Keystone
SVIZZERA
01.03.21 - 12:590
Aggiornamento : 13:21

Posta «affidabile» nel 2020: i mesi più difficili, però, non sono stati nemmeno conteggiati

In primavera e in autunno Berna aveva dispensato il Gigante giallo dai vincoli, per garantire i servizi indispensabili.

Il rilevamento si basa quindi solo sulle fasi in cui la situazione determinata dal Covid-19 era «relativamente più rilassata».

BERNA - Il recapito di pacchi e lettere da parte della Posta è rimasto «affidabile» e al di sopra dei requisiti qualitativi della Legge sulle poste nel 2020. Lo sostiene il Gigante Giallo in un comunicato odierno, pubblicando i risultati della «misurazione dei tempi di percorrenza» relativi allo scorso anno. Piccola postilla, però: la Posta ha potuto basare il rilevamento solamente sui pochi mesi liberi dalle restrizioni anti Covid-19 più pesanti.

A causa della situazione straordinaria, infatti, «l'anno scorso la Commissione federale delle poste (PostCom) ha acconsentito a escludere dal rilevamento della puntualità delle lettere il periodo da metà marzo a luglio, nonché il mese di dicembre 2020», precisa la Posta, aggiungendo che per i pacchi è stata trascurata la misurazione dei periodi da marzo a luglio e da ottobre a dicembre dello scorso anno.

Il rilevamento sulla puntualità riguarda perciò solo i dati di sei mesi e mezzo per le lettere e quattro mesi per i pacchi, ovvero «le fasi in cui la situazione era relativamente più rilassata». Nei periodi più delicati dell'emergenza sanitaria, il Consiglio federale aveva infatti concesso alla Posta un adeguamento in materia di recapiti, con l'obiettivo di mantenere i servizi indispensabili durante tutta la durata della crisi.

Per quanto riguarda i pacchi, nei quattro mesi del 2020 presi in esame, la soglia minima del 95,0% prevista dalla legislazione postale è stata superata sia dai pacchi "Priority" (95,4%), sia da quelli "Economy" (95,5%). Rispetto all'anno precedente, ha sottolineato il Gigante Giallo, il valore di PostPac Priority è più alto di appena 0,1 punti percentuali, mentre quello di PostPac Economy è più basso di 0,4 punti percentuali. Considerando i 12 mesi del 2020 (e non solo i quattro mesi), la quota scende al 90,1% (Priority), rispettivamente all'89,9% (Economy).

Il recapito delle lettere, nei sei mesi e mezzo in esame, ha invece raggiunto il 98,0% per la Posta A (stessa quota dell'anno precedente) e il 99,2% per la Posta B (-0,1 punti percentuali rispetto al 2019), superando ampiamente il 97,0% previsto dalla legge. Per l'intero 2020 - sebbene i dati non siano disponibili per la seconda metà di marzo - la puntualità delle lettere di Posta A si è attestata al 97,1%, mentre quella delle lettere di Posta B al 99,1%.

«Ritengo che sia incredibile l'impegno che i nostri collaboratori e tutti i dirigenti hanno dimostrato in questa fase così complessa. È grazie a loro se abbiamo potuto assicurare il servizio universale per la popolazione e l'economia svizzera in un periodo così critico e per questo li ringraziamo caldamente», ha commentato il CEO della Posta, Roberto Cirillo, citato nel comunicato.

Nel corso del 2020 il volume dei pacchi è aumentato del 23% rispetto all'anno precedente. A causa del boom del commercio online, la Posta continuerà a investire nel settore della lavorazione dei pacchi anche nei prossimi anni, ha sottolineato il Gigante Giallo. Sono previsti investimenti nel settore logistico per 1,3 miliardi di franchi, che riguarderanno anche i centri di spartizione di Cadenazzo e Untervaz (GR).
 
 

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
GINEVRA
6 ore
La piattaforma per il test del Covid "spiffera" i dati personali: a rischio migliaia di assicurati
La falla è stata identificata a Ginevra, ma tocca potenzialmente tutti i residenti in Svizzera.
SVIZZERA
11 ore
L'estate porterà il vaccino agli adolescenti
Sembra essere imminente l'approvazione del preparato Pfizer/BioNTech per i giovani tra i 12 e i 15 anni
BERNA
13 ore
Il Credit Suisse e quelle «violazioni ignorate»
Secondo la NZZ am Sonntag, la grande banca svizzera sarebbe quella che più tiene occupata la FINMA.
BASILEA CAMPAGNA
18 ore
Allievi delle medie nell'asilo, sospettati abusi sessuali
Un padre: «Mia figlia mi ha detto che è successo qualcosa e ha paura di parlarne».
ZURIGO
1 gior
«Nostra madre dovrà lasciare la Svizzera dopo 39 anni»
A una donna congolese non verrà rinnovato il permesso di soggiorno a causa di alcune fatture non pagate.
SVIZZERA
1 gior
Oggi 750mila dosi di Moderna, lunedì arriverà anche Pfizer
Le nuove forniture permetteranno di mantenere alto il ritmo delle vaccinazioni.
FRIBURGO
1 gior
L'esercito sta disturbando gli animali selvatici friburghesi?
Un'esercitazione ha avuto luogo in un'area in cui ci sono severe restrizioni anche per gli escursionisti.
ZERMATT
1 gior
Precipita 25 metri nel crepaccio, muore un 31enne
L'escursionista è stato colto di sorpresa dal cedimento di un ponte di neve. Con lui c'erano altre sei persone.
SVIZZERA
1 gior
Future pandemie: i Cantoni chiedono un comitato specializzato
L'idea è di creare un organo composto in modo paritetico da rappresentanti dei Cantoni e della Confederazione.
FOTO
SVIZZERA
1 gior
1000 persone in marcia a Urnäsch
Il corteo era in programma a Zurigo ma all'ultimo momento è stato spostato nella località appenzellese.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile