Keystone
SVIZZERA
30.01.19 - 11:370

Nuvole nere all'orizzonte per la congiuntura svizzera

Sull'evoluzione pesano le incertezze che circondano l'economia globale e la Brexit

BERNA - Le prospettive riguardanti l'evoluzione congiunturale in Svizzera sono peggiorate, in particolare a causa delle incertezze che circondano l'economia globale e la Brexit.

A dirlo è l'indice - CS/CFA - che misura le aspettative degli specialisti elaborato dal Credit Suisse assieme alla CFA Society Switzerland: questo valore è sceso a -44,0 punti in gennaio. Lo scorso dicembre l'indice era ancora a -22,2 punti.

Quasi la metà delle persone intervistate tra il 14 e il 23 gennaio prevede un deterioramento dell'economia svizzera, ma anche della zona euro e della Cina. Le prospettive per gli Stati Uniti sono ancora peggiori: solo un terzo crede che gli Stati Uniti resteranno stabili o miglioreranno.

Le aspettative sulle esportazioni o sulla disoccupazione sono negative. Alla domanda riguardante la crescita della Svizzera per quest'anno, la maggioranza degli intervistati ha evocato valori oscillanti per il PIL tra l'1% e l'1,5%. Nel complesso, le aspettative per il 2020 sono stabili.

La maggior parte degli esperti prevede che la Banca nazionale svizzera e la sua controparte europea proseguiranno con l'attuale politica dei tassi d'interesse bassi; circa la metà si attende un aumento dei tassi oltreoceano.

Il tasso d'inflazione in Svizzera quest'anno dovrebbe essere compreso tra lo 0,5% e l'1% per più della metà degli specialisti.

Per quanto riguarda i mercati, la maggioranza degli analisti ritiene che le azioni saranno più ricercate nel 2019, dopo i picchi di vendite osservati in dicembre. La metà si dice ottimista circa il mercato americano. Quattro intervistati su dieci prevedono un aumento del valore delle azioni svizzere ed europee.

Dopo che il Parlamento britannico ha respinto l'accordo sulla Brexit con l'Unione europea il 15 gennaio, la maggioranza degli analisti prevede un rinvio del divorzio, o addirittura una non-Brexit.

Commenti
 
Danny50 6 mesi fa su tio
Disoccuppati in Italia, specialisti indispensabili in CH perché mancano persone qualificate.
Danny50 6 mesi fa su tio
Avanti ad accogliere disoccupati UE a gogo. Avanti a sottoscrivere accordi harakiri, avanti a dare le chiappe all’establishment. Avanti con la politica del “prima gli altri” avanti a mantenere giovani africani palestrati che non sanno fare una O con il bicchiere.
Meno 6 mesi fa su tio
@Danny50 Certo, è noto che i disoccupati ottengono senza problemi la residenza in Svizzera. Cosa non si arriva a dire certe volte....
TOP NEWS Svizzera
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile