(Archivio) Keystone
ZURIGO
12.08.20 - 12:340
Aggiornamento : 14:31

Si apre oggi il processo ai "genitori dell'orrore"

L'accusa: «Erano costretti a mangiare il proprio vomito».

I due sono accusati di aver inflitto per anni abusi e torture ai loro 5 figli.

ZURIGO - Abusati sessualmente, chiusi nel seminterrato, picchiati e costretti a mangiare i loro escrementi. Queste alcune delle torture inflitte ai 5 figli da parte di una donna svizzera di 48 anni e del suo ex marito 49 enne di origini kosovare.

Rinchiusi per giorni - Secondo l'accusa un totale di cinque bambini ha dovuto subire il martirio. Due delle vittime, una bambina e un bambino, avevano solo sei e sette anni quando i loro genitori hanno iniziato a rinchiuderli nel 2006: prima in stanza, poi in cantina. I bambini andavano a scuola durante il giorno, ma la sera e nei fine settimana rimanevano chiusi a chiave così a lungo da dover urinare e defecare sul pavimento.

Patire la fame - Tre anni prima, come riportato dal Blick, i genitori avevano già smesso di dare ai due bambini pasti regolari. A scuola, i due hanno iniziato a rubare il cibo. Nel 2008 il medico della scuola ha scoperto che il bambino di quasi nove anni pesava solo 18 chili e presentava segni di anoressia. La ragazza ha ricevuto una diagnosi simile. Ad entrambi i bambini è stato identificato un disturbo dello sviluppo.

Mangiare il proprio vomito - Tuttavia le torture continuarono per anni. Nel 2008 la ragazza avrebbe dovuto mangiare il proprio vomito. Il pubblico ministero scrive anche di altri brutali "metodi educativi" che sono stati inflitti ai bambini: calci, schiaffi, colpi con bastoni, cinture o sacchetti pieni di pietre. «I due bambini hanno dovuto stare fermi con i pannolini imbevuti di urina sulla testa per otto ore e mezza». 

Abusi sessuali - Gli insegnanti avevano notato alcune ferite durante gli anni ma solo nel 2010 le vittime sono state collocate in una struttura. Altri due bambini sono dovuti restare coi genitori e una figlia sarebbe stata abusata ripetutamente dal padre dall'età di 7 anni. L'uomo è inoltre accusato di aver aggredito sessualmente la figlia dell'allora moglie.

Pericolo di vita - Nell'atto è anche presente l'accusa al 49enne di aver messo in pericolo di vita la moglie quando, nel 2010, l'aveva strangolata così forte da farla svenire. Per l'uomo si tratta di accuse false.

L'arresto - Nel 2018 il 49enne è stato arrestato per primo e qualche mese dopo è stata fermata anche la donna. Il procuratore non ha ancora deciso la durata dell'incarcerazione. 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
BASILEA CITTA'
2 ore
Novartis collabora alla produzione di un nuovo vaccino
Il gruppo farmaceutico renano prevede di avviare la produzione di principi attivi nei prossimi mesi.
BERNA
3 ore
Dibattito urgente sul coronavirus il 17 marzo
Lo terrà il Consiglio nazionale. Saranno cinque gli interventi parlamentari riguardanti la pandemia in corso.
SVIZZERA
3 ore
In Svizzera 1'223 contagi e 9 morti in 24 ore
Restano stabili i numeri della pandemia, che sinora ha registrato 561'068 casi accertati
SVIZZERA
4 ore
Antenne 5G nel mirino dei ricattatori
Ignoti hanno incendiato un impianto di Swisscom, chiedendo agli operatori di versare milioni a favore dei bambini
SVIZZERA
5 ore
Massacrarono una donna a martellate: condanna confermata
Il Tribunale federale ha respinto i ricorsi inoltrati dagli autori del tentato assassinio avvenuto nel 2016 a Ginevra
SVIZZERA
5 ore
Che anno da record per le dogane
Boom di merci contraffatte e più sequestri di droga ai valichi. Chiusi valichi secondari e al via controlli sistematici
BERNA
6 ore
Brutto colpo per aeroporto di Berna, Flybair congela attività
Il primo esercizio dell'azienda si chiude con una perdita di 760'000 franchi
ZURIGO
6 ore
Crisi Swiss: «Un salto indietro di 50 anni»
Le vendite hanno subito una flessione di oltre il 70%. Previsto un ridimensionamento del 10%.
SVIZZERA
6 ore
Sulla Legge Covid-19 il Governo sia «meno centralista»
Il Consiglio agli Stati auspica la concessione di una «maggiore fiducia» ai Cantoni.
ZURIGO
9 ore
La popolazione sostiene le misure del Consiglio federale
In alcuni casi, addirittura, avrebbe decretato misure più severe.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile