Immobili
Veicoli
Keystone
SVIZZERA
19.01.22 - 11:440

Le misure a sostegno dei media? «Come un jackpot a Las Vegas per gli editori»

Il giornalista ed ex dirigente del ramo Kurt Zimmermann è molto critico sugli aiuti che voteremo il prossimo 13 febbraio

«La legge è stata caricata di nuove sovvenzioni e soldi distribuiti a pioggia, tanto che alla fine bisogna dire: adesso è troppo».

BERNA - Per il settore dei media accedere al pacchetto di aiuti federali deciso da governo e parlamento «è come essere a Las Vegas, c'è improvvisamente un jackpot enorme e tutti vogliono accostarsi il più possibile»: lo afferma il giornalista ed ex dirigente del ramo Kurt Zimmermann, oggi noto commentatore.

In un'intervista video pubblicata dal portale Inside Paradeplatz il 70enne spiega che di per sé non sarebbe stato contrario a un sostegno del panorama mediatico, sul quale il popolo svizzero dovrà esprimersi il prossimo 13 febbraio. «Ma la legge è stata caricata di sempre nuove sovvenzioni e soldi distribuiti a pioggia, tanto che alla fine bisogna dire: adesso è troppo».

«Si è creata una situazione un po' indegna per i media», prosegue lo specialista con variegata carriera professionale, che lo ha fra l'altro portato a essere caporedattore della SonntagsZeitung, editore della rivista Facts, dirigente di Tamedia e presidente del consiglio di amministrazione di TV3.

A suo avviso la legge è nata da un'ottima collaborazione fra parlamentari ed editori. «Le parti non si sono mai capite così bene come in questo caso», afferma. «I politici volevano assolutamente promuovere i media». Questo perché per essere rieletta una personalità politica ha bisogno delle testate locali.

Ma chi approfitterà della manna federale, se la normativa dovesse superare lo scoglio popolare il prossimo 13 febbraio? (ipotesi, questa, per ora respinta dai sondaggi). Stando a Zimmermann fra grandi e piccoli editori si è creato un rapporto del 50-50%. «Alla fine la metà dei soldi andrà ai cinque gruppi principali - Ringier, TX Group, CH-Media, Somedia e NZZ - e l'altra alle aziende minori». I piccoli giornali locali di annunci non riceveranno invece nulla, «perché il più grande editore nel segmento è Christoph Blocher» e non lo si voleva sostenere, argomenta l'esperto.

Per Zimmermann si sono superati i corretti limiti finanziari. Dall'inizio della pandemia sono scomparsi solo due piccoli giornali di annunci locali, uno in Vallese e l'altro a Basilea. «Detto altrimenti, il panorama mediatico è relativamente stabile». Stando alle stime dell'ex imprenditore nel 2021 i tre più grandi gruppi editoriali elvetici hanno realizzato complessivamente un utile operativo di 320 milioni di franchi. «Devono veramente essere ancora sostenuti dallo stato?», si chiede.

Ma che dire del fatto che questi gruppi sono attivi anche in altre attività, come gli annunci? Il modello d'affari non è cambiato molto, risponde l'esperto: anche in passato se si considerava solo le attività giornalistiche non si guadagnava molto. «I soldi nei media non sono mai stati fatti con il giornalismo: questo è stato sovvenzionato da altri comparti, non è niente di nuovo».

Vero è comunque che la crisi del coronavirus ha portato a grandi cambiamenti. «Abbiamo vissuto del giornalismo pro-governativo che prima non pensavamo possibile, sull'altro fronte giornalismo aggressivo che in altri tempi non si era mai visto». Secondo Zimmermann una cronaca degli avvenimenti in linea con l'esecutivo federale è stata fornita dalle emittenti SRG SSR, da Ringier (Blick) e dai giornali legati al Tages-Anzeiger; sull'altra sponda si sono viste testate critiche come la Neue Zürcher Zeitung (NZZ) e la Weltwoche, nonché alcuni siti online molto critici.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Coerenza 4 mesi fa su tio
Dopo la dimostrazione di indipendenza e oggettività nel dare le notizie da due anni a questa parte come non votare sí... Prrrrrrrrrrrrrrr
F/A-19 4 mesi fa su tio
Anche solo il fatto che aiutano alcuni giornali ed altri no è già una discriminante. Se poi pensiamo che i giornali ti raccontano quello che gli conviene secondo al partito di appartenenza peggio ancora. Se adesso aggiungiamo che si prendono i soldi dalla confederella è chiaro che c’è un certo assoggettamento i di per cui te la raccontano ancora meno giusta. E poi perché con i soldi pubblici si sovvenziona una categoria e non altre categorie? Tutti siamo in difficoltà, ma gli aiuti vanno solo ad alcuni, perché?
Dalu 4 mesi fa su tio
Ma spero che il popolo non sia così fesso da votare aiuti ai soliti!!! Fossero distribuiti bene, ci si potrebbe anche riflettere, ma così no!
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
7 ore
Vaiolo delle scimmie: terzo caso in Svizzera
Lo ha indicato l'Ufficio federale della sanità pubblica
SVIZZERA
7 ore
Pipistrelli, ratti, scimmie e... cammelli: cosa dobbiamo aspettarci dalle zoonosi del futuro
Ce lo spiega l'epidemiologo dell'Uni di Berna Christian Althaus: «Animali che contagiano l'uomo? Non è una novità»
FOTO
SOLETTA
13 ore
Colpita da una pianta a bordo fiume, grave una donna
L'incidente è avvenuto poco prima di mezzogiorno a Olten, sulle rive dell'Aare.
APPENZELLO ESTERNO
13 ore
Scivola sulla neve, cade e perde la vita
Il corpo del 44enne è stato trovato per caso da alcuni escursionisti sul massiccio dell'Alpstein
SVIZZERA
13 ore
Tanta Ucraina, pochissimo clima e un po' di Bruxelles al WEF
Dopo una pausa di due anni dovuta alla pandemia, è stato un vertice praticamente monotematico quello di Davos.
GRIGIONI
16 ore
In trenta alla manifestazione per il clima
Scarsissima partecipazione all'azione organizzata a margine del Forum economico mondiale.
SVIZZERA
17 ore
Ultimo sprint dopo una maratona durata cinque anni
A Davos, Ignazio Cassis ha promosso «in modo mirato» la candidatura svizzera al Consiglio di sicurezza dell'Onu.
URI
18 ore
A ripulire il monumento ci hanno pensato alcuni cittadini
Il restauro dell'opera presente nelle Gole della Schöllenen rischiava di diventare un vero e proprio caso diplomatico.
SVIZZERA
19 ore
Come ti aggiro le sanzioni
Gli operatori di viaggio della Federazione Russa continuano a offrire vacanze in Europa occidentale, Svizzera compresa.
VAUD
20 ore
Non rispetta la precedenza, deceduto un ciclista
Incidente fatale nel canton Vaud. L'intervento immediato dei soccorsi non ha potuto evitare il peggio.
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile