BERNA
25.04.16 - 14:490

Immigrazione, forum di politica estera propone via per uscire dall'impasse

L'iniziativa "Fuori dal vicolo cieco" non suscita grandi entusiasmi.

BERNA - L'iniziativa "Fuori dal vicolo cieco", nota anche con la sigla tedesca RASA ("Raus aus der Sackgasse"), che ha l'obiettivo di abrogare dalla Costituzione federale le disposizioni del testo UDC "Contro l'immigrazione di massa", non suscita grandi entusiasmi. Ora il Forum di politica estera (Foraus) ha deciso di presentare un controprogetto diretto allo scopo di adattare l'articolo costituzionale approvato dal popolo il 9 febbraio 2014, anziché revocarlo.

Diversamente dall'iniziativa democentrista, il controprogetto - presentato oggi a Berna dal Think Tank di politica estera - salvaguarderebbe la libera circolazione delle persone. Il numero degli immigrati dipenderebbe dai bisogni del mercato e non da contingenti o da preferenze nazionali.

Le persone che vorrebbero venire in Svizzera dovrebbero soddisfare determinate condizioni, come per esempio possedere un permesso di lavoro o dimostrare che guadagnano abbastanza per essere autosufficienti. In questo modo, la Confederazione potrebbe gestire in modo autonomo l'immigrazione, rispettando la decisione di popolo e cantoni.

L'obiettivo dell'iniziativa RASA è invece di eliminare la reintroduzione dei contingenti per gli stranieri. Il testo è volutamente molto conciso: chiede semplicemente che le disposizioni introdotte il 9 febbraio 2014 (art. 121a e 197n. 11) vengano abrogate.

Secondo il Foraus, questo testo si spinge troppo lontano. Approfittando dell'iniziativa RASA, Consiglio federale e Parlamento hanno l'opportunità di proporre un controprogetto, che sarebbe una via mediana tra le iniziative "Contro l'immigrazione di massa" e "Fuori dal vicolo cieco". Secondo il Think Tank, da un lato si ridurrebbe l'immigrazione e dall'altro si rispetterebbero gli accordi bilaterali.

Per partiti è una "buona base di riflessione" - Gli autori del controprogetto hanno invitato oggi rappresentanti di PS, PPD, Verdi, Verdi liberali e PBD, affinché diano un parere sulla proposta. Annunciato in un primo tempo, un esponente del PLR ha declinato l'invito.

Secondo il consigliere agli Stati socialista Daniel Jositsch (ZH), il testo presentato è una "buona base di riflessione". Esso non contiene più il termine "contingente", che aveva suscitato le ire di Bruxelles, ma precisa che la Svizzera può gestire la sua immigrazione in funzione degli interessi economici.

Per il consigliere nazionale Beat Flach (PVL/AG), il controprogetto ha un "grosso potenziale", perché ristabilisce una sicurezza giuridica necessaria all'economia. Sulla stessa lunghezza d'onda si è espressa la sua collega popolare democratica Elisabeth Schneider-Schneiter (BL): "il controprogetto consente di gestire l'immigrazione senza mettere in discussione gli accordi bilaterali".

Tutti i parlamentari presenti hanno tuttavia affermato che occorre aspettare l'esito della votazione su un'eventuale uscita della Gran Bretagna dall'Ue - la cosiddetta Brexit - il prossimo 23 giugno, prima di portare la proposta di Foraus davanti al Parlamento.

TOP NEWS Svizzera
BERNA
3 ore

Da Berna a Palermo con treno e traghetto: «L'aereo non è un'opzione»

Una scelta singolare quella del Municipio della capitale - a maggioranza rosso-verde - che settimana prossima si recherà per una visita di lavoro in Sicilia

GINEVRA
6 ore

Decapitata la sicurezza a Cointrin

Il capo e il suo vice sono stati licenziati con effetto immediato poiché coinvolti in un procedimento penale per corruzione

SVIZZERA
6 ore

Domino's Pizza si ritira dalla Svizzera

Il gruppo è presente nella Confederazione dal 2000; dal settembre 2012 Domino's Pizza Schweiz è filiale della britannica Domino's Pizza Group

ZURIGO / IRLANDA
9 ore

Dublino vuole riavere le ceneri di James Joyce

I resti del famoso scrittore sono custoditi nel cimitero di Fluntern a Zurigo. Ma ora due consiglieri comunali irlandesi hanno presentato una mozione per il loro trasferimento

SVIZZERA / ITALIA
11 ore

Luca Mongelli compie 25 anni, per lui nessuna giustizia

Pare che gli interrogativi sull'aggressione subita nel febbraio 2002 a Veysonnaz (VS) non troveranno mai risposta. Il giovane, oggi 25enne, resterà disabile a vita

BERNA
11 ore

Corruzione, condannato il ginevrino Gunvor

Il commerciante di materie prime non ha adottato tutte le misure per impedire la corruzione di pubblici ufficiali da parte dei suoi dipendenti o dei suoi intermediari

GINEVRA
12 ore

Dopo il cancro, lotta con l'assicurazione per i denti

Berdadette deve fare i conti con gli strascichi della chemioterapia. «Non è estetica, è una questione di dignità per le persone già colpite da gravi malattie»

SVIZZERA
13 ore

Ikea Svizzera: aumentano i ricavi, si punta sull'online

Al termine dell'esercizio 2018/2019 l'azienda ha registrato un fatturato di 1,14 miliardi di franchi, in crescita del 3,7% rispetto all'anno precedente

BERNA
14 ore

Elezioni federali, chi voterete?

Domenica prossima si terranno le elezioni federali. Ha già deciso chi votare e perchè? Partecipa al nostro sondaggio

ZURIGO
23 ore

Sfuriata di un agente in borghese sull'A1: al poliziotto hanno bucato le gomme

Scatta la condanna social contro l'ufficiale dopo il video del diverbio. L'esperto di diritto: «Gli utenti possono incorrere in denunce»

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile