Keystone
SVIZZERA
18.06.20 - 08:150
Aggiornamento : 09:51

La BNS: «Le banche svizzere dovrebbero resistere alla crisi»

Lo sostiene un suo recente rapporto che parla soprattutto delle prospettive di Ubs e Credit Suisse

Per quanto riguarda il PIL le previsioni sono di una contrazione del 6%

La crisi del coronavirus e le prospettive economiche fortemente offuscate pongono le banche svizzere di fronte a grandi sfide. Secondo la Banca nazionale svizzera (BNS), tuttavia, anche la maggior parte degli istituti che si concentrano sul mercato interno dovrebbe sopravvivere a questa tempesta

Nell'attesa che l'economia globale guarisca le sue ferite e torni alla normalità, le banche svizzere dovranno stringere i denti, ha sottolineato la BNS nel suo "Rapporto sulla stabilità finanziaria 2019" pubblicato oggi. Ciò vale in particolare per UBS e Credit Suisse.

La Banca nazionale prevede un peggioramento dei risultati della gestione patrimoniale e dell'investment banking per questi due istituti di importanza sistemica. Ciononostante ritiene che UBS e il Credit Suisse siano ben capitalizzati e ben posizionate per affrontare le difficoltà senza grossi ostacoli.

PIL in contrazione del 6% - La BBNS prevede per l'anno in corso una contrazione del prodotto interno lordo (Pil) di circa il 6%. Nel contempo mantiene invariata la sua politica monetaria, orientata agli interessi negativi per evitare un rafforzamento ritenuto eccessivo del franco.

Stando a quanto comunicato stamane l'istituto d'emissione lascia fermo al -0,75% il suo tasso guida, confermando anche gli interessi negativi, pure del -0,75%, sui conti giro presso la BNS.

La conferma di questi dati, ampiamente prevista dagli analisti, non era una sorpresa. L'interesse degli investitori, alla vigilia del tradizionale esame trimestrale della situazione economica e monetaria, era quindi focalizzato sulle prospettive congiunturali. Si trattava in particolare di sapere se l'entità guidata da Thomas Jordan si sarebbe accodata al pessimismo mostrato da altre grandi banche centrali, sulla scia della crisi innescata dal coronavirus.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
GINEVRA 
2 ore
Gli ospedali universitari attivano il dispositivo di gestione delle crisi
Raddoppiato in pochi giorni il numero di infetti.
SVIZZERA
2 ore
«Stiamo volando a vista invece di pianificare le prossime mosse»
L'idea è sapere in anticipo quali restrizioni entreranno in vigore a partire da quale soglia di gravità della situazione
SVIZZERA
5 ore
Test rapidi: risultati affidabili in 15 minuti
Dal 25 settembre Unisanté sta conducendo uno studio sui test rapidi.
VAUD
5 ore
Boom delle vendite grazie al telelavoro, Logitech vola in borsa
Tra luglio e settembre l'impresa ha realizzato ricavi per 1,26 miliardi di dollari
SVIZZERA
7 ore
«I pazienti in terapia intensiva sono in rapido aumento»
Per gli esperti della Confederazione la seconda ondata «è arrivata più velocemente e più forte del previsto».
BASILEA CAMPAGNA
7 ore
Toh, c'è un'auto sul prato di casa!
La vettura era parcheggiata in un quartiere residenziale. Ma si è messa in movimento ed è finita in un giardino
SVIZZERA
8 ore
Troppo alcol in famiglia
Un fanciullo su venti in Svizzera cresce con un genitore alcolista. Lo dice il rapporto Obsan sulle dipendenze
SVIZZERA
9 ore
Legge sul CO2: «Controproducente e costosa»
L'UDC è scesa in campo a sostegno del referendum
SVIZZERA
9 ore
Più di 3'000 casi e altri 53 ricoveri
I tamponi effettuati nel nostro Paese nella giornata di ieri sono 14'224. Il 21,1% ha dato esito positivo.
TURGOVIA
9 ore
Bimbo fermato da uno sconosciuto che tenta di fargli bere qualcosa
L'episodio si è verificato ieri pomeriggio nella località turgoviese di Weinfelden. Il bimbo non ha riportato ferite
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile