keystone
BERNA
12.07.20 - 10:060

Scandalo pedinamenti: la polizia zurighese ha commesso negligenze

Gli investigatori coinvolti nella vicenda non sarebbero stati sentiti in maniera adeguata, secondo il TF.

Inoltre il telefono cellulare di uno di questi sarebbe stato ottenuto illegalmente, quindi non può essere valutato.

BERNA - Nello scandalo dei pedinamenti che ha visto coinvolto il Credit Suisse, la polizia cantonale di Zurigo ha commesso diverse negligenze: è quanto risulta da due sentenze non pubblicate rese note oggi dal SonntagsBlick. In particolare, il cellulare di un investigatore privato è stato ottenuto illegalmente.

A metà febbraio, il tribunale del distretto di Meilen aveva deciso che il "telefonino" di un detective privato non poteva essere valutato poiché ottenuto illegalmente dalla polizia. Questa decisione è entrata in giudicato, scrive il domenicale zurighese.

Oltre a ciò, il 27 maggio scorso il Tribunale federale (TF) ha annullato una decisione del Tribunale delle misure coercitive di Zurigo che autorizzava la procuratrice responsabile dell'inchiesta ad accedere ai computer e ai cellulari confiscati.

Secondo il TF, l'istanza zurighese non ha sentito in maniera adeguata gli investigatori privati accusati coinvolti nella vicenda, violando in questo modo il loro diritto di essere ascoltati.

Il dossier è stato quindi riaperto e sei agenti di polizia rischiano un'inchiesta per sottrazione di una cosa mobile e abuso di autorità, sostiene il settimanale.

La vicenda dei pedinamenti è costata il posto al CEO di Credit Suisse Tidjane Thiam, il quale ha sempre detto di non aver saputo nulla di quanto stava accadendo, e al direttore operativo (COO) Pierre-Olivier Bouée. Oggetto della sorveglianza erano due manager, il responsabile della gestione patrimoniale Iqbal Khan e l'ex capo del personale Peter Goerke.

Nel settembre 2019 aveva tenuto banco per settimane, anche sui media internazionali, la vicenda di Iqbal Khan, il top manager pedinato su ordine dell'istituto, fino a giugno responsabile della gestione patrimoniale di Credit Suisse e dal primo ottobre in forza a UBS con la stessa funzione (accanto a Tom Naratil).

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
1 min
Vince un milione, ma si dimentica di ritirarlo
Lo sconosciuto aveva sbancato il Lotto lo scorso 25 aprile, ma non ha mai ritirato il premio che gli spettava.
SVIZZERA
15 min
Coronavirus: la gastronomia potrebbe perdere 100'000 posti di lavoro
È l'allarme lanciato oggi dal presidente di GastroSuisse. Si temono nuove restrizioni per il settore
GRIGIONI
48 min
Massi sui binari: deraglia un treno della Ferrovia retica
L'incidente è avvenuto lunedì sera nei Grigioni. Ferito il macchinista
SVIZZERA
1 ora
Personale sanitario tra senso di responsabilità e frustrazione
Parlano tre infermiere della Svizzera tedesca attive nel settore: «Se potessimo, sciopereremmo».
SVIZZERA
1 ora
«Troppi interventi pubblici contro la crisi Covid»
È la critica mossa al Governo da Peter Grünenfelder, direttore di Avenir Suisse
SVIZZERA
1 ora
Crédit Agricole e HSBC France sanzionate dalla COMCO
La multa complessiva per i due istituti di credito è di circa 6,5 milioni di franchi
GLARONA
2 ore
La terra ha nuovamente tremato a Elm
Il Servizio sismico svizzero ha rilevato una magnitudo di 2.5 nella notte: «Chiaramente percepibile, ma senza danni».
SVIZZERA
2 ore
Le palestre in ansia: «Non siamo focolai»
Il settore è in tensione in attesa delle nuove misure e la Federazione svizzera dei centri fitness ha scritto a Berna
SVIZZERA
2 ore
Su il fatturato per Novartis
Terzo trimestre in progressione su base annua, ma cala l'utile
SVIZZERA
3 ore
Implenia pianifica 750 licenziamenti (da subito). E altri seguiranno
Il gruppo edile ha deciso una massiccia ristrutturazione: saltano centinaia di posti, 250 dei quali in Svizzera.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile