20 Minuten
+ 3
SAN GALLO
12.08.19 - 18:310
Aggiornamento : 21:07

«Voleva buttarlo fuori di casa e lui ha perso la testa»

Un amico della famiglia di Rappreswil al centro del dramma di domenica ha svelato alcuni retroscena della vicenda: «Sotto c'erano problemi di droga»

RAPPERSWIL - «Era una bomba ad orologeria ambulante, era solo questione di tempo prima che succedesse qualcosa», ha confermato a 20 Minuten un amico della famiglia di Rapperswil (SG) scossa dall'atroce delitto di domenica pomeriggio.

L'uomo in questione, un 36enne aveva aggredito la madre Maria B.* (57 anni) in un sottopassaggio della stazione colpendola più volte con un coltello. Tanto grave l'entità delle ferite che la donna è morta sul colpo. In seguito l'aggressore si è dato alla macchia e ha poi rivolto l'arma contro sé stesso provocandosi  gravi lesioni al collo.

All'origine della fuori omicidia ci sarebbero delle controversie familiari: «Maria non riusciva più a sopportare la convivenza così aveva minacciato di cacciarlo di casa, ed è per questo che lui non ci ha visto più». Una situazione, in famiglia, sempre tesa: «Entrambi i figli avevano problemi di droga, anche se solo lui (il killer, ndr.) faceva uso di droghe pesanti».

Il 36enne, inoltre, soffriva di turbe psichiche ed era noto alla polizia anche se non per dei crimini violenti.

E intanto, Maria B*. – presidentessa del Tennis Club locale – è pianta da chi la conosceva e le voleva bene. 

Sono stati proprio i responsabili del centro - poche ore dopo la tragedia - a scrivere sul proprio sito per confermare la sua identità: «Abbiamo il triste dovere di informare tutti voi che la donna uccisa domenica a Rapperswil è la nostra gerente Maria. Rivolgiamo i nostri pensieri e le nostre preghiere ai suoi familiari, ai quali esprimiamo le nostre condoglianze»

«È successo solo ieri, è così irreale», ha raccontato a 20 Minuten un collaboratore del bar del Tennis Club, «questa mattina ero qui e alle 8:30 mi sono reso conto che la stavo aspettatando... Ci mancherà davvero tanto».

Ma c'è anche chi non può fare a meno di arrovellarsi su alcune parole da lei dette sottovoce: «Aveva confessato a mia moglie che aveva dei problemi con uno dei suoi ragazzi... Chi poteva immaginarsi sarebbe finita così?», ha aggiunto un cliente.

*nome noto alla redazione

20 Minuten
Guarda tutte le 7 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
13 ore
Le chat di Whatsapp restano criptate
La Confederazione non intende obbligare i fornitori di servizi di messaggeria a rendere i dati accessibili alle autorità giudiziarie
SVIZZERA
13 ore
Accordo quadro: «Nessuna firma se non si chiariscono i punti in sospeso»
Il Consiglio federale risponde all'interrogazione inoltrata da Marco Chiesa dopo le dichiarazioni dell'ambasciatore Matthiessen
SVIZZERA
15 ore
«Malgrado le opposizioni, il 5G non è a rischio»
Il CEO di Swisscom ritiene di poter coprire entro la fine dell'anno oltre il 90% del Paese con la rete mobile di nuova generazione
SVIZZERA
15 ore
Autopostale: «Vigilanza lacunosa da parte di Berna»
La Commissione della gestione del Consiglio degli Stati punta il dito contro il Consiglio federale: «È evidente che si dovrà aumentare la vigilanza sulle aziende parastatali»
SVIZZERA
18 ore
Un argoviese ha diretto la prigione della tortura in Siria
Lo svizzero Thomas C. è stato tra i primi europei a partire per la Jihad e in breve tempo ha scalato le gerarchie dello Stato Islamico. Ha formato alcuni terroristi che hanno colpito l'Europa
SONDAGGIO
SVIZZERA
18 ore
Il 40% di chi lavora vorrebbe continuare a farlo anche dopo l'età della pensione
La maggior parte gradirebbe proseguire a tempo parziale mentre il 5% sarebbe volentieri disponibile a un tempo pieno
SINGAPORE / SVIZZERA
18 ore
UBS multata dalle autorità di Singapore per 8,1 milioni di franchi
La colpa: i suoi collaboratori avrebbero ingannato diversi investitori. I clienti raggirati saranno risarciti, promette la banca
SVIZZERA
19 ore
Il Governo risponde a Quadri: «La sospensione di Schengen non è fattibile»
Il consigliere nazionale leghista auspicava la decisione dopo la riapertura dei porti italiani
SVIZZERA / SUDAFRICA
21 ore
Incidente con una giraffa, il turista svizzero è morto
L'uomo si era gravemente ferito domenica nel Parco Nazionale Kruger, una riserva grande circa la metà della Svizzera
ITALIA / ZURIGO
21 ore
Eutanasia a Zurigo, rinvio a giudizio per il presidente di Exit-Italia
Le indagini sono state avviate su denunce dei familiari della donna, che soffriva di depressione
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile