Keystone
SVIZZERA
13.10.17 - 16:110

Niente divieto per foie gras e cosce di rana

È l'opinione della Commissione della scienza dell'educazione e della cultura degli Stati, che suggerisce alla propria Camera di respingere una mozione sul tema

BERNA - Non è necessario vietare l'importazione di prodotti ottenuti mediante metodi noti per infliggere sofferenze agli animali, come ad esempio il foie gras o le cosce di rana. È l'opinione della Commissione della scienza dell'educazione e della cultura degli Stati, che suggerisce alla propria Camera - con 9 voti contro 0 e un'astensione - di respingere una mozione sul tema.

Dopo aver consultato rappresentanti delle cerchie interessate (Protezione svizzera degli animali, Unione svizzera dei contadini, Unione svizzera delle arti e mestieri), la commissione ha tra l'altro cercato di chiarire cosa s'intenda per "ottenuti infliggendo sofferenze agli animali" e quali prodotti sarebbero inclusi nel divieto generale, si legge in un comunicato odierno dei Servizi del Parlamento.

La maggioranza comprende le preoccupazioni sulla protezione degli animali che stanno alla base della richiesta e sostiene l'intenzione della mozione. Tuttavia, dall'analisi è emerso che l'accettazione del testo avrebbe conseguenze massicce per numerosi settori, dalla produzione di derrate alimentari al settore tessile fino all'industria orologiera.

Inoltre, continua la nota, non è chiaro se questo aspetto possa essere migliorato in modo significativo mediante una simile normativa unilaterale sul benessere degli animali.

La commissione si dichiara pertanto molto scettica sull'attuabilità della mozione - inoltrata dal consigliere nazionale Matthias Aebischer (PS/BE) - e considera che una sorveglianza generale dell'importazione e di tutti i metodi di produzione impiegati all'estero sia irrealizzabile nonché inopportuna.

Piuttosto, bisogna verificare se occorre intervenire sulle basi legali esistenti, in particolare per quanto riguarda l'obbligo di dichiarazione. Per questo - con 9 voti contro 1 - ha deciso di proporre agli Stati di accettare un postulato che chiede al Consiglio federale di illustrare, tramite un rapporto, le possibili misure concrete che permettono di rafforzare tale obbligo.

Commenti
 
nordico 2 anni fa su tio
Se questo nostro (supposto) Dio, buono, onniscente e onnipotente, quando ha creato la terra non ha trovato niente di meglio che fare in modo che un animale per vivere debba uccidere e mangiare un altro animale, beh, la cosa mi rende sempre più convinto che questo tipo di Dio non può esistere. È uno dei motivi per i quali non sono credente. Scusate se sono uscito un tantino dal seminato.
Lucauno 2 anni fa su tio
Se si vogliono proibire i maltrattamenti agli animali allevati per il nostro piacere culinario, ciò ben venga. Ogni essere vivente si nutre di altri esseri viventi per vivere e questo modus vivendi corrisponde ad una legge della Natura. Il contadino che alleva animali non umani fa di fatto un contratto tacito con questi: Ti offro alloggio, cibo e salute e di fatto ti mantengo fino a quando vorrò mangiarti Sarò IO a decidere il giorno in cui dovrai morire. In cambio ti garantisco una vita sana, confortevole e senza preoccupazioni di sorta. Tuttavia, contratto tacito o no, è chiaro il fatto che gli abusi da parte umana avvengono anche sfacciatamente.
Ar07 2 anni fa su tio
Complimenti!
curzio 2 anni fa su tio
È meglio che io non scriva quello che auguro a quelli che hanno votato contro questa mozione!
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
2 ore
Lo screening costa troppo e la gente vi rinuncia
Altra vicenda controversa sul tema dei costi della salute. Per l’esame della clamidia qui vengono addebitati 95 franchi, contro i 26 francesi e i 18 austriaci
SVIZZERA
3 ore
Lotto svizzero: un fortunato vince 1 milione di franchi
Il prossimo montepremi ammonterà a 20,3 milioni di franchi
ARGOVIA
7 ore
Bambino di 7 anni investito da un'auto
Urtato in una zona 30 a Suhr, il piccolo ha riportato ferite di media gravità. Al 60enne conducente bosniaco è stata ritirata la patente
ZURIGO
8 ore
Donazione di cellule staminali: la battaglia di Edi e dei suoi genitori
Il bambino, 10 anni, soffre di una forma potenzialmente letale di anemia aplastica. Una donazione potrebbe salvarlo. L'invito, per tutti, è a farsi testare
SVIZZERA
8 ore
Ermotti: una concentrazione del settore bancario europeo è «inevitabile»
Gli istituti si trovano in una posizione di svantaggio competitivo rispetto ai loro concorrenti statunitensi
SVIZZERA
12 ore
AVS, tasso di contribuzione in aumento da gennaio
L'incremento permetterà di registrare annualmente entrate supplementari pari a 2 miliardi di franchi
ZURIGO
12 ore
Esce di strada e si ribalta: feriti una madre e i suoi tre figli
L'incidente è avvenuto ieri pomeriggio a Humlikon. Le quattro persone coinvolte, una 36enne e tre bimbi dai sette ai due anni, sono stati trasportati in ospedale da un'ambulanza
BASILEA CITTÀ
13 ore
La chiama un falso poliziotto, gli consegna 90'000 franchi
Le hanno detto i suoi soldi non erano al sicuro, troppi furti nel quartiere. Lei ha prelevato e ha depositato la borsa con i contanti sotto la tettoia di un parcheggio per biciclette
SVIZZERA
16 ore
Parmelin accusato di censura: «Piano con i dati sull’inquinamento»
Il consigliere federale avrebbe chiesto all’istituto svizzero sulla scienza e la tecnologia dell’acqua di “contenersi” nella pubblicazione dei dati sull’inquinamento provocato dalle attività agricole
SVIZZERA
16 ore
Cinquanta milioni di franchi di penale per Sunrise
Abbandonato definitivamente il progetto di acquisizione di UPC Svizzera, ma Liberty Global spera ancora di trovare un nuovo accordo per la sua filiale
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile