Immobili
Veicoli
Servizio antincendio e soccorso della città di Ginevra
GINEVRA
18.07.21 - 21:040
Aggiornamento : 23:02

Volevano raggiungere un rave a nuoto, salvati dalla furia del Rodano

Due giovani, sotto effetto di droghe, hanno tentato di attraversare il fiume per raggiungere una festa a Chancy.

Per trarli in salvo, soccorritori svizzeri e francesi hanno dovuto dispiegare parecchi mezzi e uomini.

GINEVRA - Grande paura questa mattina sul confine franco-svizzero. Poco prima delle 7.30, i partecipanti a un rave hanno allertato i servizi di emergenza: due giovani si trovavano in difficoltà nelle acque del Rodano, gonfio da giorni a causa del maltempo. «Un uomo e una donna, sotto l'effetto di sostanze psicotrope, hanno cercato di attraversare il fiume per partecipare a un rave party», ha confermato Jean-Philippe Brandt, portavoce della polizia cantonale di Ginevra. Commettendo una leggerezza che poteva costar loro cara, visto che nel fiume attualmente scorrono 850 m3 d'acqua al secondo, un flusso enorme, e la temperatura non supera i 17 gradi.

Considerate le condizioni e l'ubicazione al confine tra il canton Ginevra e i dipartimenti dell'Alta Savoia e dell'Ain, per trarli in salvo sono state impiegate risorse considerevoli. «Con la corrente, le vittime possono essere trasportate molto rapidamente a valle», illustra Nicolas Millot, responsabile delle comunicazioni del Servizio antincendio e soccorso della città di Ginevra. «Inoltre, in questa zona, gli argini del fiume sono di nuovo naturali, con tanti alberi che nascondono la vista ai soccorritori».

Attorno alle 8.30, la prima vittima, una 20enne, è stata avvistata dall'elicottero e recuperata da un'imbarcazione in lieve ipotermia. Il suo compagno di sventura non ha la stessa fortuna: è stato sì tirato fuori dall'acqua un quarto d'ora dopo, ma in grave stato d'ipotermia. Tanto da essere ricoverato in prognosi riservata. I due giovani sono andati alla deriva per circa un chilometro prima essere salvati.

In totale, i soccorsi ginevrini e francesi hanno impiegato 45 persone per aiutare i due: sono infatti stati coinvolti pompieri, agenti di polizia, Rega, sommozzatori (supportati da cani), oltre a barche ed elicotteri. «Si tratta di un salvataggio che ha richiesto mezzi eccezionali per localizzare e poi recuperare le vittime in condizioni di navigazione difficili», spiega Nicolas Millot, che ripete gli avvertimenti già lanciati più volte dalle autorità negli scorsi giorni: bisogna ancora pazientare prima di pensare di approfittare di laghi e fiumi.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
ZURIGO
2 ore
Il booster funziona bene
Nuovi dati mostrano come la terza dose garantisca tassi di mortalità e ospedalizzazione significativamente inferiori
BERNA
3 ore
Tifosi senza mascherina, nessun aumento dei contagi
È quanto constatano le autorità sanitarie cantonali di Berna dopo la Coppa del Mondo di sci ad Adelboden
SVIZZERA
6 ore
Medicamento anti Covid, presentata la domanda di omologazione
Il farmaco Paxlovid si compone di due principi attivi sintetici: Nirmatrelvir e Ritonavir.
BERNA
6 ore
«Il picco potrebbe essere stato raggiunto»
Da Berna, gli esperti della Task Force federale fanno il punto sulla situazione pandemica in Svizzera
ZUGO
6 ore
Ritrovato morto dopo più di dieci mesi
Il corpo senza vita del 39enne è stato ritrovato sabato scorso sul Rigi da alcuni alpinisti.
SVIZZERA
7 ore
In Svizzera altri 29'142 contagi in ventiquattro ore
Nelle cure intense del nostro paese, il 30,3% dei posti letto è occupato da pazienti Covid
FOTO
SVIZZERA
11 ore
«Non usatela, non protegge»
La Suva ha deciso di richiamare il prodotto: «La scarsa efficacia protettiva potrebbe risultare dannosa per la salute».
SVIZZERA
14 ore
Malati che muoiono a causa del rinvio di interventi chirurgici
Il settore sanitario è sotto pressione. Si temono gravi conseguenze sulle condizioni dei pazienti
SVIZZERA
22 ore
Covid-pass aggiornato? Ora non ci si dovrà più mettere il dito
Niente più verifica manuale, ora l'app Covid Certificate esegue il refresh automaticamente.
SVIZZERA / MONDO
1 gior
«Vaccinare il mondo per fermare la pandemia»
Il messaggio del segretario generale dell'Onu Antonio Guterres al WEF di Davos.
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile