Keystone
SVIZZERA
27.08.20 - 08:020

La pandemia provoca un crollo storico del PIL

Il prodotto interno lordo nel secondo trimestre è sceso dell'8,2%. Non era mai successo prima.

Nel confronto internazionale, il nostro Paese ha però subito una contrazione relativamente moderata.

BERNA - Nel 2° trimestre 2020 il PIL svizzero è retrocesso dell’8,2%, dopo la flessione (riveduta) del 2,5% del trimestre precedente. La pandemia e le misure di contenimento adottate hanno limitato fortemente l’attività economica in Svizzera. Nel contempo anche l’economia mondiale è slittata in una pesante recessione. Nel confronto internazionale il calo del PIL svizzero è però stato relativamente moderato.

Nel 2° trimestre il PIL svizzero ha registrato la più drastica flessione dall’inizio dei rilevamenti dei dati trimestrali, nel 1980. Rispetto alla situazione prima della crisi del coronavirus, ossia al 4° trimestre 2019, il crollo del PIL nella prima metà del 2020 in termini cumulativi è stato del 10,5%. Nel confronto internazionale la struttura settoriale della nostra economia ha però contribuito a limitare i danni.

Bene il settore farmaceutico - Il settore farmaceutico, di grande rilievo, ha incrementato i suoi fatturati e ha così impedito un crollo ancora più marcato di tutta quanta l’industria manufatturiera (–9,0%). A seguito della crisi internazionale, i settori industriali – come quelli dei macchinari, della metallurgia, degli strumenti di precisione e dell’orologeria – hanno invece accusato un duro colpo. Di conseguenza le esportazioni di merci (−9,4%) sono fortemente diminuite.

Crollo nell'alloggio e nella ristorazione - Nel 2° trimestre il settore dei servizi è stato il più colpito dalle misure sanitarie di contenimento della pandemia e la creazione di valore si è incrinata su tutta la linea. Anche qui, però, nel raffronto internazionale, la struttura settoriale ha avuto un effetto stabilizzante. Nel settore dell’alloggio e della ristorazione (−54,2%) e nel settore dei trasporti e della comunicazione (−21,7%) il crollo è stato particolarmente marcato. In Svizzera, però, i servizi orientati al turismo contribuiscono al PIL con una percentuale più esigua che nella maggior parte dei Paesi limitrofi.

Lieve calo nel commercio - Nel commercio (−3,6%) il calo della creazione di valore è risultato relativamente lieve. Da una parte il commercio di transito è aumentato nettamente e, dall’altra, il commercio al dettaglio si è evoluto in maniera relativamente solida, anche tenendo conto della chiusura delle aziende di ristorazione e delle limitazioni di viaggio. Sono invece retrocessi fortemente il settore sanitario (–8,6%), i servizi alle imprese (–8,6%) e, di conseguenza, anche le esportazioni di servizi (–15,9%).

Scendono anche investimenti e importazioni - Le misure sanitarie di contenimento della pandemia hanno frenato il consumo privato (–8,6%). La chiusura di negozi e locali e le altre limitazioni – come nella sanità e nel settore dei viaggi – hanno comportato un’implosione delle spese nella maggior parte degli ambiti del consumo. I canali di vendita alternativi, come quello online, hanno saputo compensare le perdite soltanto parzialmente. Sono regrediti fortemente anche gli investimenti nell’edilizia (–4,0%) e gli investimenti in beni di equipaggiamento (–11,7%), mentre il consumo dello Stato è aumentato soltanto lievemente (+0,2%). Nel complesso la domanda interna finale ha subìto un crollo di dimensioni storiche (–7,4%). Sono pertanto crollate anche le importazioni di beni (–14,3%) e servizi (–22,2%).

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
VALLESE
4 ore
A 239 km/h sui 120: rischia almeno un anno di carcere
Si tratta di un ventenne che la polizia ha fermato sabato in Vallese, lungo l'autostrada A9
SVIZZERA / UNIVERSO
4 ore
Sarà un robot svizzero a ripulire lo spazio
I detriti presenti sull'orbita terrestre saranno ripuliti da un robot realizzato dal Politecnico federale di Losanna
ZURIGO
6 ore
Credit Suisse: arriva il banchiere con il burnout
Sarà il nuovo presidente del Cda. Il suo "esaurimento" l'ha portato a rivalutare la salute mentale dei dipendenti.
SVIZZERA
8 ore
«Non vogliamo vaccinare i bambini per ora»
Il punto da Berna con la responsabile delle malattie infettive Virginie Masserey e il capo-farmacista dell'Esercito
GRIGIONI
9 ore
«Meglio la gente sulle piste, che in paese»
Il governo grigionese non vuole sentir parlare di chiusura degli impianti. «Così i turisti si riverseranno nei centri»
FOTO
BASILEA CAMPAGNA
9 ore
Terribile schianto in galleria: morta una 55enne
L'incidente è avvenuto questa mattina nel tunnel di Eggflue sull'A18 in territorio di Grellingen.
SVIZZERA
10 ore
Quando si sceglie il partner i soldi non contano... ma dopo sì
Secondo un sondaggio della Banca Cler, quando un rapporto si consolida aumenta anche l'importanza del denaro
SVIZZERA
10 ore
Violi le norme Covid? Multe fino a 300 franchi
Lo ha deciso oggi il Consiglio nazionale che sta esaminando le modifiche alla Legge Covid-19
SVIZZERA
10 ore
Covid, in Svizzera altri 3'802 casi e 107 decessi
Il 19,2% dei test effettuati nelle ultime ventiquattro ore sono risultati positivi
FOTO
SVIZZERA
10 ore
Decine di incidenti nelle prime ore del mattino
Con dicembre arriva la neve. E con essa i primi disagi sulle strade.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile