keystone
BERNA
30.09.20 - 12:060
Aggiornamento : 13:53

Covid: tra entusiasmo e restrizioni tornano i grandi eventi

Le limitazioni imposte fanno storcere qualche naso. E ricevere il via libera non è poi così facile.

Gli organizzatori dovranno presentare un piano di protezione, sperando poi che la situazione epidemiologica e la capacità di contact tracing permettano lo svolgimento della manifestazione

SONDAGGIO

Caricamento in corso ...
Questi sondaggi non hanno, ovviamente, un valore statistico. Si tratta di rilevazioni aperte a tutti, non basate su un campione elaborato scientificamente. Hanno quindi l'unico scopo di permettere ai lettori di esprimere la propria opinione sui temi di attualità.

BERNA - Dopo sette mesi di lunga attesa da domani in Svizzera potranno tornare a svolgersi i grandi eventi sportivi, culturali e religiosi con oltre 1'000 persone. Se da un lato la voglia di ripartire è tanta, dall'altro le condizioni anti-coronavirus imposte dalle autorità limitano l'eccitazione di organizzatori e pubblico.

Lo stop alle manifestazioni con più di 1000 persone è stata la prima misura presa dal Consiglio federale per contenere la pandemia di Covid-19 che allora, era il 28 febbraio, alle nostre latitudini era ancora in fase embrionale. Inizialmente il divieto scadeva a fine agosto, ma durante l'estate è stato prolungato di un ulteriore mese a causa del rimbalzo dei contagi.

Da domani 1° ottobre però gli eventi più affollati torneranno a fare capolino nelle agende degli svizzeri. Tuttavia, le esigenze da soddisfare per ricevere il via libera da parte dei Cantoni, ai quali di principio spetta la competenza in materia, sono severe. Gli organizzatori dovranno presentare un piano di protezione, sperando poi che la situazione epidemiologica e la capacità di contact tracing permettano il regolare svolgimento della manifestazione.

Seduti e con le mascherine - Nella maggior parte dei casi, che si assista a una partita, a un concerto, a uno spettacolo, a un congresso, o a una messa, gli spettatori dovranno diligentemente restare seduti al posto loro attribuito. Eccezioni sono rappresentate ad esempio da gare di ciclismo e di sci, così come dalle feste campestri all'aria aperta.

I vari piani di protezione possono poi includere precauzioni aggiuntive, come l'obbligo di indossare la mascherina. Le strategie terranno conto anche della gestione dei flussi di persone, in particolare all'entrate e all'uscita, e garantiranno la raccolta dei dati personali, in modo da risalire a chi di dovere in caso di contagi. Senza dimenticare le ormai consuete regole di distanziamento e di igiene.

L'ordinanza del Consiglio federale consente ai Cantoni di revocare, a determinate condizioni, un permesso precedentemente accordato. Questo può succedere per esempio se le infezioni dovessero aumentare pericolosamente tra la data in cui è stata rilasciata l'autorizzazione e quella della manifestazione. L'organizzazione non avrà diritto ad alcun rimborso.

Due terzi dei posti e niente trasferte - Disposizioni ad hoc sono state studiate per l'hockey, il cui campionato riparte proprio domani, e il calcio, con le due federazioni che hanno elaborato piani che regolano uniformemente la situazione in tutto il Paese. Gli appassionati dovranno dire addio almeno per il momento a spalti e trasferte: alla pista e allo stadio si dovrà rimanere rigorosamente seduti e il tifo ospite non sarà presente. Solo i due terzi dei seggiolini potranno essere occupati e la mascherina sarà d'obbligo.

Chi vorrà mangiare e bere dovrà farlo senza alzarsi dal proprio posto. Permessa la vendita di bevande alcoliche, per la quale i club si sono battuti, pur se il governo lascia ai Cantoni un margine di manovra per intervenire qualora il piano di protezione fosse lacunoso. Agli organizzatori spetta inoltre il compito di controllare che gli spettatori non sgarrino: le sanzioni saranno una spada di Damocle sempre in agguato.

Non tutti sorridono - Molti grandi eventi sono pronti dunque a ripartire, ma la lunga lista di limitazioni, oltre a inevitabilmente frenare almeno in parte gli entusiasmi, ne condanna altri, forzando più di un annullamento.

Non si terranno ad esempio il festival di musica militare Basel Tattoo, le celebrazioni legate a San Martino e la Coppa Spengler, tradizionale appuntamento hockeystico di fine anno a Davos. Per non parlare poi dei grandi festival musicali o dei carnevali, il cui destino, laddove non già segnato, appare come un gigantesco punto di domanda.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
marco17 4 sett fa su tio
Viva la Birra Corona! Tutto il resto è noia.
Sandra Mocchi 4 sett fa su fb
Finalmente si intravede luce in fondo a questo tunnel....siii agli eventi anche in forma ridotta seguendo tutte le norme imposte....
Eddie Mombelli 4 sett fa su fb
Mah....a me pare stiano annullando tutto in ogni caso!
miba 4 sett fa su tio
Corona circus forever
seo56 4 sett fa su tio
Irresponsabili!!
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
4 ore
Mascherina al chiuso «anche con la distanza»
La raccomandazione arriva dalla task force della Confederazione
BERNA
4 ore
Quarantena per i viaggiatori, tutto ciò che c'è da sapere
Adeguato il valore soglia che regola gli Stati per i quali c'è l'obbligo di quarantena.
VAUD
8 ore
Prilly, spara alla moglie e poi si suicida
La donna è stata ricoverata al CHUV. Le sue condizioni sono tali da metterne in pericolo la vita
SVIZZERA
11 ore
I cybercriminali hanno approfittato parecchio della pandemia
Nel primo semestre dell'anno al Centro nazionale per la cybersicurezza sono giunte oltre 5'000 segnalazioni.
SVIZZERA
11 ore
Coronavirus: Roche vuole produrre centinaia di milioni di test rapidi al mese
Analizzano un campione di saliva e non richiedono personale specializzato per la somministrazione.
SVIZZERA
12 ore
«Dobbiamo fare tutti la nostra parte contro il coronavirus»
Il consigliere federale risponde alle domande dei colleghi di 20 Minuten e dei lettori
SVIZZERA
14 ore
«È adesso il momento cruciale»
Isabelle Moret lancia un appello a tutti: «Solo con la solidarietà potremo superare la crisi».
SVIZZERA
15 ore
In Svizzera altri 287 ricoveri e 31 morti
Il virus continua a circolare molto: ben il 26.6% dei 35'230 tamponi effettuati nelle ultime 24 ore è risultato positivo
SVIZZERA
15 ore
Contro i blocchi del 5G Swisscom è pronta ad andare in tribunale
La società giudica illegali le moratorie contro la nuova rete: «Sono inaccettabili».
SVIZZERA
16 ore
Uccidono i germi ma «sono potenzialmente pericolosi per occhi e pelle»
Alcuni sanificatori UV dell'azienda svizzera Pearl sono stati richiamati, la nota della Confederazione
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile