Keystone
SVIZZERA
19.06.20 - 15:000

Quella clientela cinese che fa sempre più gola alle banche svizzere

Che stanno pianificando di aumentare il personale a loro dedicato in questo 2020 con assunzioni ad hoc

Punto di partenza verso la grande Asia, confermano gli esperti, è Singapore

ZURIGO/SINGAPORE - I cinesi ricchi fanno gola alle grandi banche svizzere che, come altri istituti internazionali, stanno pianificando di aumentare l'organico a loro dedicato. Nel corso del prossimo anno, il personale orientato verso questa specifica clientela potrebbe gonfiarsi anche del 20-30%.

È quanto riferiscono all'agenzia Reuters vari banchieri e responsabili delle risorse umane, che si occupano del reclutamento. Leader del settore elvetico come UBS, Credit Suisse e Julius Bär impiegano già centinaia di dipendenti a Singapore e dispongono di team più piccoli in città come Zurigo che si occupano dei clienti della cosiddetta Grande Cina, di cui fa parte pure Hong Kong.

Proprio Singapore è al centro del piano d'espansione. La domanda di banchieri nella città-Stato è in progressione dallo scorso anno, quando le proteste a Hong Kong hanno spinto molti clienti a prendere in considerazione sedi alternative per i propri beni.

Secondo attivisti per i diritti civili e dimostranti infatti, la prevista legge cinese sulla sicurezza per l'ex colonia britannica porterà a una maggiore influenza sulla metropoli da parte del governo di Pechino. Questo ha ulteriormente alimentato la speculazione su una fuga di capitali.

Stando a David Shick, responsabile del private banking della regione Grande Cina presso Julius Bär, l'Asia è il secondo mercato domestico in ordine di importanza per il suo datore di lavoro: «Continueremo a reclutare i migliori talenti a Singapore e Hong Kong», ha detto. UBS e Credit Suisse, attive negli scorsi mesi nell'assicurarsi nuovi collaboratori in queste zone, si sono astenute dal prendere posizione.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
GINEVRA 
3 ore
Gli ospedali universitari attivano il dispositivo di gestione delle crisi
Raddoppiato in pochi giorni il numero di infetti.
SVIZZERA
3 ore
«Stiamo volando a vista invece di pianificare le prossime mosse»
L'idea è sapere in anticipo quali restrizioni entreranno in vigore a partire da quale soglia di gravità della situazione
SVIZZERA
6 ore
Test rapidi: risultati affidabili in 15 minuti
Dal 25 settembre Unisanté sta conducendo uno studio sui test rapidi.
VAUD
7 ore
Boom delle vendite grazie al telelavoro, Logitech vola in borsa
Tra luglio e settembre l'impresa ha realizzato ricavi per 1,26 miliardi di dollari
SVIZZERA
8 ore
«I pazienti in terapia intensiva sono in rapido aumento»
Per gli esperti della Confederazione la seconda ondata «è arrivata più velocemente e più forte del previsto».
BASILEA CAMPAGNA
8 ore
Toh, c'è un'auto sul prato di casa!
La vettura era parcheggiata in un quartiere residenziale. Ma si è messa in movimento ed è finita in un giardino
SVIZZERA
9 ore
Troppo alcol in famiglia
Un fanciullo su venti in Svizzera cresce con un genitore alcolista. Lo dice il rapporto Obsan sulle dipendenze
SVIZZERA
10 ore
Legge sul CO2: «Controproducente e costosa»
L'UDC è scesa in campo a sostegno del referendum
SVIZZERA
10 ore
Più di 3'000 casi e altri 53 ricoveri
I tamponi effettuati nel nostro Paese nella giornata di ieri sono 14'224. Il 21,1% ha dato esito positivo.
TURGOVIA
11 ore
Bimbo fermato da uno sconosciuto che tenta di fargli bere qualcosa
L'episodio si è verificato ieri pomeriggio nella località turgoviese di Weinfelden. Il bimbo non ha riportato ferite
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile