La Confederazione dovrebbe limitarsi all'informazione e ai compiti di coordinamento ed elaborare una semplice legislazione di base. Per tale motivo, la commissione propone alla sua Camera di raccomandare un "no" all'iniziativa ma un'approvazione del controprogetto diretto. L'oggetto sarà verosimilmente trattato dagli Stati nella sessione invernale.
 
 

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
6 ore
Comprato per 8,90 franchi, venduto per 37'500 franchi
C'è sempre tantissimo interesse per la novità messa in circolazione dalla Posta Svizzera, ma qualcuno storce il naso
SVIZZERA
13 ore
Il vaccino sarà più caro
Le casse malati dovranno pagare 25 franchi a dose contro i 5 attuali. Per gli assicurati sarà comunque ancora gratuito.
SVIZZERA
14 ore
Un altro effetto del coronavirus: la rabbia
La pandemia ha reso molte persone più aggressive. A farne le spese è spesso chi lavora in campo medico o nei trasporti.
SVIZZERA
14 ore
Subaffitti: impedire gli abusi
Posti in consultazione tre progetti che riguardano le locazioni. Le reazioni di proprietari e inquilini però divergono.
SVIZZERA
16 ore
Attivista no vax rifiuta di pagare le tasse
Dopo il sì alla Legge Covid, Daniel Trappitsch non intende versare altri contributi.
ARGOVIA
18 ore
Hanno dovuto scegliere chi ricoverare
Il primo caso alla clinica Hirslanden di Aarau, dove metà del reparto è occupato da pazienti Covid.
ARGOVIA
19 ore
Incendio in un appartamento, morta una donna
Il rogo è divampato ieri sera in una casa plurifamiliare a Döttingen. Ancora ignote le cause.
SVIZZERA
21 ore
Più divieti per i non vaccinati: «È un'opzione»
Le parole di Lukas Engelberger. E su un eventuale obbligo vaccinale: «Pericoloso per il rapporto tra Stato e cittadini»
SVIZZERA
21 ore
«Misure incoerenti. Svizzeri discriminati rispetto ai frontalieri»
Viaggi, vaccini e terze dosi. Lorenzo Quadri interpella il Consiglio federale sulle decisioni annunciate venerdì
SVIZZERA
22 ore
La presidenza ci mostrerà un nuovo Ignazio Cassis?
Ne è convinto l'amico Fulvio Pelli in attesa della data storica (per il Ticino) dell'8 dicembre
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile