tipress
CANTONE / BERNA
22.04.20 - 14:590

Caso FIFA: respinte le ricusazioni della procura federale

Il Tribunale Penale Federale non ritiene veritiero il fatto che sia stato concesso spazio solo all'accusa

BELLINZONA - Il Tribunale penale federale (TPF) respinge tre domande di ricusazione contro altrettanti membri della Procura federale inoltrate dal presidente della squadra di calcio del Paris Saint-Germain (PSG), Nasser al-Khelaifi, accusato di istigazione all'amministrazione infedele in relazione al caso FIFA.

Al-Khelaifi, che è anche direttore di BeIN Media Group, è uno dei tre personaggi accusati di essere coinvolti nello scandalo dei diritti di trasmissione della FIFA per diversi mondiali di calcio e altri eventi.

Dopo un'udienza di quattro giorni all'inizio di dicembre 2019 con l'ex segretario generale della FIFA Jerôme Valcke e un uomo d'affari, Al-Khelaifi ritiene che l'indagine sia stata condotta dando esclusivamente spazio agli argomenti dell'accusa. Di conseguenza ha chiesto la ricusazione di due procuratori federali e di una assistente procuratrice.

Nella sentenza pubblicata oggi si apprende che l'imprenditore qatariota ha dichiarato che l'udienza finale del 6 dicembre, in particolare, non gli avrebbe dato il tempo sufficiente per affrontare tutti i punti che voleva né di esprimesi sul risultato dei due anni di indagine.

L'annuncio, tre giorni dopo, della chiusura dell'inchiesta dimostrerebbe che l'opinione dei tre membri del Ministero pubblico della Confederazione (MPC) era già stabilita da tempo e che non intendevano prendere seriamente in considerazione gli elementi a discarico presentati dalla difesa.

Il presidente del PSG sostiene che nelle udienze non ha avuto a disposizione il tempo sufficiente per prendere conoscenza della bozza del verbale di 100 pagine. Le condizioni necessarie per preparare la sua difesa non erano quindi riunite.

Nelle motivazioni della sentenza, la Corte dei reclami penali rileva però che l'imputato ha avuto la possibilità di esprimersi durante tutta la procedura. Tale opportunità è stata inoltre nuovamente offerta ai tre indagati - e ne hanno fatto uso - all'inizio di dicembre del 2019. Il metodo applicato dal procuratore competente è anche andato oltre i requisiti previsti in materia di udienza finale.

Nasser Al-Khelaifi è stato incriminato dal MPC il 20 febbraio per istigazione all'amministrazione infedele. L'ex segretario generale della FIFA Jerôme Valcke è accusato di corruzione passiva, ripetuta amministrazione infedele qualificata e falsità in documenti.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
BERNA
36 min
Drammatico incendio a Leuzigen, morti due bambini
È successo nella notte. Le fiamme sono divampate in un'abitazione. Altre quattro persone sono riuscite a salvarsi.
SVIZZERA
10 ore
Smartphone elvetici sotto attacco
Sono in circolazione molti messaggi spam per far installare sul dispositivo un pericoloso malware
SVIZZERA
14 ore
Moschee e campagne: ecco il piano vaccinale
L'Ufsp punta sulle "nicchie" di resistenza. Ma i Cantoni sono scettici
SVIZZERA
19 ore
La Svizzera si prepara per la crisi energetica
Le autorità stanno contattando le trentamila aziende che consumano più di centomila chilowattora all'anno
ZURIGO
20 ore
Lite con coltello: due feriti e quattro arresti
È successo nelle prime ore di domenica alla stazione ferroviaria di Zurigo Stadelhofen
LUCERNA
21 ore
«Sembra che si vogliano far morire le persone anziane»
Era stata la prima a ricevere il vaccino nel cantone, lunedì è deceduta per un'infezione da Covid-19
VAUD
1 gior
Mortale a Bullet: la vittima è un 16enne
Il ragazzo stava guidando la sua moto con il fratello minore di 14 anni. Aperta un'inchiesta sulla dinamica
SONDAGGIO
SVIZZERA
1 gior
La Svizzera come l'Irlanda: «Sigarette a quindici euro»
Le associazioni attive nella prevenzione suggeriscono di prendere spunto dall'esempio estero
SVIZZERA
1 gior
Manifestazioni in diverse città svizzere
Proteste contro i provvedimenti anti-Covid. Ma a Berna è sceso in piazza il fronte opposto
SVIZZERA
1 gior
La panne ha messo k.o. soprattutto i certificati esteri
Il guasto si è verificato durante alcuni lavori di manutenzione da parte dei tecnici dell'Ue
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile