tipress (archivio)
SVIZZERA
04.12.20 - 18:520

Dopo il Covid ci si appresta a uno scenario da anni '20

Incombe l'inferno dell'inflazione. E l'esperto lancia allarme

ZURIGO  - Nel 2021 il coronavirus sarà sconfitto, ma con la ripresa economica incombe il pericolo dell'inflazione, che una volta avviata non sarà più possibile fermare: l'allarme giunge dal noto economista tedesco Hans-Werner Sinn, che non esita a tracciare paralleli storici con l'iperinflazione vissuta in Germania durante la Repubblica di Weimar.

«Contromisure sfuggite di mano» - «Il problema è che le contromisure contro il virus sono sfuggite di mano», afferma l'esperto in un'intervista pubblicata dalla Neue Zürcher Zeitung. «Con la giustificazione del Covid-19 è stato possibile realizzare tutte le cose per le quali prima non c'erano soldi. È emersa una mentalità del tipo 'whatever-it-takes' dove non sembravano esserci più barriere».

«Dal crollo della banca statunitense Lehman Brothers nel 2008 succede sempre la stessa cosa», prosegue il professore universitario che dal 1996 al 2016 è stato presidente del rinomato istituto Ifo. «Da allora ci sono stati ripetuti cicli di crediti per la creazione di moneta e di acquisti di attivi da parte delle banche centrali. Questo ha gonfiato in modo drammatico la massa monetaria».

Pericolo inflazione - «I pericoli di questa politica potrebbero diventare evidenti una volta superata la crisi del coronavirus e quando riprenderà l'economia», mette in guardia l'economista. «Una volta che l'inflazione sarà partita, non ci sarà modo di fermarla». Le Banca centrale europea (Bce) dovrebbe in quel momento rallentare e non sarà in grado di farlo.

«Niente retromarcia» - Secondo Sinn la Bce non potrà tornate a un regime di normalità, perché questo avrebbe conseguenze serissime sui bilanci delle banche; un livello più elevato dei tassi metterebbe inoltre in difficoltà gli stati indebitati dell'Eurozona. «Detto in altre parole: non esiste la retromarcia, difficilmente si può uscire da questa via tracciata. Ci troviamo di fronte a un regime permanente con tassi di interesse estremamente bassi che un giorno minaccia di scaricarsi in modo inflazionistico. Quando questo accadrà, si scatenerà l'inferno».

«Scenario da prima guerra mondiale» - Le conseguenze? «C'è da sperare che non sia così grave come dopo la Prima guerra mondiale», risponde il 71enne. «Allora i prezzi prima salirono gradualmente, poi si mossero al galoppo e infine emerse l'iperinflazione, che distrusse quasi completamente il valore del denaro. Non solo l'aristocrazia finanziaria, bensì anche la piccola borghesia ne uscì impoverita, perché troppo povera per possedere azioni e case. Queste persone avevano risparmi e assicurazioni sulla vita, che allora non valevano più nulla. Dieci anni dopo hanno eletto Adolf Hitler cancelliere».

«Non dico che una cosa del genere si ripeterà», puntualizza Sinn. «Ma ora dobbiamo avviare una politica che impedisca a priori che ciò possa succedere. Abbiamo bisogno di restrizioni di bilancio più severe, non possiamo più vivere stampando moneta».

Secondo l'esperto l'inflazione si vede già, in un certo qual modo, nel prezzo di elementi patrimoniali quali gli immobili. «Con i propri soldi si può ancora acquistare beni per le necessità quotidiane, ma non si può più comprare una casa: una giovane famiglia non può permettersi un'abitazione a Zurigo o a Monaco».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
4 ore
Noto attivista Corona-scettico finisce in cure intense con il virus
Il 66enne François de Siebenthal si è opposto pubblicamente alle disposizioni sanitarie decise dal Governo federale.
FOTO
SVIZZERA
6 ore
«Tutte le persone presenti su quell'aereo devono testarsi»
L'UFSP ha scritto un SMS a tutti i passeggeri del volo atterrato questa mattina a Zurigo e proveniente da Johannesburg.
SVIZZERA
7 ore
Nuove Covid-restrizioni a Neuchâtel e San Gallo
Nel cantone romando scatta l'obbligo di mascherina in musei, cinema e chiese. Fortemente raccomandato il telelavoro.
SVIZZERA
8 ore
Licenziati cinque militari no-vax
Facevano parte del Comando forze speciali e senza vaccino non avrebbero potuto effettuare missioni all'estero.
FOTO
ARGOVIA
8 ore
Con il 2.6 per mille combina un disastro
Ieri sera a Mellingen, una 37enne si è messa alla guida della sua automobile completamente ubriaca. Pessima idea.
SVIZZERA
10 ore
La selezione dei pazienti? «È eticamente devastante»
Con le terapie intensive che si riempiono presto i medici dovranno di nuovo effettuare il tanto temuto "triage".
SVIZZERA
13 ore
L'industria degli eventi si prepara alle restrizioni
La regola delle 2G piace alle discoteche. A Zurigo un concerto punk-rock aggiunge il requisito del test antigenico
ZURIGO
21 ore
Quanto è pericolosa Omicron?
Potrebbe essere peggiore della già temibile delta. La parola agli esperti
SVIZZERA
1 gior
Omicron, chiudono i voli diretti con l'Africa australe
La decisione comunicata in serata, dopo l'emergenza della nuova variante, è valida a partire dalle ore 20 di oggi.
BERNA
1 gior
Dopo Pfizer anche Moderna mette il booster
Intanto l'Ufsp raccomanda la dose di richiamo per tutti. La spiegazione: «Migliora la protezione e frena la diffusione»
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile