deposit
SAN GALLO
18.09.19 - 11:300

Condannato il pedofilo che abusava di bambine dell'Est

Il 65enne è stato condannato a 8 anni di carcere. la pubblica accusa ne chiedeva 15

LICHTENSTEIG - Otto anni di reclusione per un uomo di 65 anni del canton San Gallo che ha commesso ripetuti abusi sessuali su due bambine dell'Europa dell'Est di 5 e rispettivamente 10 anni. La pubblica accusa chiedeva una condanna a 15 anni.

A un mese di distanza dal dibattimento, il Tribunale distrettuale del Toggenburgo ha pubblicato oggi la sentenza che ha ritenuto l'uomo colpevole di atti sessuali con persone incapaci di discernimento o inette a resistere, coazione, atti sessuali con fanciulli e pornografia.

Sentenza non definitiva - La sentenza non è ancora definitiva: subito dopo la sua presentazione, il Ministero pubblico - che oltre alla pena nettamente più severa chiedeva anche una misura terapeutica stazionaria - ha annunciato l'intenzione di ricorrere in appello.

Foto e video pedopornografici - L'uomo è stato arrestato 2014 e ha già passato 491 giorni in detenzione preventiva. Al momento dell'arresto sul suo computer furono trovate 2700 foto e 150 video pedopornografici, realizzati dallo stesso imputato in camere d'albergo e case di vacanza della regione sangallese del Toggenburgo, ma anche in Francia e Germania.

Le indagini sono state condotte sulla base di osservazioni e sorveglianza telefonica. Una delle vittime è una bambina di nazionalità slovacca, che veniva accompagnata agli incontri con il presunto pedofilo dalla stessa madre. All'epoca dei fatti aveva cinque anni. Un'altra bambina polacca di dieci anni è stata fotografata e filmata ed ha soggiornato da sola a più riprese con l'imputato in diverse camere d'albergo. Entrambe le ragazzine hanno inoltre subito ripetuti abusi sessuali.

La madre della bambina di cinque anni, che era sempre presente agli incontri, è stata descritta dalla procura come una donna «che aveva urgentemente bisogno dei soldi di questi servizi: era lontana da casa e si trovava in una situazione senza speranza».

Il pedofilo san gallese in passato era già stato incarcerato per un certo periodo in Polonia, dove una donna ucraina gli avrebbe inviato in carcere foto di sua figlia di sette anni. Secondo l'accusa, tra i due si sarebbe sviluppato in una sorta di rapporto commerciale: l'uomo avrebbe così ordinato foto pornografiche alla madre in cambio di denaro, dando istruzioni sulle pose che la bambina doveva assumere.
 
 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
1 ora
Quando i ristoratori applicano un "supplemento corona"
C'è chi preferisce aggiungere al conto due franchi per coprire i costi aggiuntivi, e chi aumenta i prezzi sul menù.
SVIZZERA
1 ora
Coronavirus, «Non ci sarà una seconda ondata in Svizzera»
Solo ripetuti focolai di infezione, secondo Marcel Tanner, della task force della Confederazione sull'epidemia
SVIZZERA
17 ore
«Una seconda ondata potrebbe provocare 5'000 morti»
Secondo un calcolo matematico elaborato dai ricercatori del Poli i principali vettori potrebbero essere i giovani.
CIPRO
18 ore
Se vuoi andare a Ayia Napa prima devi farti il test
Nessun obbligo di quarantena per i viaggiatori provenienti da 19 nazioni europee.
SVIZZERA
18 ore
Frenata da Berna sulla riapertura con l'Italia
Secondo il Consiglio federale la data del 3 giugno è troppo vicina. Dall'8 saranno però possibili i ricongiungimenti.
SVIZZERA
18 ore
Greenpeace contro Credit Suisse e UBS sulla protezione del clima: «Solo parole»
L'accusa dell'associazione ambientale riguarda i continui investimenti nell'industria fossile
SVIZZERA
19 ore
Tutto quello che potremo fare dal 6 giugno
Assembramenti fino a 30 persone (dal 30 maggio) e manifestazioni fino a 300 persone saranno autorizzate.
SVIZZERA
20 ore
«Cerchiamo di rinunciare ai viaggi toccata e fuga in aereo»
Il settore turistico si prepara a ripartire. A tu per tu con Martin Nydegger, direttore di Svizzera Turismo
SVIZZERA
20 ore
Punire i passeggeri indisciplinati sarà più facile
Il Governo ha approvato un protocollo alla Convenzione di Tokyo
SVIZZERA
21 ore
Guasto Swisscom dovuto a lavori di rinnovo
Si è trattato di un sovraccarico della rete nel momento in cui gli utenti sono stati trasferiti su nuovi sistemi
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile