Deposit (archivio)
BERNA
28.08.20 - 23:110

Uccise un'escursionista con 15 colpi d'accetta, condannato a 19 anni

Un bulgaro di 42 anni è stato ritenuto colpevole di assassinio dal Tribunale del Giura bernese-Seeland.

Il delitto era stato compiuto nel luglio del 2016 a Orpund. Il presidente della corte: «L'imputato ha dato prova di barbarie e si è accanito in maniera crudele sulla sua vittima».

BERNA - Un cittadino bulgaro di 42 anni è stato condannato oggi a Bienne a 19 anni di carcere per aver ucciso senza un motivo apparente un'escursionista in un bosco di Orpund (BE) nel 2016. Alla pena è stato aggiunto l'internamento a causa dell'alto rischio di recidiva.

Il Tribunale del Giura bernese-Seeland bernese ha giudicato l'uomo colpevole di assassinio: «L'imputato ha dato prova di barbarie e si è accanito in maniera crudele sulla sua vittima», ha detto il presidente della corte leggendo il verdetto.

I fatti risalgono al luglio 2016: il corpo della donna, una cittadina svizzera di 66 anni domiciliata nel canton Berna che portava a spasso il suo cane, era stato rivenuto nel Burgenwald, il bosco a nord del villaggio situato alla periferia orientale di Bienne. Era stata uccisa con circa 15 colpi d'accetta alla testa. Gli investigatori avevano escluso un'aggressione di natura sessuale o un crimine passionale. L'auto della vittima era risultata introvabile.

Il colpevole era stato fermato qualche giorno dopo a bordo della vettura nella regione di Sciaffusa: il bulgaro si trovava illegalmente in Svizzera e non disponeva né di un permesso di soggiorno, né di uno statuto di richiedente asilo.

Il suo DNA era stato trovato sul manico dell'arma del delitto e sul marsupio della vittima, da cui aveva sottratto le chiavi dell'automobile. Malgrado ciò l'imputato ha sempre negato i fatti, fornendo spiegazioni talvolta inverosimili e gridando al complotto: «Ha tenuto un atteggiamento di negazione completa», ha detto il presidente della corte, sottolineando la mancanza di scrupoli dell'uomo. La vittima si è trovata al posto sbagliato nel momento sbagliato, ha aggiunto.

Secondo il giudice, «una condanna da sola non basta a evitare il pericolo»: la misura d'internamento si rende necessaria per «l'evidente pericolo di recidiva». Secondo una perizia psichiatrica, infatti, l'uomo soffre di una grave forma di disturbo di personalità.

In detenzione preventiva da quattro anni, l'imputato è stato ritenuto colpevole tra gli altri reati, pure di furto, violazione di domicilio, danneggiamento e soggiorno illegale. Per questi reati è stato condannato a un anno di reclusione. La pena detentiva totale ammonta a 20 anni.

La corte è andata quindi oltre le richieste dell'accusa, che voleva una pena detentiva di 17 anni per assassinio e per gli altri reati minori, seguita dall'internamento.

Dal canto suo la difesa aveva chiesto 10 anni di carcere per omicidio, ritenendo che la negazione da parte dell'imputato dei fatti derivasse dai suoi problemi psichici.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
1 ora
«Eravamo sovraccarichi già due settimane fa»
Dall'elaborazione dei dati, al supporto a chi si trova in quarantena. Un contact tracer racconta il suo lavoro.
SVIZZERA
2 ore
Bloccati un'ora e mezza in galleria
I viaggiatori di un treno diretto da Zurigo a Lucerna sono rimasti bloccati per circa un'ora e mezza
SVIZZERA
2 ore
Coronavirus: «Senza programmabilità gli approvvigionamenti sono a rischio»
L'associazione Commercio Svizzera chiede al Consiglio federale chiarezza sugli scenari da attendersi.
SVIZZERA
4 ore
Ueli Maurer preoccupato per la repressione del dissenso
Il ministro delle finanze ha parlato di tendenze «pericolose per la democrazia» all'Assemblea dei delegati UDC
ZURIGO
6 ore
Tentativo di rapina con coltello, un ferito grave
L'aggressione è avvenuta nella notte vicino alla stazione centrale di Zurigo.
SVIZZERA
7 ore
Mascherina presto obbligatoria anche all'aperto?
Il Consiglio federale ha messo in consultazione alcune ulteriori misure per lottare contro la diffusione del Covid-19.
SVIZZERA
8 ore
«Prima combattiamo il covid, poi la legge sul CO2 e l'accordo quadro»
Marco Chiesa ha aperto questa mattina con un discorso l'assemblea dei delegati dell'UDC.
SVIZZERA
10 ore
UDC e Verdi, le assemblee dei delegati si tengono online
I democentristi discuteranno in particolare dell'accordo quadro. Gli ecologisti di politica agricola.
SVIZZERA
10 ore
«Non servono nuove regole, ma ogni giorno conta»
Marcel Tanner, membro della Task Force Covid-19, si dice allarmato per il rapido aumento di casi in Svizzera.
BASILEA CITTÀ
11 ore
«Ha detto che avrebbe sparato al prossimo senza mascherina»
A.Z. ha un certificato medico, ma la gente non lo sa. E ogni giorno raccoglie insulti sui mezzi pubblici
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile