Keystone
STATI UNITI / SVIZZERA
25.09.19 - 09:240

Novartis attribuisce la colpa delle manipolazioni a due ex dipendenti di AveXis

L'autorità ha accusato in agosto il colosso farmaceutico di aver scientemente fornito dati manipolati di test nell'ambito della procedura di approvazione dello Zolgensma

NEW YORK - Nella vicenda della manipolazione dei dati di test relativi a Zolgensma, una terapia genica con un costo stimato a 2,1 milioni di dollari, Novartis attribuisce la colpa a due ex dipendenti di alto livello della filiale AveXis. Il gruppo farmaceutico basilese li accusa di aver alterato i dati personalmente o di aver messo sotto pressione dei subalterni perché lo facessero. È quanto emerge da una lettera di risposta di Novartis all'agenzia americana per i medicinali FDA pubblicata ieri da quest'ultima.

L'autorità ha accusato in agosto il colosso farmaceutico di aver scientemente fornito dati manipolati di test nell'ambito della procedura di approvazione dello Zolgensma. I dati in questione riguardano test su animali effettuati all'inizio dello sviluppo del medicinale da parte di AveXis, rilevata nel maggio dell'anno scorso dall'azienda elvetica per 8,7 miliardi di dollari.

Soltanto cinque settimane dopo aver ottenuto l'autorizzazione della FDA, il 28 giugno, Novartis ha informato l'agenzia «del problema concernente una manipolazione dei dati che può influenzare la correttezza di talune informazioni», aveva spiegato la stessa FDA.

Il gruppo farmaceutico sostiene di aver aperto un'inchiesta nel momento in cui AveXis è venuta a conoscenza di possibili manipolazioni dei dati in un test sugli animali; non appena erano disponibili "risultati interni" questi sono stati trasmessi alla FDA.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
VIDEO
ZURIGO
10 ore
La campagna shock della Polizia contro i video vietati sugli smartphone
Sono tantissimi i giovani svizzeri che hanno clip di violenza o porno estremo sui loro smartphone, le autorità: «È illegale, cancellateli»
GINEVRA
12 ore
Una moneta d'oro da 170.000 franchi
Battuto all'asta a Ginevra un pregiato pezzo prodotto per commemorare la fine del restauro di Notre-Dame a Parigi nel 1864
SVIZZERA
13 ore
Easyjet: aumentano i passeggeri in Svizzera
La compagnia inglese a basso costo ha trasportato nell'esercizio 2018/2019 15,1 milioni di persone
BASILEA CITTÀ
14 ore
Stormy Daniels non potrà venire in Svizzera per Extasia
La pornodiva della querelle con Trump doveva essere il volto della fiera hard renana, per lei pare ci siano stati problemi di passaporto
FOTO
SVIZZERA / MONDO
15 ore
Dove andare (o non andare) in vacanza? Te lo dice la mappa dei rischi
Quali pericoli e quali incognite si nascondono nei vari Paesi del mondo? Quali nazioni possono considerarsi sicure e quali no? Lo spiegano gli esperti di International SOS e Control Risks
SVIZZERA
17 ore
Questa mattina carte in tilt in tutta la Svizzera
La défaillance ha messo in difficoltà diversi negozi anche in Austria e Lussemburgo: «Tutto tornerà lentamente alla normalità»
SVIZZERA
18 ore
L'inquinamento atmosferico causa fino a 2800 morti premature all'anno
La Confederazione ha avviato uno studio pilota per valutare la fattibilità di un programma nazionale di biomonitoraggio.
SVIZZERA
18 ore
Quelli che su TikTok (un giorno) ci faranno i soldi
In molti posano con prodotti di marca e, per gli analisti, il social delle miniclip è un Eldorado con un potenziale tutto da scoprire
SVIZZERA
19 ore
Salari e invecchiamento alimentano i costi della sanità: spendiamo 10'261 franchi pro capite l'anno
L'incremento, secondo lo studio semestrale del KOF, raggiungerà quest'anno il 3,6%
SVIZZERA
20 ore
Ottobre nero, crollano export e import
Il comparto maggiormente toccato dal calo delle vendite è stata l'industria chimico-farmaceutica. In negativo anche il segmento gioielleria e bigiotteria. Segno più per auto e orologi
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile