Immobili
Veicoli
Keystone
SVIZZERA
19.01.22 - 11:440

Le misure a sostegno dei media? «Come un jackpot a Las Vegas per gli editori»

Il giornalista ed ex dirigente del ramo Kurt Zimmermann è molto critico sugli aiuti che voteremo il prossimo 13 febbraio

«La legge è stata caricata di nuove sovvenzioni e soldi distribuiti a pioggia, tanto che alla fine bisogna dire: adesso è troppo».

BERNA - Per il settore dei media accedere al pacchetto di aiuti federali deciso da governo e parlamento «è come essere a Las Vegas, c'è improvvisamente un jackpot enorme e tutti vogliono accostarsi il più possibile»: lo afferma il giornalista ed ex dirigente del ramo Kurt Zimmermann, oggi noto commentatore.

In un'intervista video pubblicata dal portale Inside Paradeplatz il 70enne spiega che di per sé non sarebbe stato contrario a un sostegno del panorama mediatico, sul quale il popolo svizzero dovrà esprimersi il prossimo 13 febbraio. «Ma la legge è stata caricata di sempre nuove sovvenzioni e soldi distribuiti a pioggia, tanto che alla fine bisogna dire: adesso è troppo».

«Si è creata una situazione un po' indegna per i media», prosegue lo specialista con variegata carriera professionale, che lo ha fra l'altro portato a essere caporedattore della SonntagsZeitung, editore della rivista Facts, dirigente di Tamedia e presidente del consiglio di amministrazione di TV3.

A suo avviso la legge è nata da un'ottima collaborazione fra parlamentari ed editori. «Le parti non si sono mai capite così bene come in questo caso», afferma. «I politici volevano assolutamente promuovere i media». Questo perché per essere rieletta una personalità politica ha bisogno delle testate locali.

Ma chi approfitterà della manna federale, se la normativa dovesse superare lo scoglio popolare il prossimo 13 febbraio? (ipotesi, questa, per ora respinta dai sondaggi). Stando a Zimmermann fra grandi e piccoli editori si è creato un rapporto del 50-50%. «Alla fine la metà dei soldi andrà ai cinque gruppi principali - Ringier, TX Group, CH-Media, Somedia e NZZ - e l'altra alle aziende minori». I piccoli giornali locali di annunci non riceveranno invece nulla, «perché il più grande editore nel segmento è Christoph Blocher» e non lo si voleva sostenere, argomenta l'esperto.

Per Zimmermann si sono superati i corretti limiti finanziari. Dall'inizio della pandemia sono scomparsi solo due piccoli giornali di annunci locali, uno in Vallese e l'altro a Basilea. «Detto altrimenti, il panorama mediatico è relativamente stabile». Stando alle stime dell'ex imprenditore nel 2021 i tre più grandi gruppi editoriali elvetici hanno realizzato complessivamente un utile operativo di 320 milioni di franchi. «Devono veramente essere ancora sostenuti dallo stato?», si chiede.

Ma che dire del fatto che questi gruppi sono attivi anche in altre attività, come gli annunci? Il modello d'affari non è cambiato molto, risponde l'esperto: anche in passato se si considerava solo le attività giornalistiche non si guadagnava molto. «I soldi nei media non sono mai stati fatti con il giornalismo: questo è stato sovvenzionato da altri comparti, non è niente di nuovo».

Vero è comunque che la crisi del coronavirus ha portato a grandi cambiamenti. «Abbiamo vissuto del giornalismo pro-governativo che prima non pensavamo possibile, sull'altro fronte giornalismo aggressivo che in altri tempi non si era mai visto». Secondo Zimmermann una cronaca degli avvenimenti in linea con l'esecutivo federale è stata fornita dalle emittenti SRG SSR, da Ringier (Blick) e dai giornali legati al Tages-Anzeiger; sull'altra sponda si sono viste testate critiche come la Neue Zürcher Zeitung (NZZ) e la Weltwoche, nonché alcuni siti online molto critici.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Coerenza 3 mesi fa su tio
Dopo la dimostrazione di indipendenza e oggettività nel dare le notizie da due anni a questa parte come non votare sí... Prrrrrrrrrrrrrrr
F/A-19 3 mesi fa su tio
Anche solo il fatto che aiutano alcuni giornali ed altri no è già una discriminante. Se poi pensiamo che i giornali ti raccontano quello che gli conviene secondo al partito di appartenenza peggio ancora. Se adesso aggiungiamo che si prendono i soldi dalla confederella è chiaro che c’è un certo assoggettamento i di per cui te la raccontano ancora meno giusta. E poi perché con i soldi pubblici si sovvenziona una categoria e non altre categorie? Tutti siamo in difficoltà, ma gli aiuti vanno solo ad alcuni, perché?
Dalu 3 mesi fa su tio
Ma spero che il popolo non sia così fesso da votare aiuti ai soliti!!! Fossero distribuiti bene, ci si potrebbe anche riflettere, ma così no!
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
BERNA
2 ore
I biker di Putin che rombano sulle strade svizzere
I Lupi della notte hanno ricevuto un riconoscimento da parte dell'ambasciata russa a Berna per il loro sostegno a Mosca
SVIZZERA
2 ore
Premio alla generosità per il terzo più ricco della Svizzera
Il miliardario 87enne Hansjörg Wyss ha ricevuto oggi il Gallatin Award da parte del consigliere federale Guy Parmelin.
SVIZZERA
6 ore
Nelle cure intense elvetiche ci sono 44 pazienti Covid
In Svizzera nell'ultima settimana sono stati accertati 10'788 casi, 12 decessi e 150 ricoveri
FOTO
GLARONA
7 ore
Il camion si ribalta, ferito un 22enne
Il braccio dell'autogru ha fatto rovesciare il mezzo.
SVIZZERA
9 ore
Gli svizzeri chiedono di tagliare l'imposta sulla benzina
È quanto emerge da un sondaggio rappresentativo di 20 minuti e Tamedia. Un gruppo di lavoro sta cercando soluzioni
SVIZZERA
11 ore
Sempre più svizzeri faticano ad arrivare a fine mese
Caritas chiede aiuti statali più sostanziosi per i nuclei familiari fragili.
SVIZZERA
11 ore
Mountain bike: «Il casco da solo non basta»
In Svizzera, ogni anno, 400 bikers si feriscono gravemente e quattro-cinque persone perdono la vita.
SVIZZERA
13 ore
Criminali espulsi dalla Svizzera? Oltre il 40% resta
Sono molti i rinvii revocati dal Ministero pubblico o dai giudici.
SVIZZERA
15 ore
Uno svizzero su tre non intende donare gli organi
Con la nuova legge sui trapianti, saranno tutti donatori. Il 36% dei cittadini vuole dichiarare di rifiutare l'espianto
SVIZZERA
1 gior
Dalla fine di maggio, più posti per gli ucraini
Per sette mesi saranno disponibili 250 alloggi in più nell'ex ospedale di Flawil
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile