Deposit
Chi paga? (foto illustrativa).
SVIZZERA
01.12.20 - 12:270

Quando si sceglie il partner i soldi non contano... ma dopo sì

Secondo un sondaggio della Banca Cler, quando un rapporto si consolida aumenta anche l'importanza del denaro

L'arrivo dei figli mescola poi ancor più le carte in gioco

ZURIGO - I soldi non contano quando si sceglie il partner, ma una volta che il rapporto decolla assumono la loro importanza: è quanto emerge da un sondaggio realizzato nella Svizzera tedesca su mandato della Banca Cler.

L'86% degli interpellati ha dichiarato che il denaro non ha inciso in alcun modo sulla scelta della persona con cui intrattenere una relazione. Ma una volta che i ponti sentimentali sono stati gettati, l'approccio sembra cambiare: il 79% ritiene che il tema dei soldi sia importante all'interno della relazione e l'argomento viene quindi regolarmente affrontato, un atteggiamento condiviso anche dai giovani sotto i 30 anni, sottolineano gli autori della ricerca.

Il 91% delle persone interrogate sa con esattezza quanto guadagna il proprio compagno o la propria compagna. Il 55% del campione - 507 persone di età compresa fra i 15 e i 65 anni residenti nei cantoni germanofoni contattate in ottobre - si dice anche convinto che le spese comuni vadano suddivise equamente all'interno della coppia, anche se uno dei partner ha un reddito più elevato.

Raramente la questione delle finanze dà luogo a discussioni o litigi: più della metà degli intervistati (il 56%) dichiara che il tema provoca scontri nella coppia solo di rado, se non addirittura mai. Alla domanda se il partner guadagni abbastanza, il 52% risponde di sì, il 21% di no, mentre per circa un quarto questo aspetto è privo di importanza. Ad ad essere soddisfatte del salario del compagno sono più le donne (56%).

L'arrivo dei figli, però, rimescola completamente le carte: da quel momento in avanti, le spese di una certa entità vengono discusse prima insieme (60%) e i conti prevalentemente gestiti in comune (66%). La presenza della prole incide anche sull'atteggiamento verso un eventuale maggior contributo ad opera del partner maggiormente benestante: il 60% è dell'opinione che chi guadagna di più debba anche pagare una quota più consistente.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Viperus 10 mesi fa su tio
Strano che quelli con più soldi, indifferentemente se hanno 15 o 90 anni, hanno sempre le donne più belle....a quanto pare i soldi interessano SOPRATTUTTO PRIMA e non dopo...
Volpino. 10 mesi fa su tio
Wow, hanno scoperto l'acqua calda.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
TURGOVIA
1 ora
A 77 anni in carcere per non pagare la multa
Una donna turgoviese si è presentata ieri davanti alla prigione di Frauenfeld per espiare la sua pena.
SVIZZERA
2 ore
Vinto il jackpot di Euromillions più alto di sempre
Sette persone hanno invece portato a casa 700mila franchi a testa.
SVIZZERA
6 ore
L'UDC rimane saldamente il primo partito svizzero
Segue il PS, che ha alle calcagna PLR, Alleanza del Centro e Verdi, secondo l'ultimo Barometro elettorale della SSR
SVIZZERA
6 ore
«Perso il 28% del fatturato a causa del certificato»
Lo rileva un sondaggio condotto da GastroSuisse dopo l’introduzione dell’obbligo.
FOTO
ZUGO
8 ore
Violento frontale, due automobiliste all'ospedale
L'incidente è avvenuto nel primo pomeriggio di oggi sulla cantonale tra Baar e Neuheim.
SVIZZERA
10 ore
Vaccinazioni: 8'757 casi con effetti collaterali
Si tratta all'incirca di otto casi ogni 10'000 inoculazioni effettuate nel nostro Paese.
SVIZZERA
11 ore
Si resta sotto i mille contagi
Si contano anche 22 nuovi ricoveri. Sempre di meno i pazienti Covid-19 in cure intense.
SVIZZERA
11 ore
Legge Covid-19 «discriminatoria e arbitraria»
I democentristi invitano il popolo a respingere il testo che andrà in votazione il prossimo 28 novembre.
GINEVRA
14 ore
Sferrò un calcio all'avversario, finirà in carcere
È stato condannato l'uomo che nel 2018 tirò un calcio in faccia a un avversario durante una partita di Quarta Lega.
SVIZZERA
14 ore
Legge Netflix: «Una truffa ai danni di consumatori e giovani»
Il comitato che intende lanciare un referendum contro la Legge ha presentato le sue argomentazioni.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile