SVIZZERA / ITALIA
16.01.14 - 13:530
Aggiornamento : 22.11.14 - 16:15

Portò il figlio a Ginevra, ora deve riconsegnarlo al padre

Il Tribunale federale ha ordinato alla donna di lasciar ritornare in Italia il bambino, entro il 15 febbraio

BERNA - Il Tribunale federale (TF) ha ordinato oggi a una donna ginevrina - cittadina svizzera - di consegnare il figlio di nove anni al padre domiciliato in Italia entro il 15 febbraio. Nel novembre 2012, la madre, che viveva in Italia col marito da tre anni, si era recata a Ginevra per trascorrere il periodo natalizio. Aveva però in seguito informato il marito della sua intenzione di non ritornare nella Penisola.

 

A quel punto, il padre aveva preteso il ritorno del figlio. L'uomo non accettava il fatto che la madre ne avesse spostato il domicilio di sua iniziativa. Per questo motivo si era rivolto all'Autorità centrale italiana responsabile dell'applicazione della Convenzione sugli aspetti civili del rapimento internazionale di minori.

 

Applicando tale convenzione, entrata in vigore per la Svizzera il 1° gennaio 1984, la Corte di giustizia di Ginevra aveva ordinato lo scorso 31 ottobre l'immediato ritorno del bimbo in Italia. Tale decisione è ora stata confermata anche dal TF, che ha respinto il ricorso della madre.

 

Quest'ultima aveva sostenuto che il marito è sì un buon padre, ma che è però spesso assente. Per motivi professionali l'uomo non è presente al suo domicilio per quattro mesi all'anno, periodo durante il quale non può occuparsi del figlio, ha spiegato, invano, la donna.

 

Per la maggioranza dei giudici - tre contro due - il caso in questione non presenta quei motivi eccezionali necessari per derogare alla regola del ritorno fissata dalla convenzione. Va pertanto ripristinata la situazione esistente prima del trasferimento illecito.

 

Ats

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
6 ore
Credit Suisse: a rischio centinaia di posti di lavoro
Lo afferma la SonntagsZeitung, secondo la quale ci sarebbero dei piani di riduzione dei costi
SVIZZERA ROMANDA
10 ore
Boom di false petizioni, la polizia mette in guardia
Finti non udenti, ma non solo. Cambiano i "beneficiari", ma la sostanza resta la stessa.
SVIZZERA
11 ore
Passi avanti... in Borsa
La società zurighese punta per l'anno prossimo a una quotazione dal valore di circa 2 miliardi di franchi.
GRIGIONI
12 ore
Esce di strada e viene sbalzato dall'abitacolo: morto un anziano
Il corpo è stato ritrovato ieri pomeriggio dal figlio nei pressi di un maggengo sopra Seewis.
BERNA
12 ore
I positivi tornano sotto i 100
Resta fortunatamente invariato il numero dei decessi.
SVIZZERA
14 ore
I pesticidi finiscono anche nell'Evian
Diversi ricercatori hanno trovato residui di clorotalonil nella famosa acqua minerale.
FOTO
SVIZZERA / BULGARIA
14 ore
La cella invece del mare greco
Un giovane vacanziero è stato bloccato all'aeroporto di Sofia perché il suo passaporto era scaduto da due settimane.
BERNA
15 ore
Scandalo pedinamenti: la polizia zurighese ha commesso negligenze
Gli investigatori coinvolti nella vicenda non sarebbero stati sentiti in maniera adeguata, secondo il TF.
SVIZZERA
16 ore
Criminalità sul web: Google sempre più chiamata in causa
La Fedpol e i Cantoni hanno inoltrato ben 1'097 richieste d'informazioni per ottenere dati di utenti svizzeri nel 2019.
CAPO VERDE
1 gior
Bloccata da 4 mesi a Capo Verde: «Riportatemi in Svizzera»
Una 50enne di Svitto era partita a marzo per due settimane di vacanza e relax. E invece sta vivendo un incubo
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile