20 minuten
LUCERNA
27.09.19 - 19:300

La donna con il machete getta nell'ansia i genitori

Con un'immagine su un gruppo Facebook si avverte che la donna avrebbe preso di mira gli scolari di Zell. La polizia di Lucerna fa chiarezza su questa vicenda

LUCERNA - La foto di una donna che impugna un machete, postata su un gruppo Facebook, ha gettato nell'angoscia alcuni genitori di studenti lucernesi. Il motivo? Secondo il post, che mostra la sconosciuta davanti a un binario della ferrovia, la donna sarebbe stata avvistata giovedì nei pressi di una scuola a Zell. «Ha osservato i bambini e si è avvicinata a loro sempre di più», si legge nell'intestazione dell'immagine. La polizia, allarmata, sarebbe giunta immediatamente sul posto. Ma della donna non c'era più traccia. Ecco il perché del messaggio: per informare i genitori del pericolo, invitandoli a condividere l'informazione sui social.

La foto, in questo modo, è diventata virale. Diversi lettori l'hanno quindi inviata alla redazione di 20 Minuten chiedendo di indagare. «Mi è venuta la pelle d'oca quando ho visto questa immagine», ha specificato uno di questi.

Contattata, la polizia di Lucerna ha fatto chiarezza su quanto accaduto. Giovedì una donna ha effettivamente transitato da Zell, e ha infastidito un camion che trasportava bestiame. Questa persona, è stato spiegato, ha problemi mentali. Tuttavia, sottolinea portavoce della polizia lucernese Urs Wigger: «non era armata di machete e non è passata nei pressi della scuola».

La foto? Risale all'estate del 2019, spiega Wigger. «E non è correlata all'incidente di giovedì». In realtà, giovedì la donna è stata notata da alcuni bambini sulla strada per la scuola. «Erano spaventati e hanno raccontato la loro esperienza a scuola. Successivamente, qualcuno ha pubblicato sui social media l'immagine dell'estate del 2019 mettendo in allerta gli altri genitori».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
VIDEO
BERNA
8 ore
Il Video del Consiglio federale: «Rispettate le misure anti-covid!»
L'invito è ovviamente a reagire. I modi sono quelli noti: «Distanze e igiene».
SCIAFFUSA
12 ore
64enne morto dopo essere stato coinvolto in una rissa
Il decesso non sarebbe direttamente legato alla scazzottata
SVIZZERA
12 ore
Può essere Covid? L'autovalutazione la fai online
L'UFSP, in base ai sintomi, invia una raccomandazione sulla necessità di fare o meno il tampone
SVIZZERA
13 ore
Philipp Wyss nuovo presidente della direzione di Coop
Simultaneamente muta anche la presidenza del cda
SVIZZERA
13 ore
Flixbus si ferma dal 3 novembre
«La decisione non è stata facile. Ma è necessaria per arginare la diffusione esponenziale del coronavirus»
BERNA
13 ore
«Potrebbero essere necessarie misure più drastiche»
Gli esperti federali aggiornano circa l'evoluzione del virus in Svizzera
ARGOVIA
13 ore
Ladri allontanati a colpi di pistola
Ignoti avevano tentato di svaligiare un negozio di armi. Ma il titolare è stato allertato dall'impianto di allarme
ZURIGO
14 ore
Pacco sospetto davanti al consolato francese
Dopo i fatti avvenuti ieri in Francia, la polizia ha preso sul serio la potenziale minaccia, isolando subito la zona
SVIZZERA
15 ore
Contagi e ricoveri stabili, ma crescono i morti
Il virus continua a circolare molto: il 24.1% dei 38'211 tamponi effettuati nelle ultime 24 ore è risultato positivo.
FOTO
SVIZZERA
15 ore
Altro raddoppio per casi e decessi settimanali
Tra il 19 e il 25 ottobre sono state annunciate 39'441 nuove infezioni. La settimana prima erano 19'478.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile