tipress (archivio)
Entrambi i coniugi dovranno essere espulsi dopo aver scontato la pena
BERNA
26.04.19 - 17:570

Picchiava la figlia 8 anni, poi morta. Condannato

Il 40enne dovrà scontare tre anni e mezzo di carcere

BERNA - Il Tribunale regionale di Berna-Mittelland ha condannato oggi a tre anni e mezzo di carcere un 40enne eritreo per aver inflitto ripetuti maltrattamenti alla figlia di otto anni, che era poi morta in ospedale. Alla moglie 33enne, pure eritrea, sono stati inflitti 26 mesi, di cui 10 da scontare. Entrambi dovranno essere in seguito espulsi.

L'uomo è stato condannato per lesioni gravi e ripetuta coazione, come anche la moglie, rea di non essere intervenuta per metter fine alle torture. Poiché ha già scontato la pena in detenzione preventiva, la donna sarà rilasciata. Il pubblico ministero aveva chiesto rispettivamente quattro anni e 28 mesi, mentre la difesa auspicava per entrambi pene con la condizionale.

I maltrattamenti erano avvenuti tra il novembre 2017 e il febbraio 2018 a Bümpliz, quartiere popolare alla periferia occidentale di Berna, dove la famiglia abitava. Il padre batteva la figlia praticamente ogni giorno, a volte a schiaffi, a volte a pugni o con una cinghia per costringerla a mangiare e bere di più. A volte lo faceva fino a farla vomitare. Inoltre la obbligava ad estenuanti esercizi di ginnastica. Se non ubbidiva erano botte.

Il 15 febbraio 2018 la bambina è morta all'Inselspital, nella città federale, dove era stata ricoverata per una infezione. È stato lì che i sanitari hanno notato gli ematomi di cui il corpo della piccola era coperto. I genitori sono stati denunciati. Un rapporto tra il decesso e i maltrattamenti non ha però potuto essere provato, ragione per cui non c'è stato processo per omicidio.

Il padre era fuggito dall'Eritrea già nel 2014 ed era stato raggiunto a Berna da moglie e figlia nell'autunno 2017. In aula non ha negato di aver picchiato la bambina. Quale motivo ha sostenuto che questa mangiava troppo poco, a volte soltanto un cucchiaio di cibo, «Non potevo accettarlo», ha dichiarato ai giudici. La donna ha giustificato la sua passività dicendo di avere paura del marito, che l'avrebbe picchiata a sua volta in una occasione in cui aveva osato intervenire.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SONDAGGIO
SAN GALLO
2 ore

Attenzione al correttore automatico, rischia di rovinarvi le vacanze

Durante la prenotazione di un volo, il correttore automatico ha cambiato il nome di una passeggera da Andrina ad Adrian. Le è stato quindi chiesto di acquistare un nuovo biglietto aereo

BERNA
3 ore

Caricato da un toro, pensionato soccombe alle ferite

Il 74enne è deceduto oggi in ospedale dopo essersi imbattuto nell'animale sabato ad Adelboden

SVIZZERA
4 ore

Jihadista ginevrino catturato in Siria, Berna conferma l'arresto

L'uomo sarebbe stato rintracciato dopo tre mesi di fuga e arrestato lo scorso 18 giugno dalle milizie curde in un'azione coordinata nei pressi di Baghuz

LUCERNA
5 ore

Ubriaca e con lo pneumatico a pezzi

La 45enne è stata fermata nella notte a Ebikon. Immediati il ritiro della patente e la denuncia

SONDAGGIO
SVIZZERA
6 ore

La vacanza in Egitto divide: tra paura e sicurezza nel resort

Dal Regno Unito questa settimana non partiranno voli per Il Cairo a causa dell'allarme terrorismo. Le compagnie svizzere non hanno seguito l'esempio

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile