Immobili
Veicoli
20minuten
ZURIGO
01.09.20 - 00:400

L'inseguimento, poi la fuga in manette: «È un bravo ragazzo»

Un 24enne ha prima eluso un controllo del traffico, poi, fermato, è riuscito a darsi alla fuga.

Su suggerimento della madre, in seguito, si è consegnato alla polizia. Ma sarebbe nuovamente latitante

ZURIGO - Una scena degna di un film si è svolta lunedì mattina nel distretto 3, a Zurigo. «Un poliziotto su una moto stava inseguendo un'Audi», racconta un passante a 20 Minuten. Solo grazie al traffico, l'agente ha potuto sorpassare e fermare l'auto. «Con la pistola puntata ha fatto scendere l'automobilista dal veicolo e poi l'ha ammanettato». Tuttavia l'uomo è riuscito a fuggire a piedi.

Contattata, la polizia zurighese ha confermato che un soggetto ha prima eluso un controllo del traffico, poi, una volta fermato, è fuggito con le manette. «Chiunque veda qualcuno a Zurigo in manette dovrebbe chiamare il 117», ha sottolineato il portavoce di polizia.

Non è passato molto prima che arrivasse un comunicato in cui le forze dell'ordine segnalavano che il fuggiasco si era arreso e consegnato.

Stando al Blick, sarebbe stata la madre a suggerire al ragazzo di presentarsi spontaneamente in polizia. Non è la prima volta, d'altra parte, che il giovane ha a che fare con le forze dell'ordine. L'anno scorso aveva aggredito un agente di polizia a Bremgarten (AG). Sembra che lo abbia colpito alla nuca con un pugno e poi sia fuggito. Poco tempo dopo è stato arrestato. Secondo i vicini di casa, anche in quell'occasione aveva tentato la fuga da una finestra.

Stando a 20 Minuten, trattasi di D.N., 24enne che fino a pochi giorni fa viveva con la sua ragazza e due cani. A metà agosto, tuttavia, sono stati buttati fuori dall'appartamento. «Causavano sempre stress e spesso litigavano», racconta un vicino. Inoltre l'appartamento e i cani venivano trascurati. «Il veterinario cantonale era già passato a trovarli».

«In realtà è un bravo ragazzo» - Il contratto di locazione era a nome della madre del 24enne. La donna è delusa dal comportamento di suo figlio. «In realtà è un bravo ragazzo - ha dichiarato al Blick -. Ma semplicemente non impara la lezione. Ha dormito in macchina per una settimana. L'ho permesso, sì. In modo che possa vedere com'è quando non gli pago tutto», ha aggiunto la donna. Secondo lei, il problema è che suo figlio non ha mai dovuto affrontare le conseguenze delle sue azioni. Nell'attacco al poliziotto a Bremgarten, ad esempio, è riuscito a farla franca quasi senza conseguenze.

«Penso che sia stato un errore», ha concluso. La donna spera che questa volta imparerà la lezione. Secondo la polizia della città di Zurigo, tuttavia, è già nuovamente latitante.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
1 ora
I Paesi dell'Africa australe fuori dalla lista nera
La SEM toglierà il blocco d'ingresso che era in vigore dal mese di novembre per contrastare la diffusione di Omicron.
GRIGIONI
1 ora
Ucciso un lupo, si avvicinava troppo all'uomo
Per le autorità grigionesi era "un pericolo potenziale per l'essere umano"
ZURIGO
3 ore
Una nuova variante può riportarci al punto di partenza?
Per l'epidemiologo Jürg Utzinger sono corrette le manovre del Consiglio federale decise da qui a marzo.
SVIZZERA
4 ore
Tre giorni di lavoro, salario pieno: ecco come prepararsi a una crisi sanitaria
È quanto propone un consulente professionale lucernese. Ma è una soluzione «troppo costosa»
SVIZZERA
6 ore
Divieto di sperimentazione sugli animali? Si rafforza il fronte dei contrari
Resta alto il consenso per l'iniziativa contro la pubblicità per il tabacco, secondo il sondaggio di 20 minuti e Tamedia
FOCUS
GINEVRA/LUGANO
6 ore
Gli affari della "principessa" con un piede in Ticino
La figlia dell'ex dittatore kazako Nazarbayev ha dato nell'occhio, dopo le proteste nel paese d'origine
VALLESE
18 ore
Il ristoratore disobbediente contrattacca
L'esercente del Walliserkanne di Zermatt ha presentato una querela contro le autorità che lo avevano arrestato.
SVIZZERA
19 ore
Trapianti, “no” al consenso presunto per la donazione di organi
Un comitato referendario ha depositato oggi oltre 64'000 firme. Si voterà il prossimo 15 maggio
SVIZZERA
20 ore
Lex Netflix: «Il referendum è una pugnalata alla cultura svizzera»
Si voterà il 15 maggio 2022. I referendisti: «Questa legge calpesta il consumatore»
SVIZZERA
21 ore
In aumento i contagi, ma ricoveri e decessi sono in calo
È quanto emerge dal confronto settimanale dell'Ufficio federale della sanità pubblica
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile