Tamedia
SVIZZERA
28.02.21 - 08:560
Aggiornamento : 10:43

La Posta A continuerà a esistere

Il CEO della Posta: «Perché dovremmo tagliare un servizio apprezzato?»

BERNA - La posta A è molto apprezzata: eliminarla, come suggerito dall'Ufficio federale della comunicazione (UFCOM), sarebbe un errore. Lo sostiene il direttore generale Roberto Cirillo in un'intervista pubblicata oggi dal settimanale Le Matin Dimanche. Gli invii prioritari costituiscono il 30% delle lettere inviate, la posta B ha una quota del 20%, mentre il resto è costituito dalle spedizioni in grandi quantità.

«Perché dovremmo tagliare un servizio che è apprezzato dalla popolazione e per il quale c'è molta richiesta?" si interroga Cirillo, sottolineando che la Posta non riceve sovvenzioni e finanzia i suoi servizi in modo indipendente.

Se l'anno scorso La Posta ha trasportato ben 1,7 miliardi di lettere, 1,4 miliardi di annunci pubblicitari e circa un miliardo di giornali, è perché la qualità dell'offerta è alta, spiega il CEO del Gigante giallo. «Riducendo la frequenza delle consegne, la qualità dell'offerta si riduce e la domanda diminuisce».

Cirillo concede tuttavia che La Posta deve evolvere «costantemente» e adattare la sua strategia. «Sappiamo che il volume delle lettere diminuirà ogni anno dal 3 al 5%. La nostra strategia mira a mantenere la qualità nello smistamento e nella distribuzione per rallentare questa curva discendente». Per «compensare questa perdita», l'ex regia federale sta sviluppando in parallelo le sue attività nei settori della logistica dei pacchi e dell'e-commerce.

In quest'ottica, la Posta ha riunito le sue unità Postmail e Poslogistics, «una delle più grandi fusioni della recente storia svizzera», che interessa 20'000 dipendenti. «L'idea è di spostare significativamente il baricentro della Posta», conclude Cirillo.

TOP NEWS Svizzera
GINEVRA
6 ore
Ginevra si blinda per il vertice Biden-Putin: «Sta per scoppiare la guerra?»
L'importante dispositivo di sicurezza non manca d'infastidire i residenti. Le ricadute positive, però, non sfuggono.
BERNA
7 ore
L'esercito vuole vaccinare tutti coloro che lo desiderino
La speranza di molti è vedere allentate le misure anti Covid: «Anche chi avrebbe voluto aspettare ci sta pensando».
BERNA
9 ore
Giovani ubriachi sul traliccio dell'alta tensione
Sono stati avvistati sul Wohlensee, mentre si arrampicavano per potersi poi tuffare
SVIZZERA
10 ore
In migliaia in strada per lo sciopero delle donne
Ampia la partecipazione a cui si è assistito oggi nelle principali città svizzere, ed anche nel nostro Ticino.
SVIZZERA
12 ore
Operato d'urgenza a causa di una pila a bottone
Durante i periodi di lockdown è stato osservato un aumento dei casi. Il pericolo è alto
FOTO
VALLESE
14 ore
Travolto da una valanga: «Lo stiamo cercando»
Si teme per la vita di un 36enne che è stato inghiottito da una slavina domenica a Bagnes.
SVIZZERA
14 ore
Parità salariale in azienda? Ecco uno strumento per capirlo
Si chiama Logib e viene messo a disposizione di aziende e organizzazioni direttamente dalla Confederazione.
BERNA
14 ore
Donne di nuovo in sciopero contro la violenza
In diverse città l'acqua delle fontane è stata tinta di viola
SVIZZERA
16 ore
Coronavirus in Svizzera: 684 casi e 3 decessi nel weekend
Era da inizio ottobre che non si registravano così pochi contagi nell'arco di un weekend. I nuovi ricoveri sono 19.
SVIZZERA
17 ore
Petra Gössi lascerà la presidenza del PLR
Dopo cinque anni trascorsi al timone del partito, vuole dedicarsi maggiormente alla sua carriera professionale.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile