Ti-Press
SVIZZERA
21.03.19 - 10:220

«Posta, aboliamo il monopolio sulle lettere»

Avenir Suisse propone diversi cambiamenti per i servizi postali e più privatizzazioni

BERNA - L'offerta di base dei servizi postali in Svizzera deve essere ridotta poiché inutile in un mondo digitalizzato. Avenir Suisse propone inoltre di abolire il monopolio ancora esistente sulle lettere, privatizzare completamente Postfinance e vendere AutoPostale.

Le proposte sono contenute in un documento di studio pubblicato oggi dal think tank liberale. La digitalizzazione comporta una notevole riduzione dei campi di attività tradizionali delle imprese statali e di quelle ad esse collegate come la Posta, afferma Avenir Suisse. Sebbene molte offerte di servizio pubblico rispondano sempre meno alle esigenze di un'ampia fetta della società, «in Svizzera non si avverte alcuna volontà di riforma».

L'esempio della Posta lo dimostra in modo evidente, secondo il gruppo di riflessione. L'economista Samuel Rutz, responsabile dello studio, ritiene che siano necessarie ampie riforme in tutti i settori di attività della Posta Svizzera. In primo luogo propone di ridurre il servizio di base e di abolire il monopolio sulle lettere fino a 50 grammi.

In secondo luogo, Postfinance dovrebbe essere completamente privatizzata. Il divieto di prestiti ipotecari rappresenta un rischio crescente per l'azienda. Lo studio di Avenir Suisse sconsiglia vivamente la privatizzazione parziale di Postfinance proposta dal Consiglio federale. Anche il mandato obsoleto del servizio di base di Postfinance nelle operazioni di pagamento dovrebbe essere abolito.

Secondo lo studio è anche giunto il momento di sbarazzarsi degli autopostali. Il fatto che un'azienda statale gestisca ancora oggi un servizio di autobus è un "unicum svizzero".

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
7 ore
Su Facebook spuntano i gruppi per aggirare la quarantena
A partire da oggi, chiunque ritorni in Svizzera dal Kosovo deve trascorrere dieci giorni in quarantena.
SAN GALLO
8 ore
Dispersi nella Thur, recuperati i corpi delle vittime
Erano intrappolati tra le pietre della cascata dalla forte pressione dell'acqua
SONDAGGIO
SVIZZERA
9 ore
L'autista? Per lui la mascherina non è un obbligo
Va usata, da oggi, sui trasporti pubblici. Ma alcuni pendolari si chiedono perché i conducenti non la indossino.
VAUD
10 ore
Abusò di 18 giovani donne: 15 anni al “guru del sesso”
Si tratta di un 66enne riconosciuto colpevole di una trentina di episodi commessi in dieci anni nel Canton Vaud
SVIZZERA
13 ore
La mascherina: ecco come ci cambia la vita
Da oggi sui mezzi pubblici è obbligatoria. Cosa significa per la nostra quotidianità?
SVIZZERA
15 ore
Fare pipì contro un muro gli è costato caro
Il giovane aveva subito un trauma cranico nel 2017 durante la festa della Vendemmia a Neuchâtel.
SVIZZERA
15 ore
Sui mezzi pubblici con la mascherina: «Bilancio positivo»
FFS e BLS si dicono molto soddisfatte: al primo giorno sono poche le persone senza protezione
SVIZZERA
17 ore
Meno di 50 nuovi contagi
Dall'inizio dell'emergenza i casi positivi registrati sono 32'315. I morti rimangono 1'686.
FOTO
SAN GALLO
18 ore
Dispersi nella Thur: «Per loro non ci sono più speranze»
I corpi del 30enne e della 26enne sono verosimilmente intrappolati sotto la cascata situata fra Brübach e Henau.
SVIZZERA
19 ore
Richiamate le mountain bike «Rocky Mountain»
I triangoli anteriori potrebbero incrinarsi e dare luogo a incidenti
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile