Keystone
SVIZZERA
09.06.20 - 10:560

Crollo del PIL elvetico: in calo i prezzi e in aumento la disoccupazione

Economiesuisse ha condiviso le proprie previsioni sulla ripresa economica in corso

Le prospettive dell'industria dell'export restano cupe

BERNA - Il prodotto interno lordo (Pil) scenderà del 5,4% quest'anno e per ritrovare i livelli ante-crisi occorrerà aspettare il 2022: è la previsione di Economiesuisse, l'associazione che rappresenta le imprese elvetiche, che pronostica anche un forte aumento della disoccupazione.

Nella morsa del coronavirus, la Svizzera sta attraversando la più grave recessione da diversi decenni a questa parte, afferma l'organizzazione in un comunicato odierno. La situazione economica è paragonabile allo shock del petrolio che aveva comportato nel 1975 un crollo del Pil del 6,7%; il rallentamento congiunturale attuale è invece molto più marcato di quello che ha fatto seguito alla crisi dei mercati finanziari.

Passando ai numeri concreti, al -5,4% del Pil nel 2020 secondo Economiesuisse seguirà un rimbalzo del 4,1% nel 2021. È probabile che il livello economico che la Svizzera aveva prima della crisi non possa essere raggiunto prima del 2022. Sono attesi inoltre un calo dei prezzi (-1,1% quest'anno, -0,5% nel 2021) e un aumento della disoccupazione (rispettivamente al 3,8% e 4,3%).

I timori dell'export - Durante il confinamento, l'attenzione si è concentrata soprattutto sull'economia interna che, con la ripresa delle attività commerciali, si sta risollevando in modo relativamente rapido. Le prospettive dell'industria d'esportazione restano invece cupe. Fintanto che non sarà disponibile un vaccino su larga scala, tre fattori peseranno sull'economia: il morale dei consumatori (influenzato da restrizioni e incertezza), la limitazione degli spostamenti e la scarsa propensione delle imprese a investire. Numerosi progetti sono stati annullati o rinviati, in attesa che venga fatta chiarezza sugli ulteriori sviluppi. Tutto questo crea difficoltà all'export elvetico.

Per quanto riguarda la congiuntura interna, vi sono grandi differenze fra le regioni. La contrazione economica è di fatto nettamente più marcata nella Svizzera romanda rispetto alla Svizzera tedesca. Le perdite sono ancora più gravi in Ticino, dove i cantieri sono rimasti chiusi per settimane.

Differenze tra settori - Il commercio al dettaglio e la ristorazione non potranno compensare la diminuzione delle vendite subìte in marzo e in aprile. La domanda di servizi bancari resta per il momento stabile, ma la diminuzione dei redditi e degli attivi nonché gli investimenti rinviati potrebbero avere un impatto negativo sul volume delle attività a medio termine. Il calo dell'attività nella costruzione sarà modesto.

Secondo Economiesuisse i consumi privati in Svizzera non diminuiranno così drasticamente come si temeva qualche settimana fa. A causa dell'elevato grado di incertezza gli investimenti nei beni d'equipaggiamento stanno però calando. Il commercio estero registra una contrazione, con un crollo sia delle esportazioni che delle importazioni dell'ordine del 10%.

Rispetto ad altri Paesi la recessione in Svizzera si presenta comunque un po' meno marcata, grazie al lavoro ridotto, agli importanti crediti messi a disposizione per superare i problemi di liquidità e all'industria chimica e farmaceutica, poco toccata dalla crisi.

L'incertezza continua - Le previsioni valgono comunque se non vi sarà una nuova fase di confinamento in Svizzera o nei principali Paesi che sono partner commerciali. Sono anche pensabili vari scenari sfavorevoli: il conflitto commerciale tra gli Stati Uniti e la Cina potrebbe aggravarsi e i disordini negli Usa ampliarsi. In Europa, è soprattutto la situazione dell'Italia e della Spagna a preoccupare: se i mercati mettessero ad esempio in dubbio la solvibilità dell'Italia vi sarebbe il rischio di una nuova crisi dell'euro, con susseguente apprezzamento del franco.

Anche la Brexit potrebbe indurre a distorsioni. Un'evoluzione molto più positiva sarebbe per contro possibile nell'eventualità che fosse disponibile un vaccino anti Covid-19 già nell'inverno 2020/21.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Tato50 8 mesi fa su tio
Mettetevi poi d'accordo perché al TG delle 12.30 hanno mostrato che la disoccupazione in Ticini è diminuita dello 0,01 % mentre nei Grigioni è aumentata ;-((
roma 8 mesi fa su tio
...il "rimbalzo" del PIL nel 2021 previsto da Economiesuisse tiene già anche conto della seconda "impestata"?
Heinz 8 mesi fa su tio
@roma Lascia stare... sono previsioni affidabili come la meteo di oggi per il primo di novembre!
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
1 ora
Covid-19: 2'560 casi nel weekend svizzero
Sono 16 i decessi registrati da venerdì a causa del virus.
SVIZZERA
2 ore
Posta «affidabile» nel 2020: i mesi più difficili, però, non sono stati nemmeno conteggiati
In primavera e in autunno Berna aveva dispensato il Gigante giallo dai vincoli, per garantire i servizi indispensabili.
ARGOVIA
2 ore
Cadavere trovato un anno fa in una grotta: «Fu omicidio»
Il corpo, ritrovato senza vita il 5 aprile 2020 vicino a Brügg, apparteneva a un 24enne zurighese scomparso nel 2019.
SVIZZERA
3 ore
Una pandemia di donne arrabbiate
In Svizzera il Covid ha colpito l'occupazione femminile. Ma le relazioni coniugali ne hanno beneficiato
SVIZZERA
4 ore
«Vogliono zittire la scienza»
I Verdi lanciano un appello in difesa della task-force Covid
SVIZZERA
4 ore
Sunrise e UPC mantengono i nomi, e ora regalano abbonamenti e laptop
Sunrise e UPC hanno deciso di non eliminare i propri marchi nonostante la fusione. Offerte, vantaggi e regali
SVIZZERA
6 ore
L'immagine della Svizzera «scalfita» dalla pandemia
Lo sostiene Nicolas Bideau, direttore di Presenza Svizzera. Ma aggiunge che il paese è equipaggiato per questa sfida
SVIZZERA
6 ore
La crisi del cioccolato svizzero
La produzione è in calo. E anche noi ne mangiamo meno: per la prima volta dal 1982 consumi sotto i 10 chili a testa
SVIZZERA
6 ore
Bene cibo e hi-tech, male il resto
Il commercio al dettaglio ha sofferto nel mese di gennaio, con alcune eccezioni. I dati dell'UST
SVIZZERA
6 ore
Anche i giocattoli colpiti dalla crisi del coronavirus
Nel 2020 Franz Carl Weber ha perso 2 milioni di franchi. È però stato registrato un aumento delle vendite online
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile