20minuten
ZURIGO
03.08.21 - 09:500
Aggiornamento : 15:18

«Il poliziotto mi ha mandato messaggi privati e un selfie»

Gina B. ha subito delle molestie in piscina. Quindi ha chiamato la polizia.

Uno degli agenti, però, dopo l'intervento ha iniziato a scriverle tramite Whatsapp. Secondo la polizia si è trattato di uno «sfortunato disguido».

ZURIGO - Circa un mese fa, la zurighese Gina B. ha subito molestie sessuali in una piscina. «Un uomo ha fatto commenti sgradevoli sui nostri corpi, ci ha insultate e ha continuato nonostante la chiara richiesta di lasciarci in pace», racconta a 20 Minuten. Essendo questo individuo diventato sempre più aggressivo, alle sventurate è toccato chiedere l'intervento della polizia. Dieci minuti dopo, con l'arrivo di due agenti, il molestatore se l'è data a gambe.

«I due agenti non lo hanno inseguito, tuttavia ci hanno tranquillizzate e hanno preso nota dei nostri dati personali», afferma la studentessa di psicologia. Durante l'intervento, i poliziotti si sono comportati in modo molto amichevole e professionale. «Per questo sono rimasta ancora più scioccata quando uno dei due, circa un mese dopo, mi ha scritto in privato su Whatsapp inviandomi un selfie in uniforme», racconta Gina.

«Oh scusa, non era per te» - Come si evince dalla cronologia della chat, il poliziotto avrebbe prima scritto un messaggio, sostenendo poi che questi era stato inviato per errore. «Oh scusa, non era per te», ha inizialmente scritto. Tuttavia, un minuto dopo ha inviato a B. una sua foto in uniforme e ha commentato: «Il tuo numero è stato salvato a Dietikon, a causa dell'idiota molestatore».

La ragazza però non ha accolto di buon grado l'approccio del funzionario di polizia. Ciò che la disgusta in particolar modo è il contesto di tutta questa vicenda: «Ho dovuto chiamare la polizia perché sono stata molestata, e alla fine sono stata molestata di nuovo dalla persona che avrebbe dovuto proteggermi». Per la ragazza è deprecabile che l'agente abbia abusato della sua posizione. «I dati personali non dovrebbero essere utilizzati in modo improprio, soprattutto non dalla polizia». B. non sporgerà denuncia - non vuole più avere niente a che fare con la polizia.

«Uso improprio dei dati» - Secondo un funzionario del Centro di consulenza per le donne vittime di violenza, la reazione di B. è comprensibile: «L'agente ha fatto un uso improprio delle informazioni in suo possesso. Inoltre, è vietato utilizzare contatti ottenuti in ambito professionale per interessi privati». Questo vale sia un assistente sociale che per un agente di polizia.

«Whatsapp inviato per errore» - Ulrich Pfister, comandante della polizia di Schlieren/Urdorf, parla di una «catena di circostanze sfortunate». «Nel caso in esame - spiega -, i dati personali non sono stati salvati solo nelle banche dati della polizia, ma anche sul cellulare dell'agente». Questo è successo con il consenso della donna ed è una prassi comune nei casi in cui l'autore del presunto crimine si sia dato alla fuga e sia oggetto di ricerche da parte della polizia.

Sei settimane dopo, il disguido: «Il poliziotto voleva inviare a un amico un saluto con due emoji», sostiene Pfister. «Purtroppo ha confuso i due cellulari che portava con sé, e poiché il nome del suo conoscente iniziava con le stesse quattro lettere della donna, ha inviato il messaggio al destinatario sbagliato». Quando l'ufficiale ha riconosciuto l'errore si è scusato. «Ha inoltrato il selfie in modo che la donna potesse vedere che era davvero un agente di polizia».

Le dichiarazioni e i messaggi dell'ufficiale sono stati verificati e corrispondono alla sequenza degli eventi da lui descritti, afferma Pfister. «Non aveva intenzione di contattare la donna, né voleva mandarle un WhatsApp e disturbarla». Il caso sarà oggetto di ulteriori indagini interne per evitare che situazioni simili s ripresentino in futuro. «Per l'ufficiale di polizia, che è conosciuto come una persona seria, responsabile e impegnata, non ci saranno conseguenze».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
3 ore
Giù i premi di cassa malati (anche in Ticino)
Per la prima volta dal 2008, vi sarà una diminuzione del premio medio. Berset: «Felice per le famiglie svizzere».
SVIZZERA
4 ore
Covid-19, 1'284 nuovi casi e undici decessi in Svizzera
Sono 122 le persone ospedalizzate nelle ultime 24 ore. Il bollettino dell'Ufsp.
SVIZZERA
4 ore
Johnson&Johnson arriva in Svizzera
Chiunque non ha potuto (o voluto) vaccinarsi con Pfizer o Moderna avrà un'alternativa. In Ticino previste 6'000 dosi.
SVIZZERA
5 ore
I deputati vogliono presentare il "pass"
Il Nazionale è favorevole all'obbligo di certificato per entrare a Palazzo federale. Dovrebbe scattare dal 2 ottobre
SVIZZERA
7 ore
Il "no" rischia di rovinarci le vacanze di Natale?
Tra due mesi la Svizzera torna a votare sulla legge Covid. Le domande e le risposte più importanti
SVIZZERA
9 ore
Test gratuiti, i costi superano i quattro milioni al giorno
Parlamento e Consiglio federale sono in disaccordo rispetto alla revoca della gratuità dei tamponi.
FOTO
SAN GALLO
10 ore
Terribile frontale in galleria, morto un 77enne
L'incidente è avvenuto questa notte tra Walenstadt e Murg nei pressi di un cantiere sull'A3.
SVIZZERA
19 ore
E se il 12 settembre diventasse festa nazionale?
Non solo il Primo d'agosto. In Svizzera bisognerebbe introdurre un nuovo giorno festivo. La proposta al governo
FOTO
ZURIGO
21 ore
Pompieri in azione a Zurigo
Intervento in Langstrasse per un incendio sviluppatosi in una cantina
SVIZZERA
21 ore
I dipendenti Swiss non vaccinati saranno lasciati a casa
Gli equipaggi dovranno essere vaccinati. Agli indecisi sarà concesso un periodo di riflessione di sei mesi
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile