keystone-sda.ch / STF (ENNIO LEANZA)
ARGOVIA
02.11.20 - 13:580
Aggiornamento : 16:21

Delitto di Buchs: le vittime hanno dai 3 ai 13 anni

Una vicina di casa: «Ho sentito un botto, ma ho pensato che fosse solo caduto qualcosa».

I sospetti girano tutti attorno al padre dei bambini, il 37enne trovato a sua volta privo di vita.

AARAU - Tutti bambini. Rispettivamente di 3, 11 e 13 anni. Sono le vittime dell'omicidio verificatosi a Buchs, e consumatosi nelle ultime ore. Questi, i nuovi dettagli forniti dalla polizia argoviese, intervenuta in mattinata dopo aver ricevuto una segnalazione telefonica. 

Vengono inoltre confermati i sospetti verso il padre dei bambini, il 37enne trovato a sua volta cadavere nella villetta. Si presume che l'uomo abbia prima ucciso i figli, poi si sia tolto la vita. Resta oscuro, invece, il movente che avrebbe spinto l'uomo a un gesto simile.

Separato e attivo nel settore medico - Secondo una ricerca condotta da 20 Minuten, l'uomo è il 37enne RR*, lavorava nel campo della medicina nel canton Argovia.

Stando al vicinato, viveva da diverso tempo con i bambini, separato dalla moglie. I piccoli trascorrevano con la mamma, che vive in un paese vicino, il fine settimana. Sembra che il più piccolo fosse invece figlio di un'altra donna.

Dal Ministero pubblico di Lenzburg-Aarau, intanto, è partito l'ordine di avviare le indagini. La Polizia cantonale si è già preoccupata di proteggere le eventuali tracce lasciate sul luogo del delitto in attesa dell'arrivo della scientifica.

La villetta si trova in una tranquilla zona residenziale vicino alla stazione ferroviaria di Buchs, comune confinante con Aarau.

 

Testimonianze - Il vicinato, scosso, ha iniziato a raccontare quel poco che ha potuto notare nelle ultime ore. Una testimone riferisce di aver udito strani rumori già nella serata di ieri: «Ho sentito un botto - racconta a 20 Minuten -. Ma ho pensato che fosse solo qualcosa che era caduto ma terra. Anche perché non abbiamo mai sentito gridare».

«Ho udito le sirene delle auto della polizia questa mattina alle 6.00 - prosegue -. Pensavo andassero da qualche parte qui vicino, non avrei mai immaginato che riguardasse qualcosa di così vicino alla nostra casa».

La famiglia non aveva dato segni di problemi di alcun genere. «Abbiamo sempre visto il padre giocare in giardino con i figli. Aveva pure messo una piscina e spesso passava il tempo con i ragazzi. Insomma era il classico papà affettuoso - aggiunge la donna -. Quando vedi una famiglia che per tutti questi anni è sempre stata unita, quest'estate poi trascorreva molto tempo in giardino insieme ad amici, non vai a pensare che possa succedere qualcosa di simile».

«Andavamo d'accordo» - Un dodicenne del quartiere non nasconde il proprio stupore per l'accaduto. Era infatti amico del ragazzino più grande. «Andavamo d'accordo», racconta. «Era felice e allegro. parlavamo di videogiochi. Non mi ha mai raccontato di problemi in famiglia».

 

keystone-sda.ch / STF (ENNIO LEANZA)
Guarda le 4 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
ZURIGO
9 ore
«Dai 10 anni devono poter decidere se vaccinarsi»
Il tema è di forte attualità. E l'UFSP ha aperto il dibattito anche sui social.
BERNA
13 ore
Quando l'arrivo dei ricchi rischia di farti perdere la casa
L'Oberland bernese attira milionari da tutto il mondo. Il valore delle case è così schizzato alle stelle.
SVIZZERA
13 ore
Coronavirus: in calo casi, ricoveri e decessi
Rispetto a quella precedente, la scorsa settimana tutti gli indicatori sull'andamento epidemiologico sono diminuiti.
SVIZZERA
15 ore
Il radar “sfasato” che la polizia svizzera continua a usare
Può segnare fino a 11 km/h in più e ha problemi con le superfici rifrangenti, l'allarme dal produttore
BERNA
16 ore
Covid: 2300 positivi e 42 vittime
Sull'arco di due settimane, il numero totale di infezioni scende a 18'893.
ZURIGO
17 ore
I ricercatori dell'ETH scoprono il tallone d'Achille del coronavirus
Lo studio potrebbe portare allo sviluppo di un medicinale per combattere il Covid-19.
SVIZZERA
18 ore
Disoccupazione e penuria di personale, il paradosso post Covid
Se da un lato le aziende licenziano dipendenti, dall'altro cercano nuovo personale diversamente qualificato.
SVIZZERA
19 ore
Al confine con la Germania c'è un grande viavai
Il turismo degli acquisti è di nuovo possibile senza limitazioni. E in moltissimi ne hanno approfittato.
SVIZZERA
21 ore
Hotel e ristoranti, 40mila posti di lavoro in fumo
Il dato riguarda esclusivamente il 2020. Particolarmente colpiti i ristoranti che dipendono dal turismo d'affari.
SVIZZERA
1 gior
«Vaccinati e senza mascherina»
Per il Governo federale le persone immunizzate non trasmettono il virus. C'è quindi chi chiede la revoca dell'obbligo
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile