Keystone
SAN GALLO
04.04.21 - 16:000
Aggiornamento : 22:00

«Non lasciate che i vostri figli vadano a San Gallo»

Dopo i disordini di venerdì e i nuovi appelli alla violenza, la polizia sta all'erta

Sono previsti controlli in tutto il centro città. Chi era già stato allontanato in occasione dei primi scontri, sarà denunciato se sarà nuovamente individuato

SAN GALLO - In vista dei nuovi appelli alla violenza lanciati sui social media, la polizia della città di San Gallo ha annunciato oggi controlli estesi sulle persone. Gli agenti vogliono così respingere eventuali esagitati e chi intende seguire i possibili disordini come spettatore.

I controlli sono previsti in tutto il centro città, si legge in un comunicato odierno. Coloro che sono già stati allontanati da San Gallo venerdì sera, in occasione dei primi episodi di violenza, devono aspettarsi una denuncia se verranno individuati di nuovo.

Stando alle forze dell'ordine, sui social ci sono stati incitamenti alla rivolta in vista di questa sera. La polizia sottolinea che non tollererà atti violenti né danni alle proprietà. Le autorità si sono rivolte alla popolazione invitandola a non dare seguito a tali appelli, nemmeno in qualità di spettatori.

Governo cittadino e polizia hanno in particolare pregato i genitori di sorvegliare i propri figli e non lasciarli andare a San Gallo. Ci sono modi pacifici per attirare l'attenzione sulle preoccupazioni dei giovani, hanno fatto notare.

Venerdì, verso le 21, un gruppo di ragazzi ha attaccato gli agenti nel centro città, scagliando verso di loro oggetti e bombe Molotov. I poliziotti hanno risposto sparando proiettili di gomma e usando spray al peperoncino. Il bilancio è di un arrestato, un paio di feriti e alcune denunce per danneggiamenti. Una settimana fa c'erano già stati tafferugli dopo una festa illegale.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
2 min
Il trasporto pubblico non aumenta i prezzi
L'obiettivo: riconquistare gli utenti persi durante i mesi della pandemia
SVIZZERA
13 min
Carlos legato al letto, tre psichiatri alla sbarra
Il detenuto ha portato davanti al giudice i medici per un trattamento subito quando aveva 15 anni
SVIZZERA
2 ore
«I vaccinati rompano il silenzio»
Più voci ritengono che la minoranza non possa più dettare il ritmo della crisi sanitaria
BERNA 
2 ore
Più caro, ma ci dura oltre 4 anni
Stiamo parlando dello smartphone. L'iPhone rimane l'apparecchio più impiegato, davanti a quelli di Samsung.
SVIZZERA
4 ore
Obbligo di Certificato Covid al lavoro? Per ora in Svizzera è un unanime «anche no»
Datori, dipendenti, politica ed esperti elvetici non entusiasti per una misura che in Europa inizia a far parlare
ZURIGO
4 ore
Non sei vaccinato? Il tuo bonus sarà più basso
Una società di sicurezza ha deciso di concedere premi maggiori a chi si è immunizzato.
SONDAGGIO TAMEDIA
6 ore
Dalla pandemia alla giustizia: come voterai il prossimo 28 novembre?
Mancano poche settimane alle votazioni federali. Partecipa al sondaggio di 20 minuti e Tamedia
ZURIGO
16 ore
«Non siamo degli “sboroni dell'auto” senza rispetto»
Nel weekend la polizia zurighese aveva interrotto un raduno di bolidi. Ora prende la parola una co-organizzatrice
FOTO
SVIZZERA / GERMANIA
21 ore
Auto strapiena di marijuana
I doganieri tedeschi hanno intercettato una vettura elvetica su cui erano presenti 53 chili di sostanza stupefacente
SVIZZERA / BRASILE
21 ore
Svizzero rapito e ucciso in Brasile
L'omicidio, avvenuto a Goianésia, sarebbe legato a un debito di circa 2'000 franchi.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile