Immobili
Veicoli
lettore 20 Minuten
SOLETTA
02.12.20 - 22:540

«Forse l'aggressione poteva essere evitata»

Domenica un uomo ha ferito con un coltello una 14enne in un bosco situato alle porte di Olten.

I residenti della zona denunciano un tentativo di violenza sessuale avvenuto nel medesimo posto due mesi fa, mai comunicato dalla polizia.

Fonte 20Minuten/Celine Krapf, Lara Hofer
elaborata da Giorgio Doninelli
Giornalista

OLTEN - Domenica scorsa, un uomo armato di coltello ha aggredito una ragazza di 14 anni in un bosco nei pressi di Olten. Oltre a rimanere gravemente ferita, la ragazza sarebbe stata vittima di violenza sessuale.

Un'altra aggressione due mesi prima - Non è però il primo fatto del genere che accade nella regione. Non lontano dalla zona in cui hanno avuto luogo le violenze, i residenti locali segnalano un'altra aggressione avvenuta due mesi prima: «In quello stesso bosco, nel mese di settembre, un uomo ha tentato di molestare sessualmente una giovane donna», afferma VK*, che conosce la vittima. «Quando si è messa a urlare, fortunatamente lui l'ha lasciata andare. Lo shock è stato enorme e il trauma permane ancora oggi, visto che la donna evita di recarsi in quel bosco».

La Polizia stava già cercando un uomo - Altri residenti confermano: «Stava facendo jogging ed è corsa in strada gridando aiuto», dice una ragazza che vive poco lontano dal bosco. Più tardi, la polizia è arrivata e ha perlustrato la zona anche con l'ausilio delle unità cinofile, oltre a chiedere nel quartiere se qualcuno avesse visto un uomo con indosso abiti scuri. Ma tutto si era fermato lì. «Purtroppo, nessuno ci ha informati su cosa sia successo esattamente e forse una nuova aggressione poteva essere evitata», lamenta la giovane.

«Agenti in gita domenicale» - E non è l'unica nel quartiere a fare questa constatazione: «Sono molto irritata per l'assenza di informazioni», dice una madre. Ha saputo dell'incidente da terzi e ne ha discusso con i suoi figli, in modo da metterli in guardia. «Se hai una famiglia, ci pensi due volte prima di far entrare i bambini in quel bosco», aggiunge. E critica il lavoro della polizia: «Non può essere che i giornalisti trovino le armi - la presenza di un coltello insanguinato era stata riportata dal Blick, N.d.R. - e gli agenti si comportino come se fossero in gita domenicale».

La polizia ha confermato a 20 Minuten che in settembre c'era stata una tentata violenza sessuale nel bosco vicino a Olten: «Le segnalazioni dei testimoni non erano però state efficaci». Ora sono in corso le indagini per stabilire un legame fra i due avvenimenti. Anche per questo motivo al momento non vengono fornite ulteriori informazioni.

*Nome noto alla redazione di 20 Minuten

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
BASILEA CITTÀ
1 ora
Il mistero dei “cubi” arancioni
Si tratta di geofoni per la localizzazione di fonti di acqua termale per la realizzazione di un impianto geotermico
ZURIGO
12 ore
Cresce la paura della guerra: la Svizzera deve mediare?
Si fa sempre più tesa la situazione tra Ucraina e Russia. L'occidente teme ormai un'invasione
SVIZZERA
15 ore
La variante Omicron... e i test Covid
Non mancano i dubbi attorno ai test Covid. Ecco le principali risposte
SVIZZERA
17 ore
«Le visite agli strip club erano per motivi di lavoro»
L’ex amministratore delegato di Raiffeisen Pierin Vincenz giustifica le spese pazze addebitate alla banca.
SVIZZERA
19 ore
Le “firme” nel sistema immunitario di chi rischia il Long Covid
Uno studio zurighese ha identificato i fattori di rischio immunologici
SVIZZERA
19 ore
Il processo Vincenz non si ferma
La Corte ha respinto le richieste di sospensione. Inizia l'interrogatorio dell'ex Ceo
SVIZZERA
19 ore
In Svizzera 36'658 contagi e dodici decessi in ventiquattro ore
Nelle strutture sanitarie elvetiche sono state ricoverate altre 121 persone col Covid
SVIZZERA
22 ore
«Un allentamento delle misure porterebbe a un'ulteriore ondata»
Gli esperti della Confederazione fanno il punto della situazione. E frenano gli entusiasmi su una fine delle restrizioni
SVIZZERA
1 gior
«Ci siamo comportati come bravi soldatini, adesso basta»
Politici e associazioni economiche fremono: Le attuali restrizioni sono «sproporzionate» e «vanno revocate».
ARGOVIA
1 gior
Cadavere nella grotta, il 22enne a processo per assassinio
Il Ministero pubblico argoviese ha richiesto sedici anni e quattro mesi di carcere per il giovane omicida.
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile