archivio Tipress
BERNA
05.09.17 - 12:200

Reti elettriche, costi di produzione sui consumatori

BERNA - Le imprese elettriche devono poter ripercuotere integralmente i costi della loro produzione sui consumatori finali. Con 9 voti contro 3, la Commissione dell'ambiente, della pianificazione del territorio e dell'energia del Consiglio degli Stati (CAPTE-S) propone al plenum di mantenere questo punto del progetto Strategia reti elettriche.

La CAPTE-S ha così mantenuto la sua decisione di abolire il cosiddetto "metodo del prezzo medio". Esso prevede che l'utile che il gestore della rete trae dall'accesso al mercato (acquistando per esempio elettricità a basso costo alla borsa dell'energia) venga ridistribuito ai consumatori finali.

Il problema di questo modello è che le imprese elettriche non possono ripercuotere integralmente i costi della loro produzione sui consumatori finali e le obbliga quindi a vendere la loro elettricità a un prezzo inferiore al costo di produzione.

Questa proposta era stata bocciata dal Nazionale che aveva elaborato una sua soluzione per sostenere l'energia idroelettrica. L'idea è di fornire ai consumatori unicamente elettricità che proviene da centrali svizzere che producono corrente da fonti rinnovabili non sovvenzionate. In altre parole, dal settore idroelettrico. Questa proposta era poi stata rinviata in commissione per studiarne le conseguenze.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
GI 3 anni fa su tio
Ovvio che debba sempre essere il consumatore a pagare.....poi, in caso di utili, a "godere" sono i pochi prediletti....
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
1 ora
«Tutte le aziende in crisi vanno aiutate, anche quelle nuove»
Il Consiglio Nazionale vuole togliere il limite temporale del primo ottobre per la richiesta dei casi di rigore.
SAN GALLO
3 ore
Tragedia sfiorata a un passaggio a livello
A Staad un bambino di tre anni ha attraversato le rotaie proprio mentre transitava un treno.
SVIZZERA
3 ore
Blocher: «Non sottomettiamoci ai diktat del Governo»
Il plenum dovrà decidere se iscrivere nella legge la data del 22 marzo per riaprire ristoranti e altre attività.
SVIZZERA
4 ore
I “milionari della mascherina” sostituiscono quelle non usate gratis
La Farmacia dell'esercito aveva acquistato il materiale dalla Emix Trading AG, ma l'aveva poi ritirato precauzionalmente
SVIZZERA
6 ore
Gli svizzeri sono d'accordo con le misure anti-coronavirus
È quanto emerge da un sondaggio. Oltre la metà degli intervistati si dice soddisfatta delle disposizioni
SVIZZERA
6 ore
Il settore degli eventi «con un piede nel baratro»
Soltanto nel 2020 sono stati cancellati oltre 17'000 progetti, con un calo del fatturato del 57%
SVIZZERA
6 ore
In Svizzera altri 2'744 contagi e 16 morti nel weekend
Il tasso di positività dei test Covid è attualmente pari al 4,3%
SVIZZERA
8 ore
Soldatesse “influencer” per motivare le donne
Ecco le proposte per aumentare la quota femminile dell'esercito svizzero
LUCERNA
8 ore
Al volante con il 3,28 per mille
Un automobilista di 51 anni è stato fermato a causa della sua guida pericolosa sabato sera a Emmenbrücke.
SVIZZERA
10 ore
Un 8 marzo a tutto tondo
Un giorno per celebrare le conquiste delle donne, ma anche per non dimenticare quante cose possono migliorare
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile