Keystone
SVIZZERA
23.10.19 - 06:180

Assassino plurimo latitante da 24 anni, viveva in incognito in Svizzera

In Bosnia aveva rapinato e ucciso una famiglia negli anni '90, era evaso e fuggito nella Confederazione dove si era sposato. Lunedì è stato rimpatriato

LUCERNA - Nel 1993 si era offerto come passatore per portare una famiglia dalla Bosnia-Erzegovina in Svizzera. Dopodiché, con un complice, durante il viaggio aveva deciso di ucciderli e rapinarli. Arrestato e processato nel 1995, pochi mesi dopo è evaso. Ha in seguito assunto l'identità di suo fratello, ed è scappato in Svizzera dove ha vissuto finora.

Stando a quanto riportato dalla Rts, però, Zoran P.* dopo 24 anni di latitanza è stato rintracciato dalle autorità bosniache. Secondo quanto scoperto da 20 Minuten l'uomo viveva in un comune del canton Lucerna. Nel 1998 ha sposato una svizzera 40enne dalla quale ha ereditato il cognome e da cui ha poi avuto anche dei figli.

L'Ufficio federale di giustizia ha approvato a maggio l'estradizione - richiesta dalle autorità bosniache - procedimento al quale l'interessato si è opposto fino al Tribunale federale. Fra le sue motivazioni c'è l'essere ormai «un uomo di famiglia», che «non viaggia e non ha più contatti con la Bosnia» ed è «nullatenente e pieno di debiti».

Tesi, quest'ultima, confermata da 20 Minuten che ha scoperto come, nei suoi confronti, sono stati aperti diversi precetti esecutivi. L'uomo aveva contratto debiti per decine di migliaia di franchi. Anche se sua moglie lavora come impiegata per sbarcare il lunario la famiglia aveva bisogno dell'assegno di assistenza.

Le sue motivazioni, però, non hanno convinto il Tribunale federale e P. è stato rimpatriato questo lunedì.

*nome noto alla redazione

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
7 ore
«Non ci metteremo a contare le persone»
Da oggi sono consentiti gli assembramenti fino a trenta persone. Una nuova situazione per le autorità
ZURIGO
11 ore
Anche Zurigo protesta contro le misure anti-coronavirus
Gli agenti sono intervenuti, facendo leva sul dialogo, per evitare che si formasse un vero e proprio assembramento
SOLETTA / BASILEA CAMPAGNA
11 ore
Mandata dal padre nonostante i sospetti di abusi
Alle autorità di protezione la piccola, 8 anni, aveva detto che l'uomo le faceva «cose brutte». Invano.
ZURIGO
15 ore
Riferisce numerose irregolarità nell'ospedale, licenziato
Questa la sorte toccata a un "whistleblower", ossia un segnalatore di irregolarità sul posto di lavoro
SONDAGGIO
SVIZZERA
16 ore
A trenta all'ora anche sulle strade cantonali?
È quanto chiedono alcuni comuni basilesi per le vie di transito, dove attualmente si circola a 50 km/h
SVIZZERA
16 ore
Coronavirus: Credit Suisse ha concesso crediti per 2,8 miliardi
Anche la seconda banca elvetica è stata confrontata con dichiarazioni fraudolente.
BERNA
17 ore
Prestazioni mediche più care per recuperare le perdite del Covid-19
È la ricetta proposta da Alain Schnegg, direttore del Dipartimento della sanità bernese
SVIZZERA
18 ore
Coronavirus in Svizzera: 17 nuovi casi ma nessun decesso
Dall'inizio dell'emergenza, nel nostro paese 30'845 persone sono risultate positive al virus
BERNA
21 ore
Berna in aiuto agli apprendisti
Un nuovo regolamento intende contrastare le conseguenze del Covid-19. Si temono fino a 20mila posti in meno.
SVIZZERA / EUROPA
22 ore
Dove possiamo viaggiare? Il punto della situazione
Una panoramica generale dell'apertura delle frontiere europee
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile