Keystone
SVIZZERA
03.12.20 - 11:310

Pil svizzero: quest'anno meglio del previsto, l'anno prossimo peggio

Settore farmaceutico e commercio all'ingrosso contribuiscono a migliorare le previsioni per il 2020, spiega Raiffeisen.

L'anno prossimo, però, né consumi né investimenti né esportazioni né importazioni torneranno ai livelli pre-crisi.

SAN GALLO - Dopo la ripresa sorprendentemente sostenuta dell'estate gli esperti di Raiffeisen sono un po' più ottimisti sull'andamento dell'economia svizzera nel 2020. Ma l'anno prossimo la crescita non dovrebbe più essere così vigorosa come previsto finora.

Stando a un comunicato odierno, quest'anno il prodotto interno lordo (PIL) dovrebbe contrarsi «solo» del 3,3%, a fronte del -5,0% da loro anticipato in giugno.

In estate l'economia elvetica aveva beneficiato inaspettatamente di un forte rimbalzo dopo lo shock dell'epidemia di coronavirus: tra luglio e settembre il PIL è salito del 7,2% rispetto al periodo aprile-giugno, quando sulla scia delle restrizioni dovute alla pandemia aveva subito un crollo record del 7,3%.

Con la ripresa nel terzo trimestre l'economia svizzera ha recuperato circa tre quarti delle perdite della prima metà dell'anno, con il PIL poco più di due punti percentuali al di sotto del livello di fine 2019.

Secondo gli economisti del gruppo bancario sangallese l'anno prossimo l'economia elvetica dovrebbe tornare a crescere. È attesa una progressione del 2,8%, molto meno del +4,3% pronosticato in giugno. Ciò «non basterà però a compensare completamente il contraccolpo subito quest'anno». La prosperità dell'economia svizzera dipende dall'evoluzione dell'epidemia; gli esperti prevedono che anche nel 2021 la congiuntura si sviluppi in maniera volubile.

Tutti i componenti del PIL - come consumi, investimenti, esportazioni e importazioni - risulteranno in territorio positivo. Eccezion fatta per le spese pubbliche nessuno di essi tornerà tuttavia ai livelli pre-crisi già nel 2021.

Per quanto riguarda il mercato del lavoro, la disoccupazione dovrebbe salire ancora lievemente. Raiffeisen si aspetta un tasso medio del 3,5% l'anno prossimo.

«Complessivamente, nel confronto con altri paesi, l'economia svizzera dovrebbe superare relativamente bene la crisi», viene affermato nella nota. Ciò è dovuto ad alcune peculiarità elvetiche: oltre ai crediti d'urgenza per il Covid anche la forte creazione di valore aggiunto da parte del settore farmaceutico ha evitato un crollo più marcato dell'industria.

Il commercio all'ingrosso, che contribuisce con oltre il 10% al valore aggiunto lordo complessivo, è stato sostenuto dal commercio di transito. «Come noto la Svizzera è un importante attore nel commercio internazionale di materie prime e altri beni», ricorda Raiffeisen. E «non da ultimo lo Stato aveva a disposizione i mezzi finanziari necessari per lanciare rapidamente misure di sostegno».
 
 

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
TOP NEWS Svizzera
ARGOVIA
2 min
Cadavere in riva alla Limmat, il sospettato ha confessato
Il 31enne fermato ieri avrebbe strangolato l'81enne trovato privo di vita lunedì.
SVIZZERA
34 min
1'699 casi, 52 decessi e 94 ricoveri nelle ultime 24 ore
I tamponi eseguiti ieri sono stati 26'638. Il 6,4% di questi è risultato positivo al Covid-19.
GRIGIONI
1 ora
Frontale a Mulegns, in tre in ospedale
Fortunatamente nessuno ha riportato ferite gravi.
SVIZZERA
1 ora
Covid in Svizzera: le cifre continuano a scendere
L'UFSP ha tracciato un bilancio complessivo della terza settimana di gennaio.
GRIGIONI
3 ore
La variante inglese mette "in quarantena" Arosa
Fino al 6 febbraio il collegamento con gli impianti sciistici di Lenzerheide verrà sospeso.
SVIZZERA
3 ore
Gestione della pandemia nel mondo: ecco dove si situa la Svizzera
Secondo uno studio basato su sei criteri è la Nuova Zelanda ad aver gestito meglio l'emergenza covid. Ultimo il Brasile
BERNA 
4 ore
Gas serra ridotti del 90% entro il 2050
È la strategia climatica adottata ieri dal Consiglio federale.
VIDEO
SVIZZERA
5 ore
«Condotta di volo ad alto rischio dietro lo schianto dello Ju-52»
Lo indica il rapporto finale sull'incidente, costato la vita a venti persone nel 2018, pubblicato oggi dal SISI.
FOTO
SAN GALLO
6 ore
Donna morta su un bus
Una 69enne si è sentita male ieri mattina nei pressi di San Gallo. Inutili i tentativi di salvarle la vita.
ZURIGO
15 ore
La 31enne già vaccinata, ed è subito polemica
La donna ha esibito il certificato di vaccinazione sui social. Ma ci sono over 80 ancora in attesa.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile