Tipress
ZURIGO
17.06.21 - 17:070

Uccise una donna a martellate, in terapia psichiatrica

Al momento della tragedia il 35enne molestava la sua vittima già da anni.

L'uomo soffre della sindrome di Asperger e per la corte non è responsabile delle sue azioni.

ZURIGO - Non può rispondere delle sue azioni. Questa la decisione presa dal tribunale distrettuale di Uster nei confronti di un uomo con gravi turbe mentali che nel 2019 uccise a martellate una donna che conosceva e molestava da anni. Per lui è stata ordinata oggi una terapia in ambito carcerario.

I fatti - L'uccisione della 29enne avvenne in un parcheggio il 13 febbraio. Il 35enne panettiere-pasticciere prese con sé un martello e una telecamera e si recò a casa della donna. Aspettò che uscisse e la colpì ripetutamente alla testa nel parcheggio accanto all'abitazione. Poi la filmò, le strappò la collana che aveva al collo e fuggì.

Il ruolo della malattia - L'uomo soffre di una grave forma di sindrome di Asperger. Non è responsabile delle sue azioni e quindi non può essere condannato, secondo la corte, che per lui ha ordinato una terapia in ambiente chiuso. La sentenza non è ancora passata in giudicato.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile