keystone
VAUD
14.05.21 - 12:010

Richiedente asilo respinta, poi morta. Si indaga

Il Tribunale federale ha annullato la decisione della giustizia cantonale di non entrare in materia.

A sporgere denuncia erano state le figlie della donna.

LOSANNA - Il pubblico ministero del canton Sciaffusa dovrà occuparsi della morte in Turchia di una richiedente asilo respinta. Lo ha stabilito il Tribunale federale, che ha annullato la decisione della giustizia cantonale di non entrare in materia su una denuncia presentata dalle due figlie della donna.

Nell'agosto 2019, le due donne avevano presentato una denuncia al tribunale di Sciaffusa per omicidio o per omicidio colposo. Ritenevano che la loro madre avesse sofferto di denutrizione durante il suo soggiorno nel cantone, che le cure ricevute all'ospedale cantonale fossero state inadeguate e che i servizi sociali non avessero preso sul serio la situazione.

Le giovani ritenevano anche la Segreteria di Stato per la Migrazione (SEM) colpevole per aver ordinato il rimpatrio della donna, nonostante le sue cattive condizioni di salute. Quest'ultima è morta nel febbraio 2018 in Turchia.

La procura sciaffusana aveva rifiutato di prendere in considerazione la denuncia, decisione confermata dalla Corte Suprema del cantone, secondo cui i motivi addotti erano insufficienti.

Il Tribunale federale, chiamato in causa dalle due figlie, ha ora deciso diversamente. In una sentenza pubblicata oggi precisa che le due ricorrenti hanno presentato un dossier completo che descriveva in dettaglio le loro denunce. In queste circostanze, il tribunale precedente non poteva affermare che le accuse erano difficili da capire e non sufficientemente motivate.

Il caso torna quindi alla giustizia sciaffusana, che dovrà prendere una nuova decisione sull'entrata in materia.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
2 ore
Couchepin: «Bisogna ignorare le provocazioni di Maurer»
Secondo l'ex consigliere federale, il ministro fa «il solito gioco dell'UDC»
GRIGIONI
2 ore
Incidente a Laax: due giovani morti e un ferito grave
Il conducente del mezzo ha perso il controllo finendo fuori strada e contro un muro
FOTO
ZURIGO
3 ore
Fanno esplodere un bancomat, ma fuggono a mani vuote
I soliti ignoti hanno preso di mira un apparecchio di Hüntwangen, nel Canton Zurigo
ZURIGO
4 ore
I contrari alla misure Covid manifestano a Winterthur
A centinaia hanno protestato contro la presunta censura e la «dittatura delle vaccinazioni».
ZURIGO / LUCERNA
5 ore
«Mi ha urlato che come gay dovrei essere gassato»
A pochi giorni dal voto sul “Matrimonio per tutti”, gli attacchi contro la comunità LGBTIQ si sono quintuplicati.
ZURIGO
6 ore
Anti-abortisti in strada tra favorevoli e contrari
La manifestazione è stata approvata dopo che il Municipio si era sostanzialmente opposto per evitare scontri.
VAUD
7 ore
Muore alla guida di una bitumatrice
L'uomo, un operaio francese 46enne, è precipitato in una scarpata per una ventina di metri.
FOTO
SOLETTA
8 ore
Con l'autoarticolato nella colonna delle auto, sei i feriti
È accaduto ieri pomeriggio sull'autostrada A5, vicino Luterbach.
BERNA
10 ore
"Freiheitstrychler" prendono le distanze dalle violenze
«I provocatori sono individui isolati che non appartengono al movimento» hanno dichiarato in una nota
TURGOVIA
11 ore
Caos in sala parto per test e mascherina, interviene la polizia
La polizia è intervenuta sul posto durante la nascita a causa di parenti che avrebbero «ignorato i regolamenti».
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile