Tamedia
SVIZZERA
28.02.21 - 08:560
Aggiornamento : 10:43

La Posta A continuerà a esistere

Il CEO della Posta: «Perché dovremmo tagliare un servizio apprezzato?»

BERNA - La posta A è molto apprezzata: eliminarla, come suggerito dall'Ufficio federale della comunicazione (UFCOM), sarebbe un errore. Lo sostiene il direttore generale Roberto Cirillo in un'intervista pubblicata oggi dal settimanale Le Matin Dimanche. Gli invii prioritari costituiscono il 30% delle lettere inviate, la posta B ha una quota del 20%, mentre il resto è costituito dalle spedizioni in grandi quantità.

«Perché dovremmo tagliare un servizio che è apprezzato dalla popolazione e per il quale c'è molta richiesta?" si interroga Cirillo, sottolineando che la Posta non riceve sovvenzioni e finanzia i suoi servizi in modo indipendente.

Se l'anno scorso La Posta ha trasportato ben 1,7 miliardi di lettere, 1,4 miliardi di annunci pubblicitari e circa un miliardo di giornali, è perché la qualità dell'offerta è alta, spiega il CEO del Gigante giallo. «Riducendo la frequenza delle consegne, la qualità dell'offerta si riduce e la domanda diminuisce».

Cirillo concede tuttavia che La Posta deve evolvere «costantemente» e adattare la sua strategia. «Sappiamo che il volume delle lettere diminuirà ogni anno dal 3 al 5%. La nostra strategia mira a mantenere la qualità nello smistamento e nella distribuzione per rallentare questa curva discendente». Per «compensare questa perdita», l'ex regia federale sta sviluppando in parallelo le sue attività nei settori della logistica dei pacchi e dell'e-commerce.

In quest'ottica, la Posta ha riunito le sue unità Postmail e Poslogistics, «una delle più grandi fusioni della recente storia svizzera», che interessa 20'000 dipendenti. «L'idea è di spostare significativamente il baricentro della Posta», conclude Cirillo.

TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
6 ore
Ombudsman SRG SSR sommerso dalle lamentele
Nel 2020 ne ha ricevute oltre mille. Una cifra record da ricondurre alle segnalazioni legate al tema Covid
BERNA 
8 ore
Numerosi Cantoni vaccinano dai 65 anni
Ci sono anche i più virtuosi, ma pure chi ha poche richieste e chi va a rilento.
SVIZZERA
8 ore
«Viaggio in treno e con l'auto elettrica»
La pandemia è ancora sotto la luce dei riflettori. Ma la crisi climatica non è finita, ricorda Simonetta Sommaruga
VALLESE
8 ore
Ubriaco, costringe il treno a fermarsi e sale
L'uomo lavora per il produttore di vaccini Moderna.
SVIZZERA
12 ore
Vaccinare i giovani? «La priorità restano le persone a rischio»
Lo ha detto la responsabile Sezione malattie infettive dell'UFSP sollecitata in conferenza stampa
SVIZZERA
12 ore
Oltre 200mila vaccinazioni in una settimana
È la prima volta che si supera questa soglia da quando sono iniziate le somministrazioni.
SVIZZERA
13 ore
Altri 2 241 contagi in Svizzera, 10 morti
Altre 82 persone sono state ricoverate in ospedale. Il bollettino dell'UFSP
SVIZZERA
13 ore
Col covid gli adolescenti hanno riscoperto la TV
Per il 61% di loro la "vecchia" televisione è stata fra le principali fonti d'informazione.
FOTO
SVIZZERA
13 ore
Due monete svizzere nel Guinness dei primati
La Zecca federale Swissmint ha portato a casa due record mondiali per la numismatica.
ZURIGO
14 ore
Non tutti i medici di famiglia vogliono vaccinare, si rischiano ritardi
Pesa, da una parte, la retribuzione forfettaria garantita a ogni dose somministrata.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile