keystone
BERNA
12.07.20 - 10:060

Scandalo pedinamenti: la polizia zurighese ha commesso negligenze

Gli investigatori coinvolti nella vicenda non sarebbero stati sentiti in maniera adeguata, secondo il TF.

Inoltre il telefono cellulare di uno di questi sarebbe stato ottenuto illegalmente, quindi non può essere valutato.

BERNA - Nello scandalo dei pedinamenti che ha visto coinvolto il Credit Suisse, la polizia cantonale di Zurigo ha commesso diverse negligenze: è quanto risulta da due sentenze non pubblicate rese note oggi dal SonntagsBlick. In particolare, il cellulare di un investigatore privato è stato ottenuto illegalmente.

A metà febbraio, il tribunale del distretto di Meilen aveva deciso che il "telefonino" di un detective privato non poteva essere valutato poiché ottenuto illegalmente dalla polizia. Questa decisione è entrata in giudicato, scrive il domenicale zurighese.

Oltre a ciò, il 27 maggio scorso il Tribunale federale (TF) ha annullato una decisione del Tribunale delle misure coercitive di Zurigo che autorizzava la procuratrice responsabile dell'inchiesta ad accedere ai computer e ai cellulari confiscati.

Secondo il TF, l'istanza zurighese non ha sentito in maniera adeguata gli investigatori privati accusati coinvolti nella vicenda, violando in questo modo il loro diritto di essere ascoltati.

Il dossier è stato quindi riaperto e sei agenti di polizia rischiano un'inchiesta per sottrazione di una cosa mobile e abuso di autorità, sostiene il settimanale.

La vicenda dei pedinamenti è costata il posto al CEO di Credit Suisse Tidjane Thiam, il quale ha sempre detto di non aver saputo nulla di quanto stava accadendo, e al direttore operativo (COO) Pierre-Olivier Bouée. Oggetto della sorveglianza erano due manager, il responsabile della gestione patrimoniale Iqbal Khan e l'ex capo del personale Peter Goerke.

Nel settembre 2019 aveva tenuto banco per settimane, anche sui media internazionali, la vicenda di Iqbal Khan, il top manager pedinato su ordine dell'istituto, fino a giugno responsabile della gestione patrimoniale di Credit Suisse e dal primo ottobre in forza a UBS con la stessa funzione (accanto a Tom Naratil).

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
VAUD
1 ora
Caso FIFA: Platini e Blatter indagati per truffa
Il procedimento penale riguarda un controverso pagamento da parte di Blatter.
GINEVRA
1 ora
Covid, Ginevra chiede aiuti per 10 miliardi
Il parlamento ginevrino chiede inoltre all'esecutivo federale di estendere gli aiuti a tutte le imprese in difficoltà.
SOLETTA
4 ore
Assalto al portavalori, malviventi in fuga senza bottino
La polizia solettese ha avviato un'importante operazione di ricerca.
BERNA
4 ore
A Berna i ristoranti dovranno chiudere prima
Il cantone ha deciso un ulteriore inasprimento delle misure di protezione contro il coronavirus.
SVIZZERA
6 ore
Sempre meno svizzeri disposti a vaccinarsi
Un sondaggio dell'Ufsp rivela che la percentuale dei favorevoli è crollata dal 60% di marzo al 49% di ottobre.
BERNA 
7 ore
«Evitiamo di annullare tutti i progressi fatti finora»
L'UFSP è consapevole che la gente si sta stancando delle misure restrittive e invita a tenere duro
SVIZZERA
7 ore
Blick bacchettato per violazione della privacy
Il quotidiano ha pubblicato dati privati di una donna, rendendola facilmente identificabile.
SVIZZERA
10 ore
Altri 4'312 casi, 209 ricoveri e 141 decessi
Nelle ultime ventiquattro ore sono stati effettuati 27'266 test, con un tasso di positività del 15,8%.
SVIZZERA
10 ore
Tutti in montagna per sfuggire al virus, è boom di interventi del soccorso alpino
Lo confermano i dati del Club Alpino Svizzero che ha pubblicato i dati dei primi nove mesi del 2021
SVIZZERA
11 ore
Verde metallizzato, ecco la nuova vignetta autostradale
Costerà come sempre 40 franchi e sarà valida dal primo dicembre al 31 gennaio 2022.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile