Keystone / EPA Ansa
SVIZZERA / MONDO
21.01.19 - 14:270

WEF, Italia e Brexit tra i maggiori rischi globali

Il Fondo monetario internazionale rileva un rallentamento del Pil globale e un aumento dei rischi

DAVOS - La situazione finanziaria dell'Italia, assieme a Brexit, è al primo punto fra i principali fattori di rischio globali indicati dal Fondo monetario internazionale nella versione aggiornata del World Economic Outlook, presentata oggi a Davos.

«In Europa continua la suspence su Brexit, e il costoso intreccio fra rischi sovrani e rischi finanziari in Italia rimane una minaccia», ha detto il direttore della Ricerca del Fmi Gita Gopinath presentando il rapporto a poche ore dall'inizio del Forum economico mondiale.

«Gli spread italiani - si legge al primo punto della sezione sui rischi globali, che evoca anche una Brexit senza accordo - sono scesi dal picco di ottobre-novembre ma restano alti. Un periodo prolungato di rendimenti elevati metterebbe sotto ulteriore pressione le banche italiane, peserebbe sull'attività economica e peggiorerebbe la dinamica del debito».

L'analisi dei rischi prosegue poi con l'ipotesi di una «Brexit senza accordo dal carattere dirompente, con contagio all'estero, e un aumentato euroscetticismo intorno al voto europeo di maggio». Rischi anche da una frenata peggiore del previsto in Cina, un'escalation commerciale, uno 'shutdown' prolungato negli Usa.

Il Pil rallenta, aumentano i rischi - Meno crescita per l'economia globale nel 2019 e 2020, e con più incognite fra cui una possibile escalation nello scontro Cina-Usa sui dazi e un «atterraggio duro» dell'economia cinese. Le nuove stime del Fmi prevedono una crescita globale del 3,7% nel 2018, come tre mesi fa, ma peggiorano il 2019 (3,5% da 3,7%) e il 2020 (3,6% da 3,7%). Il FMI mantiene una previsione di crescita per gli Usa del 2,5% quest'anno e dell'1,8% il prossimo. Ma riduce le attese per l'Eurozona nel 2019, portandole a 1,6% (da 1,9%) e mantiene il 2020 a 2,7%.

Negli Usa, la crescita «è attesa in calo» con il venir meno dello stimolo fiscale e con i tassi Fed in rialzo, ma è sostenuta da una «forte domanda interna". Nell'Eurozona pesano, invece, la frenata del Pil italiano e tedesco (1,3% per il 2019) e quella della Francia (1,5%) fra le proteste dei gilet gialli.

L'istituto finanziario internazionale ha tagliato allo 0,6%, dall'1% di ottobre, la previsione di crescita per l'Italia nel 2019, mantenendola allo 0,9% per l'anno successivo. Lo si legge nell'aggiornamento del World Economic Outlok. L'Italia, secondo il documento svalto oggi, è assieme alla Germania uno dei fattori la cui frenata a fine 2018 ha fatto rivedere in peggio le stime di crescita per l'Eurozona e comportato un calo dell'euro del 2% fra ottobre e gennaio.

«Risolvere le dispute commerciali» - «Risolvere con la cooperazione, e velocemente, le dispute commercialix: è l'imperativo, pronunciato oggi dalla capo economista del Fondo monetario internazionale, Gita Gopinath, a margine del WEF. Gopinath ha avvertito dei rischi di una crisi finanziaria e di un'economia globale già indebolita dalla guerra dei dazi. La specialista si è soffermata anche su Brexit: «È imperativo risolvere immediatamente» lo stallo, se non si viole continuare a creare incertezze che pesano sulla crescita.

TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA / SPAGNA
1 ora

Gli indipendentisti catalani in Svizzera: «Viste da qui, queste sentenze sono inconcepibili»

Per la sezione elvetica dell'Assemblea Nacional Catalana, le condanne di oggi sono «uno scandalo nell'Europa democratica»

GINEVRA
1 ora

A processo il vicepresidente di Exit Romandia: «Ha aiutato un'86enne a morire»

I fatti risalgono all'aprile del 2017: la donna, in buona salute, aveva chiesto di poter lasciare questo mondo insieme al marito gravemente malato

FOTO
ZURIGO
3 ore

Ruba l'auto, forza il posto di blocco e investe una poliziotta

Un'agente di 39 anni è rimasta ferita gravemente. Il conducente, un cittadino svizzero, è stato fermato e arrestato

FOTO
BASILEA CITTÀ
4 ore

Bus frena bruscamente per evitare una bicicletta, sette feriti

Diversi passeggeri sono caduti a terra a causa della frenata d'emergenza del mezzo. Il ciclista non si è fermato sul luogo dell'incidente. La polizia cerca testimoni

LOSANNA
4 ore

Il Politecnico di Losanna rinuncia al concorso di Elon Musk

I ricercatori intendono concentrarsi sull'aspetto ecologico di questo tipo di trasporto del futuro

VIDEO
ZURIGO
6 ore

Un'enorme pozza di sangue sul tram, è mistero sulle cause

La vicenda è avvenuta attorno alla mezzanotte di domenica sul tram numero 2 della città di Zurigo. La compagnia di trasporti: «Oltre 2000 orme insanguinate». La polizia: «Stiamo indagando»

ZURIGO
8 ore

I costi della salute crescono? Ha la febbre e chiama l’ambulanza

L'uomo, che aveva 37,8, ha aspettato i soccorritori sulla porta di casa ed è subito montato sul mezzo di soccorso. «Ho preso una pastiglia, ma la temperatura non scendeva»

GRIGIONI
9 ore

Precipita per 200 metri sotto gli occhi del marito

La vittima è una 52enne che stava scalando la cima del Piz Arlos, sopra Savognin

SVIZZERA
10 ore

Implenia: interrotti i colloqui fra Cda e azionisti attivisti

Si sta trattando la possibile scissione fra le varie attività del conglomerato

SVIZZERA
10 ore

Alle FFS mancano ancora macchinisti

Dei bus sostitutivi sono stati impiegati per il trasporto dei passeggeri sulla linea fra Olten (SO) e Sissach (BL)

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile