Depositphotos (orelphoto2)
L'ETH ha trovato una falla di sicurezza nelle carte di credito Visa.
SVIZZERA
01.09.20 - 10:300

Carte di credito Visa, l'ETH sostiene di aver trovato una falla di sicurezza

«Il codice PIN è praticamente inutile con queste carte» spiega un ricercatore dell'ateneo

ZURIGO - C'è una falla critica in un protocollo utilizzato dalla società di carte di credito Visa. Lo sostengono alcuni ricercatori del Politecnico federale di Zurigo (ETH), precisando che questa vulnerabilità consente a eventuali truffatori di ottenere denaro da carte che sono state smarrite o rubate. Ciò anche se per determinati importi è necessario inserire un codice PIN.

«Il codice PIN è praticamente inutile con queste carte», ha indicato il ricercatore informatico dell'ETH Jorge Toro Pozo, citato in un comunicato odierno dell'ateneo.

Per determinati importi - solitamente superiori a 40 franchi - è necessario inserire il PIN per procedere al pagamento, ma i ricercatori hanno trovato nel protocollo, tramite un complicato procedimento con una applicazione, un modo per aggirare il sistema di sicurezza della carta di credito. In questo modo, sebbene l'importo sia superiore al limite e richieda la verifica del PIN, non viene richiesto alcun codice.

Altre aziende come Mastercard, American Express e JCB utilizzano un protocollo diverso da Visa e dunque non sono colpite da questa lacuna nel sistema. Sussistono tuttavia sospetti su altri emittenti di carte di credito, ad esempio UnionPay e Discover.

L'ETH ha già avvisato Visa in merito alla falla nella sicurezza. Secondo i ricercatori, per risolvere il problema sono sufficienti tre aggiunte al protocollo, le quali potrebbero venir semplicemente incluse nel prossimo aggiornamento del software sui terminali di pagamento. «Non c'è bisogno di sostituire le carte», ha sottolineato Toro Pozo.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
ARGOVIA
37 min
Arringa la folla di manifestanti anti restrizioni: docente cantonale licenziato in tronco
Per la direzione, non avrebbe dovuto presentarsi come insegnante. L'interessato: «Rifarei tutto».
FOTO
NEUCHÂTEL
1 ora
Manifestanti anti-misure in corteo a Neuchâtel
È già il secondo corteo quest'anno e c'erano circa 800 manifestanti
LUCERNA
2 ore
Il software per le tasse è un gran pasticcio, il Cantone si scusa in video
A Lucerna tanti problemi per il nuovo programma, soprattutto fra i senior: «Ci dispiace che si siano sentiti insultati»
GRIGIONI
4 ore
Terrazze chiuse? I gestori grigionesi si concedono una piccola proroga
Avrebbero dovuto smantellarle oggi, ma approfitteranno dell'ultimo weekend della stagione.
FOTO
SAN GALLO
5 ore
Una Ferrari distrutta dalle fiamme
Nessun ferito, ma danni per oltre centomila franchi. È il bilancio dell'incendio sull'A13
SVIZZERA
5 ore
Jacqueline rimanda le prove di primavera (ma in Ticino un po' meno)
Al Nord delle Alpi il vento freddo riporta il termometro attorno allo 0, a Sud invece sarà solo un attimo più frescolino
ZURIGO
5 ore
Investito dal tram: morto un 82enne
L'incidente si è verificato oggi a Zurigo alla fermata Talwiesenstrasse
SVIZZERA
6 ore
«Bar e ristoranti vanno riaperti il 22 marzo»
È quanto chiede la Commissione dell'economia e dei tributi del Consiglio nazionale
FRIBURGO / BERNA
8 ore
Con l'auto rubata contro un camion
Si è concluso così un inseguimento che ha avuto luogo nella notte sull'A12 tra Bulle e Berna
SVIZZERA / AUSTRIA
9 ore
Attentato di Vienna: i due islamisti svizzeri sarebbero stati complici della mattanza
Tre mesi prima dell'attacco avrebbero viaggiato in auto da Winterthur alla capitale austriaca e soggiornato da Kujtim F.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile