Immobili
Veicoli
Keystone
SVIZZERA
19.12.19 - 21:560
Aggiornamento : 20.12.19 - 06:55

«Swisscom monopolizzò l'Adsl», maximulta da 186 milioni confermata

Lo ha deciso il Tribunale federale respingendo il ricorso per una decisione della Comco del 2009, l'azienda: «Sanzione ingiustificata»

di Redazione
Ats/ZAF

LOSANNA - Il Tribunale federale (TF) ha respinto il ricorso di Swisscom contro la condanna per violazione della Legge federale sui cartelli nel settore dei servizi ADSL. La sanzione di 186 milioni di franchi per abuso di posizione dominate non è criticabile, affermano i giudici losannesi in una sentenza divulgata oggi in serata.

Nel 2009 la Commissione della concorrenza (Comco) ha constatato che la politica tariffaria praticata da Swisscom tra il 2001 e il 2007 per i servizi ADSL ostacolava i concorrenti. Il numero uno elvetico delle telecomunicazioni era attivo da una parte come fornitore di ADSL e dall'altra come fornitore per gli altri operatori.

Questi ultimi infatti avevano bisogno delle prestazioni di Swisscom per essere in grado di proporre il necessario servizio a banda larga. Stando alla Comco, la società esigeva però prezzi troppo elevati rispetto a quelli fatturati ai clienti finali. In tal modo, i suoi rivali sul mercato erano intralciati e non riuscivano a sfruttare in maniera redditizia i loro servizi ADSL.

Questo abuso è stato punito dalla Comco con una multa di 220 milioni, ridotta a 186 milioni dal Tribunale amministrativo federale (TAF) nel 2015. Coinvolto da Swisscom, il TF ha ora confermato la decisione e l'ammontare della sanzione inflitta dall'istanza precedente.

Per la seconda Corte di diritto pubblico, il comportamento di Swisscom nel periodo 2001-07 corrisponde a un effetto denominato "forbice tariffaria". In poche parole, in quanto azienda integrata verticalmente, l'operatore ha proposto ai suoi concorrenti un servizio indispensabile a un costo troppo alto, abusando della propria potenza sul mercato.

Nessuna giustificazione è stata accolta a discarico di Swisscom. Tenendo conto delle circostanze, la sua condotta può essere definita quanto meno negligente.

«Swisscom deplora la decisione» - Non si è fatta attendere la reazione dell'azienda che, in un comunicato diffuso in serata, sostiene di ritenere «ingiustificata la sanzione del Tribunale federale».

Questo perché «Swisscom non deteneva una posizione dominante sul mercato, poiché già al momento dell’indagine esisteva una pressione in termini di concorrenza e prezzi da parte delle reti via cavo. L’offerta di Swisscom ha - quindi - permesso sin dall’inizio alla concorrenza di commercializzare propri servizi di internet a banda larga».

La multa in questione, continua Swisscom «è già stata pagata nel 2016» quindi la decisione «non ha alcun effetto sulla chiusura d’esercizio 2019», concludendo che «a prescindere dall’esito di questa vertenza, Swisscom s’impegnerà come sinora a migliorare costantemente la sua offerta a banda larga, continuando a investire somme elevate nel potenziamento dell’infrastruttura».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Zico 2 anni fa su tio
dal momento che Swisscom appartiene per metà circa alla confederela 93 milioni della multa vanno sulle spalle dei contribuenti. I manager naturalmente non pagheranno una cippa. loro fanno disastri ed azionisti e contribuenti pagano! se, per disgrazia sei anche azionista, paghi 2 volte
Giovanii 2 anni fa su tio
UPC per tutti. Addio swisscom. E come sempre.. stica.zi e abbracci
Tarok 2 anni fa su tio
@Giovanii Uh Per Carità: servizio clienti inesistente, qualità del servizio pessima, in ticino hanno ancora il cavo in rame.... meglio la Swissecom che almeno per metà é ancora dei contribuenti.
Pepperos 2 anni fa su tio
Ottima Decisione. Fa capire molto...
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
FOTO
SVIZZERA
1 ora
«Non usatela, non protegge»
La Suva ha deciso di richiamare il prodotto: «La scarsa efficacia protettiva potrebbe risultare dannosa per la salute».
SVIZZERA
5 ore
Malati che muoiono a causa del rinvio di interventi chirurgici
Il settore sanitario è sotto pressione. Si temono gravi conseguenze sulle condizioni dei pazienti
SVIZZERA
13 ore
Covid-pass aggiornato? Ora non ci si dovrà più mettere il dito
Niente più verifica manuale, ora l'app Covid Certificate esegue il refresh automaticamente.
SVIZZERA / MONDO
15 ore
«Vaccinare il mondo per fermare la pandemia»
Il messaggio del segretario generale dell'Onu Antonio Guterres al WEF di Davos.
SVIZZERA
17 ore
Sostegno al 2G, ma solo sino a fine febbraio
Le risposte dei cantoni alla consultazione federale sui provvedimenti anti-coronavirus
ZURIGO
18 ore
Quadruplicati gli attacchi di panico, gli esperti sono preoccupati
Depressione, ansia e paura: sono tutte conseguenze della pandemia, che colpiscono in particolare i giovani.
SVIZZERA
18 ore
Quarantene e test di massa? Da rivedere: «Omicron è come un incendio»
Anche gli scienziati hanno dei dubbi sul contact tracing. E sono ottimisti: il picco è vicino
GINEVRA
19 ore
Investita sulla pista da sci, muore a 5 anni
La piccola, residente a Ginevra, è stata travolta a Flaine, stazione sciistica situata in Alta Savoia.
GRIGIONI
20 ore
Gastronomia, quasi una irregolarità su quattro
In diversi casi è stato riscontrato un mancato rispetto delle disposizioni microbiologiche.
SVIZZERA
21 ore
Oltre 67mila contagi e 30 morti nel weekend svizzero
Ancora in aumento i pazienti ricoverati a causa del virus, che occupano ora l'8,1% dei posti letto complessivi.
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile