Deposit (immagine illustrativa)
VAUD
23.04.21 - 16:160
Aggiornamento : 16:51

Pluri-recidiva (e con targhe rubate) beccata a 261 km/h sull'A1

La motociclista di 25 anni è stata immortalata (per due volte) dai radar martedì 20 aprile. Ora si trova in prigione.

Tra gli altri reati che le vengono contestati troviamo la guida senza patente, il possesso di targhe rubate, molteplici eccessi di velocità e resistenza a pubblico ufficiale.

LOSANNA - Ne ha combinate peggio di Bertoldo la motociclista 25enne che martedì scorso è stata immortalata per ben due volte dai radar piazzati dalla polizia vodese sull'A1. Un giorno di ordinaria follia che ha aperto le porte della prigione alla donna, che peraltro era pure super-recidiva.

Doppietta in pochi istanti - Ma andiamo con ordine. E ripercorriamo passo per passo tutti i reati commessi dalla centaura. Tutto inizia attorno alle 22.00 di martedì 20 aprile quando la moto viene immortalata per la prima volta a 159 chilometri orari da un radar posto tra Ginevra e Losanna. Poco dopo la stessa moto viene nuovamente colta in fallo da un altro radar autostradale, ma questa volta la velocità segnalata è di 261 km/h. Quasi un record.

Diversi precedenti - La polizia cantonale, a questo punto, si mette alla ricerca dell'indisciplinata utente della strada. E scopre che aveva già diversi precedenti. Alla donna era infatti già stata ritirata la licenza di condurre (per la durata di due anni) per un eccesso di velocità compiuto nel luglio del 2020. Quindi quel martedì guidava (anche) senza patente. 

In fuga dal controllo - Ma non è tutto. Perché quella stessa motocicletta (con targhe rubate) era già stata fermata a 164 km/h sull'A1 tra Nyon e Coppet il 2 aprile e sette giorni dopo (con altre targhe) aveva eluso un controllo degli agenti a Miles. La donna, residente nella regione, è pure sospettata di essere coinvolta in vari reati per danni contro la proprietà.

Arresto difficoltoso - A questo punto gli agenti della polizia cantonale si recano all'abitazione della donna. Ma non hanno vita facile. La 25enne si rifiuta infatti di farli entrare e gli agenti si vedono costretti ad abbattere la porta dell'appartamento. A questo punto l'arresto è inevitabile. La donna viene condotta alla Gendarmeria di Morges, dove confessa tutto.

Il Ministero pubblico ha aperto un'inchiesta nei confronti della donna e ne ha confermato l'arresto. 

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Technics 7 mesi fa su tio
Mamma mia che palle... cosa vuoi che siano 261km/h? Altro che ritiro di patente; tra i 200 ed i 249 km/h ci potrebbe stare un piccolo ammonimento, tra i 250 ed i 299 km/h piccola multa ordinaria, e tra i 300 km/h ed oltre al massimo una settimana di ritiro patente.
Lore61 7 mesi fa su tio
@Technics Più o meno com'era prima dell'introduzione di "cassa sicura"! XD Ora cominciano a scarseggiare posti in carcere, visto che con la legge attuale si sta "criminalizzando" comuni cittadini...
Ro 7 mesi fa su tio
Da sbattere in galera e gettare via la chiave. Quando la farete uscire un bel collare gps è d’obbligo perché questa se ne fregherà sempre delle regole. Una moto a queste velocità, che si scontra con un’auto, la dimezza. Riflettete
Don Quijote 7 mesi fa su tio
Ci vuole qualche spirito libero in una società sempre più bacchettona che premia l'essere bigotto o pinzochero!
Ro 7 mesi fa su tio
@Don Quijote Mi scusi ma è una questione di responsabilità e civiltà. Dovrebbe andare a San Gallo a vedere cosa provocano questi irresponsabili. Persone in carrozzelle, senza arti e non tralascio coloro senza più un’attività motoria (paraplegici) e molti sono questi spericolati. Senza tralasciare il dolore che lasciano ai loro cari. Ci sono gli autodromi per sfogarsi, basta avere il buon senso di andarci. Buona giornata.
Lore61 7 mesi fa su tio
@Ro Probabilmente non hai mai "vissuto" veramente per paura di farti male. Vedi ci sono ancora persone che pur consapevoli dei rischi, riescono a spingere i limiti umani là dove tu neanche immagineresti! Per fortuna esistono persone così, altrimenti saremmo ancora rintanati in qualche grotta paralizzati dal terrore ad uscire ed affrontare (e imparando) dai pericoli della vita all'esterno...
ugo202230 7 mesi fa su tio
@Lore61 Spero lei stia scherzando, ma scusi se questi individui dovessero provocare un grave incidente e ad essere gravemente coinvolto fosse un suo stretto parente direbbe ancora le stesse cose? Per favore, se una persona non ha rispetto per la propria vita, ne faccia ciò che vuole ma non dove potrebbero essere coinvolte persone innocenti.
ugo202230 7 mesi fa su tio
@Lore61 Spero lei stia scherzando, ma scusi se questi individui dovessero provocare un grave incidente e ad essere gravemente coinvolto fosse un suo stretto parente direbbe ancora le stesse cose? Per favore, se una persona non ha rispetto per la propria vita ne faccia ciò che vuole ma abbia rispetto della vita altrui, purtroppo ci sono molti innocenti che perdono la vita per colpa di queste pseudo individui che, come dice lei, spingono i limiti umani là dove io e altre moltissime persone non se lo immaginerebbero.
Tato50 7 mesi fa su tio
@Lore61 Già, io ne conosco uno che ha spinto i limiti umani là.......... Quello che però vedi nella foto non è più qua !!
Lore61 7 mesi fa su tio
@Tato50 Ciao Tato, nel tuo triste caso è in un contesto mooolto differente, mi dispiace molto, ci vorrà molto tempo per riprendersi da una cosa simile, non conosco le circostanze, ma oggi la distrazione la fa da padrona negli incidenti nelle località! Nel caso sopracitato, non credo giocano molti bambini in autostrada (per fortuna)! Pensa che io utilizzo molto la bici per recarmi al lavoro, ebbene faccio dei tratti molto stretti e molto trafficati, non mi fanno paura chi mi sorpassa a velocità alta, anche perché sicuramente attenti alla strada, ma molto di più quelli che vanno lentamente magari distratti dal telefono ecc... Quindi se un giorno non mi leggi più qui, sai il perché... ;-)
Tato50 7 mesi fa su tio
@Lore61 Ciao Lore, nel caso del piccolo di mia figlia morto a 13 mesi quando cominciava a fare i primi passi ed esprimersi a modo suo, non sarà possibile dimenticare. Non mancano occasioni che lo ricordino, un papà che passeggia col suo piccolo mano nella mano, persino nei supermercati certe cose che acquistavi per lui te lo fanno ricordare e potrei farti centinaia di esempi. Per mia figlia era lo scopo della sua vita ed ora la casa è vuota, il silenzio è terribile e non ti dico il dolore che ha e abbiamo dentro. L'inchiesta è quasi finita, manca il rapporto finale del PP e l'ingegnere che ha fatto la parte tecnica ha fatto un lavoro immane che ha dato i suoi frutti. Quando tutto sarà finito verrà pubblicato come si sono svolti i fatti ma, perdonami, non posso anticipare nulla ! Poi su quanto hai scritto in parte condivido la tua opinione, ma nel caso in oggetto non si può accettare cosa ha fatto quella persona; se fosse caduta, pace all'anima sua, ma poteva coinvolgere altri utenti con conseguenze che non possiamo sapere. Anche a me piace ogni tanto far "lavorare" i cavalli della mia vettura e poi correre il rischio che l'unica volta che lo faccio sei appiedato per mesi e senza veicolo sono finito perché mi serve e non per fare viaggi di piacere. Poi c'è la fregatura che se passi davanti a un vigneto, dove c'è il nulla ma qualcosa nascosto tra i filari e lasci scorrere la macchina in automatico perché la strada è leggermente in discesa, attendi la polizza di versamento e ti girano sia per come sono buttati al vento i soldi sia per le modalità del controllo ;-)) Ma questo lo sai già e mi hai risposto in merito ;-)) Ciao, buona giornata almeno a te ;-)
F/A-19 7 mesi fa su tio
Che sarà mai....ai miei tempi era la norma...
turbo 7 mesi fa su tio
donna con le palle si...peccato che non abbia anche il cervello :D
Yoebar 7 mesi fa su tio
Che donna con le palle, palle di piombo però 😂
Princi 7 mesi fa su tio
fantastic donne che si distinguono
dan007 7 mesi fa su tio
Che donna
Lore61 7 mesi fa su tio
@dan007 ... Una con le palle!! 😂😂🤣🤣
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
3 ore
Senza tampone in aeroporto? Il rientro diventa un caos
Il caso di un manager che si è trovato bloccato in Germania: per prendere un volo per Zurigo ha sborsato 520 euro.
BASILEA CITTÀ
5 ore
Fiamme in una residenza assistita: grave un 86enne
Le cause dell'incendio sono al vaglio della polizia
FRIBURGO
10 ore
Ritorna l'obbligo di mascherina nelle scuole medie
Il provvedimento scatterà lunedì e sarà in vigore fino alle vacanze di Natale
SVIZZERA
14 ore
Swiss congela i voli per Hong Kong
La decisione è stata presa a causa delle rigide misure di quarantena previste per i membri dell'equipaggio
SVIZZERA
15 ore
Unia: «Si riduca l'orario di lavoro per tutti, referendum se aumenta l'età pensionabile»
Ecco cosa è emerso dall'assemblea dei delegati del sindacato, oggi a Berna
SVIZZERA
16 ore
«Misure tardive, andiamo verso una catastrofe»
L'infettivologo Andreas Widmer, presidente di Swissnoso: «Servono più restrizioni per i non vaccinati»
SVIZZERA
18 ore
«Senza una proposta della Svizzera, non ci sarà mai un piano B»
Un pacchetto bilaterale con l'Ue? Parla l'esperto Nicolas Levrat: «Berna sa che esistono alternative all'accordo quadro»
SVIZZERA
19 ore
«Diffondono il virus senza rendersene conto»
L'epidemiologa Susi Kriemler suggerisce la via dei test regolari per tracciare e contenere i contagi tra i giovanissimi
SVIZZERA
1 gior
«La gente rischia di perdere la fiducia»
Ospedali al limite, trasporto pubblico in difficoltà. I sociologi sono preoccupati per l'impatto sull'opinione pubblica
Ginevra
1 gior
Crivella di colpi l'amico, condannato a 16 anni
I fatti risalgono al 2016, quando un 42enne in seguito a un alterco aveva giustiziato un uomo in una sala da tè
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile