Archivio Keystone
SVIZZERA
23.04.20 - 08:220
Aggiornamento : 11:38

Credit Suisse: utile netto in crescita del 75% nel primo trimestre

Cifre superiori alle attese. Gottstein: «Il nostro modello di gestione patrimoniale è resistente»

ZURIGO - Utile netto in crescita del 75% su base annua a 1,3 miliardi di franchi per Credit Suisse nel primo trimestre di quest'anno. Lo ha comunicato oggi il numero due bancario elvetico precisando che si tratta del miglior risultato trimestrale degli ultimi cinque anni.

L'utile ante-imposte si è attestato a 1,20 miliardi, in progressione del 13%. Senza tener conto dei 268 milioni di franchi derivanti dalla conclusione della vendita della piattaforma Investlab ad Allfunds e di piccoli accantonamenti per vertenze giuridiche rilevanti - viene spiegato in una nota - il risultato prima delle imposte sarebbe ammontato solo a 951 milioni, con una flessione dell'11% rispetto al primo trimestre del 2019.

Le varie divisioni hanno tutte registrato un risultato positivo eccetto Investment Banking and Capital Markets, che ha subito una perdita ante-imposte di 392 milioni di franchi dopo i -94 milioni registrati un anno prima. Swiss Universal Bank ha realizzato un utile di 589 milioni (+7%), International Wealth Management di 537 milioni (+3%), Global Markets di 342 milioni (+21%) e Asia Pacific di 252 milioni (+38%).

Le cifre sono globalmente superiori alla media delle previsioni degli analisti interrogati dall'agenzia finanziaria Awp: solo l'utile ante-imposte è leggermente inferiore alle attese che pronosticavano 1,25 miliardi.

«Il nostro modello di gestione patrimoniale si è dimostrato ancora una volta resistente, consentendoci al tempo stesso di sfruttare le nostre capacità di investment banking per i nostri clienti in un periodo di elevata volatilità», indica citato nella nota il nuovo CEO Thomas Gottstein, che ha sostituito Tidjane Thiam alla guida del Credit Suisse a metà febbraio.

Considerando gli effetti attesi dalla pandemia, Credit Suisse ha seguito l'esempio di diverse grandi banche americane e ha effettuato accantonamenti e rettifiche di valore: a causa del difficile contesto economico e della pressione sui prezzi del petrolio è stata costituita una "riserva" di 1,03 miliardi di franchi.

Di tale importo 568 milioni sono accantonamenti per rischi di credito in tutte e cinque le divisioni, mentre 444 milioni sono rettifiche di valore, cosiddette perdite "mark-to-market" (ossia misurate sulla base del valore di mercato corrente).

L'ampiezza della crisi scatenata dal Covid-19 resta però difficile da giudicare, afferma la banca. Nei prossimi trimestri potrebbe quindi rendersi necessario costituire ulteriori riserve ed effettuare altri accantonamenti, soprattutto nel segmento del Corporate Banking e per altri prestiti al di fuori della Svizzera nonché in relazioni agli investimenti nell'Asset Management.

Inoltre la ripresa delle tasse di consulenza ed emissione potrebbe risultare modesta, perlomeno fino a quando la pandemia non si ridurrà e l'economia globale non comincerà a riprendersi. Il Credit Suisse si dice però convinto di riuscire a ottenere risultati solidi anche durante l'attuale crisi.

In relazione alle misure urgenti per lenire gli effetti dell'epidemia, la banca mette in evidenza il suo ruolo attivo nella concessione di crediti ponte alle piccole e medie imprese elvetiche: nell'ambito dell'attuale programma di sostegno sono stati finora concessi circa 14'000 prestiti per un valore complessivo di 2,4 miliardi di franchi.

Il Credit Suisse ha anche lanciato internamente una raccolta di fondi a favore di organizzazioni benefiche; l'istituto raddoppierà l'importo devoluto dai collaboratori. Inoltre il presidente del Consiglio d'amministrazione e i membri della direzione si sono impegnati a donare almeno il 20% del proprio salario di base dei prossimi sei mesi.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
GINEVRA 
2 ore
Gli ospedali universitari attivano il dispositivo di gestione delle crisi
Raddoppiato in pochi giorni il numero di infetti.
SVIZZERA
2 ore
«Stiamo volando a vista invece di pianificare le prossime mosse»
L'idea è sapere in anticipo quali restrizioni entreranno in vigore a partire da quale soglia di gravità della situazione
SVIZZERA
5 ore
Test rapidi: risultati affidabili in 15 minuti
Dal 25 settembre Unisanté sta conducendo uno studio sui test rapidi.
VAUD
6 ore
Boom delle vendite grazie al telelavoro, Logitech vola in borsa
Tra luglio e settembre l'impresa ha realizzato ricavi per 1,26 miliardi di dollari
SVIZZERA
7 ore
«I pazienti in terapia intensiva sono in rapido aumento»
Per gli esperti della Confederazione la seconda ondata «è arrivata più velocemente e più forte del previsto».
BASILEA CAMPAGNA
7 ore
Toh, c'è un'auto sul prato di casa!
La vettura era parcheggiata in un quartiere residenziale. Ma si è messa in movimento ed è finita in un giardino
SVIZZERA
8 ore
Troppo alcol in famiglia
Un fanciullo su venti in Svizzera cresce con un genitore alcolista. Lo dice il rapporto Obsan sulle dipendenze
SVIZZERA
9 ore
Legge sul CO2: «Controproducente e costosa»
L'UDC è scesa in campo a sostegno del referendum
SVIZZERA
9 ore
Più di 3'000 casi e altri 53 ricoveri
I tamponi effettuati nel nostro Paese nella giornata di ieri sono 14'224. Il 21,1% ha dato esito positivo.
TURGOVIA
10 ore
Bimbo fermato da uno sconosciuto che tenta di fargli bere qualcosa
L'episodio si è verificato ieri pomeriggio nella località turgoviese di Weinfelden. Il bimbo non ha riportato ferite
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile