Tamedia
SVIZZERA
28.02.21 - 08:560
Aggiornamento : 10:43

La Posta A continuerà a esistere

Il CEO della Posta: «Perché dovremmo tagliare un servizio apprezzato?»

BERNA - La posta A è molto apprezzata: eliminarla, come suggerito dall'Ufficio federale della comunicazione (UFCOM), sarebbe un errore. Lo sostiene il direttore generale Roberto Cirillo in un'intervista pubblicata oggi dal settimanale Le Matin Dimanche. Gli invii prioritari costituiscono il 30% delle lettere inviate, la posta B ha una quota del 20%, mentre il resto è costituito dalle spedizioni in grandi quantità.

«Perché dovremmo tagliare un servizio che è apprezzato dalla popolazione e per il quale c'è molta richiesta?" si interroga Cirillo, sottolineando che la Posta non riceve sovvenzioni e finanzia i suoi servizi in modo indipendente.

Se l'anno scorso La Posta ha trasportato ben 1,7 miliardi di lettere, 1,4 miliardi di annunci pubblicitari e circa un miliardo di giornali, è perché la qualità dell'offerta è alta, spiega il CEO del Gigante giallo. «Riducendo la frequenza delle consegne, la qualità dell'offerta si riduce e la domanda diminuisce».

Cirillo concede tuttavia che La Posta deve evolvere «costantemente» e adattare la sua strategia. «Sappiamo che il volume delle lettere diminuirà ogni anno dal 3 al 5%. La nostra strategia mira a mantenere la qualità nello smistamento e nella distribuzione per rallentare questa curva discendente». Per «compensare questa perdita», l'ex regia federale sta sviluppando in parallelo le sue attività nei settori della logistica dei pacchi e dell'e-commerce.

In quest'ottica, la Posta ha riunito le sue unità Postmail e Poslogistics, «una delle più grandi fusioni della recente storia svizzera», che interessa 20'000 dipendenti. «L'idea è di spostare significativamente il baricentro della Posta», conclude Cirillo.

TOP NEWS Svizzera
GRIGIONI
7 min
Brienz scivola sempre più giù
Il paesino si sta spostando verso il basso di 1,6 metri all'anno. Un ritmo mai registrato da inizio delle misurazioni.
BERNA
22 min
Variante indiana: inglesi a rischio quarantena
Nel Regno Unito la revoca delle misure anti Covid è messa a repentaglio della nuova mutazione.
SVIZZERA
2 ore
In Svizzera altri 2650 casi nel weekend
Sono 8 i decessi confermati in laboratorio. I dati dell'UFSP
FOTO
ZURIGO
2 ore
Sgombero forzato, prima spara e poi si toglie la vita
Uno sfratto è finito in tragedia questa mattina nel settimo distretto della Città di Zurigo.
SVIZZERA
4 ore
Morta nel Reno per colpa di una mail
Accusa di omicidio colposo per l'organizzatore dell'immersione costata la vita a una sub 29enne
FOTO
TURGOVIA
5 ore
Stalla distrutta, ma i cavalli sono in salvo
Nell'incendio di questa notte ad Andwil nessuno è rimasto ferito e anche gli animali - una dozzina - sono stati salvati.
BERNA
6 ore
Covid, parte la campagna #iomifacciovaccinare
Il concetto che vuole passare con l'iniziativa dell'UFSP è che immunizzarsi aiutera a tornare alla normalità.
BERNA
6 ore
Un burger su sei è vegetale
Il commercio al dettaglio ha quasi raddoppiato la cifra d’affari relativa a preparati a base di soia e ad altri prodotti
BERNA
6 ore
La pandemia frena le condanne
La contrazione maggiore riguarda le violazioni alla legge sugli stranieri e la loro integrazione.
ARGOVIA
7 ore
Ristorante avvolto dalle fiamme
Nonostante l'intervento dei pompieri l'edificio è andato distrutto
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile