Servizio antincendio e soccorso della città di Ginevra
GINEVRA
18.07.21 - 21:040
Aggiornamento : 23:02

Volevano raggiungere un rave a nuoto, salvati dalla furia del Rodano

Due giovani, sotto effetto di droghe, hanno tentato di attraversare il fiume per raggiungere una festa a Chancy.

Per trarli in salvo, soccorritori svizzeri e francesi hanno dovuto dispiegare parecchi mezzi e uomini.

GINEVRA - Grande paura questa mattina sul confine franco-svizzero. Poco prima delle 7.30, i partecipanti a un rave hanno allertato i servizi di emergenza: due giovani si trovavano in difficoltà nelle acque del Rodano, gonfio da giorni a causa del maltempo. «Un uomo e una donna, sotto l'effetto di sostanze psicotrope, hanno cercato di attraversare il fiume per partecipare a un rave party», ha confermato Jean-Philippe Brandt, portavoce della polizia cantonale di Ginevra. Commettendo una leggerezza che poteva costar loro cara, visto che nel fiume attualmente scorrono 850 m3 d'acqua al secondo, un flusso enorme, e la temperatura non supera i 17 gradi.

Considerate le condizioni e l'ubicazione al confine tra il canton Ginevra e i dipartimenti dell'Alta Savoia e dell'Ain, per trarli in salvo sono state impiegate risorse considerevoli. «Con la corrente, le vittime possono essere trasportate molto rapidamente a valle», illustra Nicolas Millot, responsabile delle comunicazioni del Servizio antincendio e soccorso della città di Ginevra. «Inoltre, in questa zona, gli argini del fiume sono di nuovo naturali, con tanti alberi che nascondono la vista ai soccorritori».

Attorno alle 8.30, la prima vittima, una 20enne, è stata avvistata dall'elicottero e recuperata da un'imbarcazione in lieve ipotermia. Il suo compagno di sventura non ha la stessa fortuna: è stato sì tirato fuori dall'acqua un quarto d'ora dopo, ma in grave stato d'ipotermia. Tanto da essere ricoverato in prognosi riservata. I due giovani sono andati alla deriva per circa un chilometro prima essere salvati.

In totale, i soccorsi ginevrini e francesi hanno impiegato 45 persone per aiutare i due: sono infatti stati coinvolti pompieri, agenti di polizia, Rega, sommozzatori (supportati da cani), oltre a barche ed elicotteri. «Si tratta di un salvataggio che ha richiesto mezzi eccezionali per localizzare e poi recuperare le vittime in condizioni di navigazione difficili», spiega Nicolas Millot, che ripete gli avvertimenti già lanciati più volte dalle autorità negli scorsi giorni: bisogna ancora pazientare prima di pensare di approfittare di laghi e fiumi.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
1 ora
Il termine “Afghanistan” blocca il versamento Twint
Un termine “sbagliato” impedisce la transazione attraverso l'app elvetica per i pagamenti. Ecco il motivo
SVIZZERA
3 ore
Omicron è ufficialmente sbarcata in Svizzera
Le due persone contagiate, che sono legate tra loro, si trovano in isolamento.
SVIZZERA
3 ore
Gli scettici vogliono creare una «società parallela»
Sfiducia nei media, rabbia verso le autorità. E ora la delusione alle urne. Gli ideologi no Vax progettano la secessione
SVIZZERA
3 ore
«Misure che equivalgono a un divieto di vita notturna»
Le decisioni del Governo sono state giudicate adeguate alla gran parte dei partiti, non da alcune associazioni.
GIURA
4 ore
Il Canton Giura chiede l'aiuto dell'esercito
Obiettivo: aumentare le capacità in vista della somministrazione del booster. C'è infatti carenza di personale formato.
SVIZZERA
5 ore
Misure già rafforzate in diversi cantoni
Basilea (Città e Campagna), Soletta, Zugo e Svitto hanno reso obbligatorie le mascherine nei luoghi pubblici.
SVIZZERA
6 ore
Covid Pass anche per incontri privati con più di dieci persone
La proposta del Governo: Covid pass anche nel privato, mascherina al chiuso, e test rapidi validi solo 24 ore.
SVIZZERA/GERMANIA
6 ore
La Svizzera apre ai pazienti tedeschi
Il Baden-Württemberg potrebbe trasferire malati di Covid nel nostro paese. «Situazione drammatica»
SVIZZERA
7 ore
«Il medico non è obbligato a procurarsi il dossier di un paziente»
Il Tribunale federale ha confermato l'assoluzione di un praticante processato per la morte di una paziente
SVIZZERA
8 ore
«La quarantena non ha senso, puntiamo sui test»
Con la diffusione della variante Omicron, in Svizzera sono scattate norme d'ingresso più severe per 23 paesi
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile