20 Minuten
SAN GALLO
03.09.20 - 16:090
Aggiornamento : 17:04

San Gallo: l'aggressore della donna abbattuto dalla polizia

L'episodio si è verificato in un'abitazione situata in Speicherstrasse. Nessun rapporto tra vittima e carnefice

SAN GALLO - La procura sangallese ha fatto luce sul crimine violento che ieri ha portato alla morte di due persone nella città di San Gallo. Un 22enne si è intrufolato nell'appartamento di una 46enne, colpendola ripetutamente al capo con un oggetto. La polizia cittadina è allora intervenuta, sparando all'uomo. Sia la vittima che il suo carnefice sono morti.

Il giovane è riuscito a entrare in un'abitazione in Speicherstrasse e ha cominciato a picchiare la donna con un corpo contundente spigoloso, precisa il Ministero pubblico cantonale in un comunicato odierno. Tra i due non sono per ora emersi legami: sia la scelta della casa che quella della vittima appaiono dunque frutto del caso.

Stando alla ricostruzione della procura, gli agenti giunti sul posto hanno intimato all'aggressore di fermarsi. Ma questi non ha reagito alle sollecitazioni, continuando anzi a infierire pesantemente sulla malcapitata. Due poliziotti a quel punto hanno aperto il fuoco, esplodendo diversi colpi in direzione del sospettato.

L'uomo, un cittadino svizzero, è deceduto sulla scena del crimine, mentre la donna è spirata in ospedale, dove era stata trasportata a causa delle ferite alla testa: troppo grave il trauma cranico con lesioni cerebrali riportato durante il violento pestaggio.

Ulteriori indagini sono in corso per tentare di chiarire i contorni della vicenda e il movente che ha scatenato la furia assassina del ragazzo. Tuttavia, secondo le prime indicazioni, sembra che il colpevole soffrisse di problemi psicologici, ha riferito a Keystone-ATS la portavoce della procura Regula Stöckli, parlando di un episodio «particolarmente brutale».

Per quanto riguarda i due agenti che hanno sparato, una procedura sarà aperta nei loro confronti, così da accertarne la posizione. Entrambi sono stati per ora messi fuori servizio: «Non si può elaborare un evento del genere in 24 ore», ha commentato l'addetto stampa della polizia cittadina Roman Kohler motivando la decisione.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
2 ore
Stazioni sciistiche e shopping natalizio: ecco le risposte ai molti interrogativi
In viste delle Festività, il Consiglio federale ha rafforzato i provvedimenti contro il coronavirus.
SVIZZERA
2 ore
Ritirati il chorizo di Aldi e i filetti di trota affumicati di Lidl
Entrambe le aziende hanno ritirato il prodotto dalla vendita
ZURIGO
2 ore
Ragazzino trascinato dall'autobus per 100 metri, autista assolto
L'uomo era a processo per lesioni colpose. È ripartito senza accorgersi che l'11enne era rimasto incastrato nella porta.
SVIZZERA
4 ore
Le stazioni sciistiche tirano un sospiro di sollievo
Il fatto che le nuove misure non prevedano limitazioni di capacità soddisfa i comprensori.
SVIZZERA
4 ore
In Romandia cinema e teatri riapriranno
Dal 19 dicembre il mondo della cultura potrà tirare un sospiro di sollievo.
ZUGO
4 ore
Glencore, obiettivo emissioni zero nel 2050
Il Ceo Ivan Glasenberg l'anno prossimo lascerà il timone a Gary Nagle
BERNA
6 ore
Berset: «La situazione è preoccupante»
Decise in particolare nuove restrizioni per i negozi. Lo sci sarà consentito, ma a severe condizioni.
BERNA
7 ore
Crimini, dal DNA più informazioni per gli inquirenti
Questo metodo forense sarà sfruttato per incrementare la sicurezza della popolazione.
SVIZZERA
9 ore
Tre regioni italiane saranno zone rosse
Sono Veneto, Emilia Romagna e Friuli Venezia Giulia. Zaia: «La Svizzera non riconosce l'unità d'Italia»
GRIGIONI
10 ore
Il progetto pilota dei Grigioni: test a tappeto
Oltre alle restrizioni, per lottare contro la diffusione del virus verranno predisposti dei test territoriali.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile