Keystone
SVIZZERA
11.09.19 - 10:290
Aggiornamento : 11:58

La Finma: Libra vedrà la luce solo con la nostra autorizzazione

La valuta virtuale di Facebook dovrà rispettare la normativa svizzera sul riciclaggio e altre condizioni

BERNA - Libra potrà vedere la luce in Svizzera solo con l'autorizzazione dell'Autorità federale di vigilanza sui mercati finanziari (Finma): ad affermarlo è lo stessa Finma, che ha fornito le prime indicazioni relative agli aspetti giuridici del progetto di criptovaluta di Facebook.

In un comunicato odierno l'autorità conferma di aver ricevuto una richiesta di Libra Association, associazione con sede a Ginevra, riguardo all'inquadramento della questione dal punto di vista della vigente legislazione elvetica.

Libra necessiterebbe di via libera della Finma quale sistema di pagamento secondo la legge sull'infrastruttura finanziaria (LinFi). Automaticamente dovrebbe inoltre sottostare alla normativa elvetica sul riciclaggio di denaro: occorrerebbe garantire il rispetto dei più elevati standard internazionali nell'intero ecosistema del progetto, puntualizzano i funzionari bernesi.

I servizi accessori di Libra dovrebbero essere altresì subordinati all'osservanza di condizioni supplementari, che concernerebbero in particolare l'ambito dei requisiti in materia di ripartizione del capitale (per i rischi di credito, di mercato e operativi), di liquidità e di ripartizione dei rischi, come pure la gestione della riserva.

Le condizioni supplementari dovrebbero basarsi sugli standard riconosciuti per attività comparabili sul mercato finanziario ed essere adeguate alle dimensioni del progetto. Per esempio, i rischi di natura bancaria dovrebbero sottostare a condizioni normative simili a quelle bancarie.

In ragione della prospettata portata internazionale del progetto, sarebbe indispensabile mettere a punto una procedura coordinata sul piano internazionale. In particolare occorrerebbe definire i requisiti concernenti la gestione della riserva e quelli attinenti alla lotta contro il riciclaggio di denaro.

La Finma avvierebbe un'eventuale procedura di autorizzazione secondo il diritto in materia di vigilanza svizzero solo se venisse inoltrata una domanda concreta, si legge nella nota. In conformità alla prassi vigente non informerebbe né in merito allo stato della procedura in corso, né sul momento in cui quest'ultima potrebbe essere conclusa.

Ulteriori questioni correlate al progetto Libra, per esempio inerenti ad aspetti fiscali, di concorrenza o di protezione dei dati, esulano dal diritto in materia di vigilanza e, pertanto, dalla sfera di competenza della Finma, conclude l'autorità.

Il gruppo tecnologico americano Facebook aveva annunciato in giugno il lancio della moneta digitale. Libra sarà basata sulla tecnologia blockchain: a differenza del bitcoin e di altre criptovalute si presenta però come una stablecoin, ossia come una moneta vincolata a quelle a corso legale, come il dollaro, permettendo in questo modo di evitare i problemi legati alla volatilità. L'acquisto della valuta dovrebbe essere possibile tramite Calibra, una società sussidiaria di Facebook.

La moneta sarebbe emessa da Libra Association, l'associazione con sede a Ginevra fondata il 12 giugno 2019 che ha come scopo - in base al registro di commercio - la creazione di un ecosistema monetario e finanziario globale comprendente miliardi di persone. Sarà questa entità ad essere chiamata a gestire la nuova criptovaluta. Quets'ultima avrebbe una copertura totale attraverso un fondo di riserva composto da varie valute quali dollaro, euro e yen.

Gli ambiziosi progetti di Facebook hanno messo sul chi vive non poche persone. La stessa società fondata da Mark Zuckerberg ha ammesso che Libra ha attirato "una significativa attenzione dei governi e delle autorità". L'azienda ha anche fatto presente che l'accettazione della valuta da parte del mercato è soggetta a rischi. Non è quindi escluso che i tempi slittino o che Libra non veda la luce, aveva avvertito la società a fine luglio.

Libra: sottosegretaria Usa a Berna: «Sia in linea con le nostre norme» - Come qualunque altra valuta digitale che opera negli Usa Libra dovrà essere in linea con gli standard normativi americani: lo ha sottolineato la sottosegretaria al tesoro Sigal Mandelker, aggiungendo che le autorità di Washington vogliono lavorare insieme a quelle elvetiche, dove il progetto di Facebook dovrebbe vedere la luce.

«Sorvegliamo evidentemente molto attentamente Libra», ha affermato Mandelker in una conferenza stampa tenutasi ieri all'ambasciata americana di Berna, dove si trova per una visita di lavoro. Anche se il progetto è per il momento solo abbozzato, potrebbe coinvolgere una base enorme di utenti: si tratta quindi di applicare regole severe per lottare contro le attività illecite, ha affermato la funzionaria che ricopre il ruolo di sottosegretaria al tesoro per il terrorismo e l'intelligence finanziaria. Libra dovrà seguire le stesse normative che si applicano ad altre istituzioni che muovono denaro.

«La Svizzera, come un certo numero di altri paesi, si presenta come un piattaforma per la tecnologia finanziaria e l'innovazione», ha ricordato Mandelker, che ha espresso l'auspicio di lavorare in modo stretto con le autorità elvetiche. Figlia di un sopravvissuto all'Olocausto, la 63enne si trova in Svizzera per parlare con rappresentanti della Banca dei regolamenti internazionali (BRI), che ha sede a Basilea, e con funzionari della Finma, l'autorità di vigilanza dei mercati finanziari che sarebbe chiamata ad autorizzare Libra. La criptomoneta dovrebbe infatti essere gestita da un'associazione fondata in giugno a Ginevra.

1 mese fa Parlamentari Usa giunti in Svizzera per parlare di Libra
2 mesi fa Libra potrebbe «non vedere mai la luce»
3 mesi fa Libra di Facebook: alla Svizzera il ruolo cruciale di sorveglianza
4 mesi fa Facebook va alla Fed per Libra, parlamento scettico
4 mesi fa Facebook lancerà Libra nel 2020
Commenti
 
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
GERMANIA/SVIZZERA
5 ore

In macchina con i nonni, muore bimbo svizzero di 9 anni

La loro macchina è stata violentemente tamponata mentre viaggiavano in autostrada a sud di Monaco di Baviera

ELEZIONI FEDERALI 2019
5 ore

«Bisogna firmare l'accordo quadro con l'Unione europea»

Così Jürg Grossen, presidente nazionale dei Verdi liberali. All'imminente appuntamento elettorale, il partito potrebbe crescere

SAN GALLO / TURGOVIA
9 ore

8 colpi e 800'000 franchi di bottino, catturato l'uomo mascherato

Davanti alla procura il 26enne ha confessato di essere l'artefice delle varie rapine compiute ai danni di banche e distributori di benzina nella Svizzera orientale negli ultimi anni

SVIZZERA
10 ore

Roger e Xenia non hanno fatto pubblicità occulta

La Commissione svizzera per la lealtà ha risposto al reclamo presentato dall'associazione svizzero-tedesca di protezione dei consumatori

FOTO
ZURIGO
11 ore

Esperimenti sui cani, l'Uni si difende: «Non sapevamo nulla»

La ZHAW di Zurigo dichiara di non essere a conoscenza dei test effettuati in un laboratorio tedesco che agiva su mandato di un'azienda farmaceutica che collaborava con la scuola: «Test inaccettabili»

SVIZZERA
11 ore

Quasi 40'000 firme contro il 5G

Una petizione che chiede una moratoria sullo sviluppo della tecnologia mobile è stata depositata oggi presso il Dipartimento federale delle comunicazioni

SVIZZERA
12 ore

Deal o No-Deal: la Svizzera è preparata alla Brexit

Cinque accordi sono stati elaborati con il Regno Unito che verrebbero applicati a partire dal momento in cui le intese bilaterali tra Berna e Londra non saranno più valide

SAN GALLO
13 ore

Quella fattoria è fuori dal mondo, anche per la Posta

Nell'estate 2016, il gigante giallo aveva informato un contadino che non gli avrebbe più consegnato pacchi e lettere al domicilio. L'uomo ha fatto ricorso, invano.

LUCERNA
15 ore

Maxi tamponamento in galleria, nove feriti

In tutto sono una decina i veicoli coinvolti nell'incidente avvenuto stamattina nel tunnel di Eich

SVIZZERA
16 ore

Le banconote svizzere non piacciono ai falsari

Il 2018 si è rivelato un anno record, con sole 1200 banconote false rilevate in totale, dal valore nominale di 208'140 franchi. Nel 2001 il valore si attestava a oltre 65 milioni di franchi

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile