Facebook
SAN GALLO
26.02.21 - 11:030

Bimba morta in valigia: carcere per la madre non per il padre

Non è stato possibile accertare le cause del decesso e nemmeno l'ora.

Per questo, in appello, la sentenza è stata praticamente ribaltata.

SAN GALLO - Nel complesso caso che circondava la morte di Jasmina, il tribunale doveva stabilire tra le altre cose se i genitori fossero colpevoli di omicidio colposo. Il caso era difficile da valutare in quanto l'autopsia non era stata in grado di determinare la causa esatta della morte e nemmeno l'ora esatta in cui era avvenuta.

Il Ministero pubblico aveva chiesto una pena detentiva di 10,5 anni per la madre e 8 anni per il padre. I genitori accusati, tuttavia, avevano chiesto l'assoluzione. Una settimana fa il tribunale si è riunito per circa undici ore e venerdì il verdetto è stato comunicato ai genitori.

Sentenza ribaltata - Il tribunale cantonale ha così ribaltato la decisione del tribunale di Rorschach. A quel tempo, i genitori furono condannati alla reclusione: la madre (37 anni) a sei anni, il padre (57 anni) a cinque anni. La sentenza d'appello è giunta alla conclusione che la posizione sostenuta dal grado inferiore di giudizio (secondo cui Jasmina era stata lasciata sola nella calda stanza dei bambini per circa due ore il 3 luglio, e per questo era morta a causa del calore), non è sostenibile. «Il medico legale non ha potuto determinare le cause della morte e l'ora del decesso», è spiegato nella sentenza. Anche il rapporto della polizia cantonale descrive l'ora della morte come errata. «Non si può dire di cosa sia morta la bambina», ha spiegato il giudice. Pertanto, i genitori sono stati assolti dall'accusa di omicidio colposo.

Altri capi d'accusa - Tuttavia, la violazione del dovere di cura e educazione, nonché il reato multiplo contro la legge sugli stupefacenti sono stati dimostrati. Jasmina non ha mai visto un pediatra, i suoi genitori consumavano cocaina in grandi quantità e la madre anche durante la gravidanza e l'allattamento.

La donna è stata anche giudicata colpevole di turbativa della quiete dei morti. Dopo aver trovato il corpo della figlia, aveva messo il suo corpicino n una valigia e l'aveva portato in cantina. Il cadavere è stato trovato lì, nell'agosto del 2015, dalla polizia cantonale.

Per questo, la madre è stata condannata a 30 mesi di reclusione, di cui 12 da scontare. Il padre è stato condannato a 21 mesi di reclusione sospesi per tre anni. Le spese procedurali a loro carico ammontano ad oltre 100.000 franchi.

TOP NEWS Svizzera
ZURIGO
2 ore
La polizia sgombera un party privato con 40 invitati
L'operazione nel cuore della notte a Zurigo. Tutti multati, e denunciati gli organizzatori
SVIZZERA
3 ore
«Bisogna vietare ai circhi di tenere animali selvatici in gabbia»
La richiesta di diverse associazioni animaliste in occasione della giornata nazionale del circo
ZURIGO
5 ore
Decolla per Johannesburg ma dopo due ore riatterra a Zurigo
Problemi tecnici ieri notte per un Airbus che ha volato in tondo sopra alla città prima di tornare sulla pista
SAN GALLO
5 ore
Svolta, ma non vede un ragazzino sui pattini
È successo ieri sera a Grabs (SG), l'11enne è rimasto ferito ed è stato portato via in ambulanza
GRIGIONI
14 ore
Festeggiamenti senza distanze in una scuola grigionese
L'evento con 200-300 allievi ha avuto luogo venerdì mattina nell'aula magna di un istituto di Coira
SVIZZERA
14 ore
Cassis ha messo gli occhi sul vertice Biden-Putin
Il ministro vorrebbe organizzare in Svizzera il possibile incontro tra il presidente americano e quello russo
SVIZZERA
16 ore
Ecco perché all'improvviso il Canada è un paese a rischio
La decisione è stata comunicata dall'UFSP mezz'ora prima che entrasse in vigore
VALLESE
17 ore
Il Barry avrà il suo parco a tema
Uno spazio di 20'000 metri quadri che sarà un luogo per conoscere i cani San Bernardo
SVIZZERA
18 ore
I test fai da te potrebbero salvare gli eventi estivi
Nonostante i previsti allentamenti, il settore chiede una maggior sicurezza per pianificare il proprio futuro.
SVIZZERA
19 ore
Moderna conferma la “versione Lonza” di Berset
ll vicepresidente della società: «Vendiamo dosi di vaccino, non linee di produzione»
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile