Deposit
SVIZZERA
11.06.19 - 11:410

Banche: disparità salariali in aumento tra uomini e donne

Le impiegate degli istituti di credito svizzeri guadagnano in media il 23,6% in meno dei colleghi maschi, denuncia l'Asib

ZURIGO - Gli impiegati di banca guadagnano di più oggi che due anni or sono, ma degli aumenti in busta paga approfittano più fortemente gli uomini che le donne. Ciò rafforza ulteriormente la già elevata disparità salariale nel settore.

Nel 2019 la retribuzione mediana - bonus inclusi - ammonta a 115'000 franchi, 3'250 in più del 2017, secondo l'ultimo sondaggio condotto dall'Associazione svizzera degli impiegati di banca (ASIB) assieme all'istituto onlineumfragen.com cui hanno partecipato 4'725 addetti.

In Ticino essa si attesta a 108'047 franchi, in progressione solo dell'1% a causa di una contrazione del 35,2% dei bonus. A titolo di confronto, a Zurigo la remunerazione mediana complessiva è di 128'500 franchi (+2,8%) e a Ginevra di 129'000 franchi (-2,1%).

Dal 2009 ad oggi si nota una chiara tendenza al rialzo, che riguarda diversi livelli gerarchici, regioni e categorie bancarie. Ma si delineano anche grandi divergenze tra uomini e donne: queste ultime guadagnano in media il 23,6% in meno dei colleghi maschi, un valore che supera di quasi dieci punti percentuali la media svizzera, che secondo l'Ufficio federale di statistica (UST) si attesta al 14,6% nel settore privato.

Tra i salari fissi la differenza è salita dal 20,7 al 22,2%: un'inversione di tendenza spiacevole, afferma l'ASIB in un comunicato odierno. Nel 2017 la disparità salariale era infatti ancora diminuita rispetto a due anni prima.

Complessivamente tra il 2017 e il 2019 gli stipendi fissi sono cresciuti del 2,9% o 3'000 franchi. Ma gli aumenti sono avvenuti soprattutto su base individuale: quasi due terzi degli interrogati ha indicato di non essere stato confrontato a variazioni.

Anche i bonus sono saliti, ma pure questi sono stati attribuiti in maniera molto individuale. Il 31,8% dei partecipanti al sondaggio ha ricevuto bonus più elevati, il 28,2% più bassi. La ripartizione è incomprensibile per molti dipendenti, rileva l'ASIB.

Ed è proprio per i bonus che la disuguaglianza tra uomini e donne è maggiore: i primi hanno ottenuto in media il 36% in più delle seconde, a fronte di un divario del 30,8% nel 2017.

Le divergenze salariali nel settore bancario crescono con l'aumento dell'età e degli anni di servizio: uomini che hanno lavorato per oltre 20 anni presso lo stesso istituto ricevono quasi il 40% di bonus in più di donne con la stessa esperienza.

I risultati del sondaggio non rappresentano una prova scientifica di disparità salariali discriminatorie, afferma l'associazione. Tuttavia si riconoscono tendenze chiare in linea con quelle di altre indagini, ad esempio dell'UST.

Le banche devono fornire una spiegazione su tali differenze, scrive l'ASIB, secondo cui le analisi salariali che le aziende saranno obbligate ad effettuare dal prossimo anno dovranno essere trasparenti e comprensibili.

Dal sondaggio emerge anche che il 36,7% dei partecipanti si sente esaurito dopo una giornata di lavoro e che un quarto non riesce a rigenerarsi veramente nel tempo libero e ha paura per il suo futuro - una situazione cui i dipendenti delle grandi banche sono maggiormente confrontati che quelli delle altre categorie di istituti. Si tratta anche di un tasso molto più elevato che in altri settori economici: secondo la Segreteria di stato dell'economia (SECO) solo il 12% dei lavoratori in Svizzera afferma di essere insoddisfatto delle proprie condizioni di lavoro.
 
 

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
GRIGIONI
5 sec
La variante inglese mette "in quarantena" Arosa
Fino al 6 febbraio il collegamento con gli impianti sciistici di Lenzerheide verrà sospeso.
SVIZZERA
19 min
Gestione della pandemia nel mondo: la Svizzera è a metà classifica
Secondo uno studio basato su sei criteri è la Nuova Zelanda ad aver gestito meglio l'emergenza covid. Ultimo il Brasile
BERNA 
1 ora
Gas serra ridotti del 90% entro il 2050
È la strategia climatica adottata ieri dal Consiglio federale.
VIDEO
SVIZZERA
2 ore
«Condotta di volo ad alto rischio dietro lo schianto dello Ju-52»
Lo indica il rapporto finale sull'incidente, costato la vita a venti persone nel 2018, pubblicato oggi dal SISI.
FOTO
SAN GALLO
2 ore
Donna morta su un bus
Una 69enne si è sentita male ieri mattina nei pressi di San Gallo. Inutili i tentativi di salvarle la vita.
ZURIGO
12 ore
La 31enne già vaccinata, ed è subito polemica
La donna ha esibito il certificato di vaccinazione sui social. Ma ci sono over 80 ancora in attesa.
GRIGIONI
13 ore
Nuova variante identificata a scuola: pronti i test a tappeto
L'istituto sarà chiuso fino al 6 febbraio, mascherina obbligatoria nel comune
SVIZZERA
14 ore
Ritardi anche per Moderna
Lo ha confermato l'UFSP, che non ha però specificato l'effetto dei ritardi sulle forniture elvetiche
SVIZZERA
16 ore
Il Governo raccoglie ampi consensi dopo gli adeguamenti odierni
Partiti e associazioni hanno accolto favorevolmente i provvedimenti.
SVIZZERA
16 ore
«Ecco cosa cambia per i test»
Il Consiglio federale e l'Ufsp hanno cambiato strategia per quanto riguarda l'esecuzione di tamponi.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile