keystone
BERNA
26.02.21 - 09:150
Aggiornamento : 16:33

Pil, calo più forte dal 1975

Economia gravemente toccata dalla pandemia, anche se meno del previsto.

Il prodotto interno lordo è sceso del -2.9%. Peggio della crisi finanziaria del 2009

BERNA - L'economia svizzera è stata fortemente toccata dal coronavirus nel 2020, ma meno di quanto inizialmente temuto e in misura certamente meno grave di quanto successo in altri Paesi: il prodotto interno lordo (Pil) è sceso del -2,9% rispetto all'anno prima.

Peggio della della crisi finanziaria del 2009 - Il dato - si tratta della prima stima - è stato pubblicato oggi dalla Segreteria di Stato dell'economia (Seco), che sottolinea come la flessione sia superiore a quella dei tempi della crisi finanziaria del 2009 (-2,1%). Il settore dei servizi è stato particolarmente colpito dalla crisi e i consumi privati hanno subito un calo di portata storica. Al contrario, la contrazione dell'industria manifatturiera e delle esportazioni è stata meno sensibile rispetto a quella registrata durante la crisi scatenata dalla finanza oltre un decennio fa.

Può essere interessante confrontare il dato del -2,9% con le stime presentate dagli esperti negli ultimi 12 mesi. Quelli della stessa Seco si sono mostrati i meno fortunati nel prevedere il futuro: in aprile puntavano su un -6,7% e in giugno sul -6,2%, dati molto più negativi di quelli presentati dagli specialisti di altre banche e istituzioni (solo l'istituto Créa di Losanna e l'organizzazione internazionale Ocse vedevano più nero).

Guardando oltre la Svizzera - Uno sguardo oltre i confini nazionali permette inoltre di inserire la situazione elvetica nel quadro globale. Nell'Eurozona il Pil è sceso del -6,8%, con l'Italia a -8,9%, la Francia a -8,2% e la Germania a -4,9%. Il Regno Unito mostra un -9,9%, gli Stati Uniti -3,5% (calo peggiore dal 1946). La Cina si è invece rivelata in contro tendenza, segnando un +2,3%. Tutti i dati sono stime dei vari enti locali ufficiali, pubblicate però in tempi diversi negli scorsi giorni o settimane.

L'arretramento più marcato dal 1975 - Sebbene inferiore a quella subita dai principali stati europei, la flessione elvetica del Pil non è comunque di poco conto, se letta in una prospettiva storica: costituisce infatti l'arretramento più marcato dal 1975. Allora l'economia, sulla scia della crisi petrolifera che mise in ginocchio il settore secondario, si contrasse del 6,7%, la diminuzione più elevata del Dopoguerra. Il numero degli occupati scese del 10%, ma il tasso dei senza lavoro rimase contenuto, sotto l'1%: questo perché, non essendo obbligatoria l'assicurazione disoccupazione, centinaia di migliaia di lavoratori stranieri lasciarono la Svizzera. Per fare un confronto con oggi, la disoccupazione media del 2020 si è attestata al 3,1%: in dicembre era al 3,5%, ma fra i lavoratori stranieri era quasi del doppio, al 6,4%, con alcuni Paesi di provenienza anche a doppia cifra.

Tornando ai dati sul Pil elvetico e spezzettando l'anno in quattro parti si nota un rallentamento della ripresa nel quarto trimestre: il Pil è salito del +0,3% rispetto ai tre mesi precedenti, a fronte di una progressione del +7,6% registrata nella terza parte del 2020. Arretramenti importanti sono stati registrati nei settori dei servizi direttamente colpiti dall'inasprimento delle misure di contenimento della pandemia, vale a dire nell'industria alberghiera e della ristorazione (-20,8%), nonché nel comparto dell'arte, dell'intrattenimento e delle attività ricreative (-7,7%). Anche nel segmento dei trasporti e delle comunicazioni (-0,5%), nonché in quello sociosanitario (-0,7%) la creazione di valore ha fatto segnare un andamento negativo: si tratta di cali che i funzionari della Seco giudicano significativi, ma molto meno marcati rispetto a quelli della primavera 2020.

Pure i consumi privati (-1,5%) sono diminuiti meno del primo trimestre dello scorso anno, quando ha avuto inizio la crisi del coronavirus. Di riflesso il commercio ha raggiunto un risultato trimestrale positivo (+1,5%) e anche i servizi finanziari(+0,7%) e quelli alle imprese (+0,4%) hanno registrato una crescita. Progressioni sono state rilevate anche nell'edilizia (+0,4%) e nel settore dei consumi dello Stato (+2,3%).

A differenza del primo semestre 2020 nel periodo ottobre-dicembre le catene di approvvigionamento internazionali non si sono praticamente mai interrotte: l'industria manifatturiera è così tornata a crescere (+1,4%), sostenuta dalla forte domanda in alcune importanti economie asiatiche.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
volabas56 1 mese fa su tio
Sarebbe peggio se calasse U PILU.....
joe69 1 mese fa su tio
Bella scoperta... 2,9% visto la situazione mondiale è "nulla".... Stati Uniti hanno avuto un crollo del 9.5%, i paesi a noi limitrofi : Italia - 8.8% , Germania - 5,6 %, Spagna - 12,4%, Francia -9.4... ecc...PIL eurozona- - 6.8/-7.8%... Pertanto ci è andata di lusso ....
Don Quijote 1 mese fa su tio
@joe69 A te sarà andata di lusso perché il calo del pil non è omogeneo in tutti i settori, ad esempio gli statali, i pensionati, assicurazioni, farmaceutiche e il settore medicale in generale non hanno subito perdite finanziarie o decurtazioni anche importanti di stipendio, per non parlare di chi ha chiuso o chiuderà nei prossimi mesi. Dunque, facile parlare con i piedi al caldo, gli USA sono andati giù del 3.5 non del 9.
joe69 1 mese fa su tio
@Don Quijote Se lo dici tu.... ci credo 👍😁
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
2 ore
Berna riaprirà le terrazze?
L'UFSP ha detto che 4 criteri su 5 non sono ossequiati. Ma è una decisione «anche politica». Il Blick lo dà per certo
SVIZZERA
3 ore
«I bilaterali sono ancora attuali e hanno un futuro»
Il presidente dell'Unione sindacale svizzera dubita che l'Ue voglia innescare un'escalation in merito all'accordo quadro
SVIZZERA
4 ore
Quanto vaccino che viene sprecato
Ogni singola ampolla contiene più dosi di quelle previste. Ma nel nostro paese ciò che avanza non viene utilizzato.
SVIZZERA
14 ore
Ombudsman SRG SSR sommerso dalle lamentele
Nel 2020 ne ha ricevute oltre mille. Una cifra record da ricondurre alle segnalazioni legate al tema Covid
BERNA 
16 ore
Numerosi Cantoni vaccinano dai 65 anni
Ci sono anche i più virtuosi, ma pure chi ha poche richieste e chi va a rilento.
SVIZZERA
16 ore
«Viaggio in treno e con l'auto elettrica»
La pandemia è ancora sotto la luce dei riflettori. Ma la crisi climatica non è finita, ricorda Simonetta Sommaruga
VALLESE
16 ore
Ubriaco, costringe il treno a fermarsi e sale
L'uomo lavora per il produttore di vaccini Moderna.
SVIZZERA
20 ore
Vaccinare i giovani? «La priorità restano le persone a rischio»
Lo ha detto la responsabile Sezione malattie infettive dell'UFSP sollecitata in conferenza stampa
SVIZZERA
20 ore
Oltre 200mila vaccinazioni in una settimana
È la prima volta che si supera questa soglia da quando sono iniziate le somministrazioni.
SVIZZERA
20 ore
Altri 2 241 contagi in Svizzera, 10 morti
Altre 82 persone sono state ricoverate in ospedale. Il bollettino dell'UFSP
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile