instagram
ZURIGO
12.01.21 - 20:300
Aggiornamento : 22:17

Acrobazie sul bus, arrestato un 14enne

La pericolosa moda in quel di Winterthur spinge le autorità ad agire.

Il ragazzino dovrà ora vedersela con la giustizia.

WINTERTHUR - Da qualche mese stanno comparendo sui social vari e preoccupanti video girati a Winterthur. In questi filmati, i cui protagonisti sono perlopiù ragazzini, le violazioni della legge si sprecano.

In agosto era finito in manette un ragazzo 19enne. Come riferisce oggi la polizia di Winterthur, lo scorso venerdì sono scattate le manette per un altro giovane, un 14enne iracheno. Il ragazzo è protagonista di un video nel quale, aggrappato al retro di un bus, si esibisce in acrobazie a dir poco pericolose.

Il 14enne ha già confessato la propria colpevolezza e ora dovrà vedersela con la giustizia. Sono mesi che in rete circolano video di questa risma, con ragazzini arrampicati a treni, tram e autobus. Un cattivo esempio che, divenendo virale su Instagram, suona quasi come un invito all'imitazione.

Non solo Winterthur - Questa tipologia di video sta macinando migliaia di visualizzazioni nelle ultime settimane. I filmati non arrivano solo da Winterthur, ma anche da Zurigo e Affoltern am Albis.

Contattata da 20 Minuten, l'azienda di trasporto pubblico di Zurigo riferisce di non aver notato alcun aumento del "tramsurfing", ma afferma pure di non essere nemmeno a conoscenza dei video divenuti virali. Secondo il portavoce Oliver Obergfell, il fenomeno in questione è più un problema estivo. Ciò nonostante si sta ora vagliando una campagna di comunicazione per sensibilizzare sui rischi di questa assurda pratica.

Michael Poysden, dello Stadtbus Winterthur, conferma invece che negli ultimi mesi si sono verificati incidenti isolati. «Stadtbus condanna fermamente tale comportamento», ha sottolineato il portavoce.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
ZURIGO
41 min
«Il telelavoro provoca un danno enorme all'economia»
La consigliera di Stato Carmen Walker Späh si oppone all'obbligo imposto dall'autorità federale.
SVIZZERA
1 ora
Il sale, ultimamente, resta in Svizzera
In un decennio, il calo delle esportazioni è stato del 91%
SVIZZERA
2 ore
Solo l'1% delle aziende vuole imporre la vaccinazione
Il dato emerge da un sondaggio di Manpower: «Le ditte elvetiche puntano sulla responsabilità individuale».
SVIZZERA
5 ore
Riaperture: il Consiglio nazionale si chiama fuori
Respinta la richiesta di fissare un termine ultimo al 22 marzo. Approvati maggiori aiuti economici
FOTO
GRIGIONI
6 ore
Dalla pandemia è nata una piramide di carta igienica
Durante la scorsa primavera il suo valore è stato stravolto. Ecco l'opera del grigionese Marc B. Bundi
SVIZZERA
12 ore
Dopo il burqa, il velo nelle scuole?
Gli oppositori alla dissimulazione del volto ora si concentrano sull'ambito formativo. Ma c'è chi è contrario
SVIZZERA
17 ore
«Tutte le aziende in crisi vanno aiutate, anche quelle nuove»
Il Consiglio Nazionale vuole togliere il limite temporale del primo ottobre per la richiesta dei casi di rigore.
SAN GALLO
19 ore
Tragedia sfiorata a un passaggio a livello
A Staad un bambino di tre anni ha attraversato le rotaie proprio mentre transitava un treno.
SVIZZERA
19 ore
Blocher: «Non sottomettiamoci ai diktat del Governo»
Il plenum dovrà decidere se iscrivere nella legge la data del 22 marzo per riaprire ristoranti e altre attività.
SVIZZERA
20 ore
I “milionari della mascherina” sostituiscono quelle non usate gratis
La Farmacia dell'esercito aveva acquistato il materiale dalla Emix Trading AG, ma l'aveva poi ritirato precauzionalmente
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile