Deposit Photos, archivio
La difesa aveva chiesta la ricusazione di sei dei sette giudici presenti, ma l'istanza è stata respinta
GINEVRA
26.03.19 - 16:010

12enne stuprata e uccisa, riprende il processo

Un tassista etiope di 43 anni era stato condannato in prima istanza a 20 anni di carcere e all'internamento

GINEVRA - La Camera penale d'appello e di revisione di Ginevra ha deciso oggi di riaprire il processo di secondo grado a carico di un tassista etiope di 43 anni, condannato in prima istanza a 20 anni di carcere e all'internamento per aver stuprato e ucciso una 12enne nell'agosto 2012. La difesa aveva chiesta la ricusazione di sei dei sette giudici presenti, ma l'istanza è stata respinta.

Il processo d'appello si era aperto già a fine gennaio, ma era stato interrotto e aggiornato dopo che una giudice si era appisolata durante il dibattimento. Oggi la corte lo ha ripreso da zero, con un nuovo giudice assessore (giudice a latere) che ne ha preso il posto. Gli avvocati della difesa Vincent Spira e Yaël Hayat hanno tuttavia sostenuto di trovarsi svantaggiati di fronte a una corte di cui sei giudici su sette avevano già sentito due mesi fa le parti, in particolare la requisitoria del procuratore. A loro avviso sarebbe stato più giudizioso rigiudicare l'imputato solo tra qualche mese con una composizione del tutto rinnovata.

I loro argomenti sono stati respinti dal procuratore Joël Schwarzentrub e dai legali degli accusatori privati. L'avvocato Robert Assaël, che rappresenta la madre di Semhar, la ragazza stuprata e uccisa, ha rammentato la "intollerabile" durata già raggiunta dal procedimento. La Camera penale d'appello e di revisione ha fatto sua la loro posizione e ha respinto la richiesta di sospensione.

Il 22 giugno 2018, il Tribunale criminale di Ginevra aveva condannato a 20 anni di reclusione e all'internamento ordinario il tassista etiope, accusato di aver violentato e strangolato nell'agosto 2012 la dodicenne, che conosceva bene poiché era figlia della donna che frequentava all'epoca. L'uomo era pure stato riconosciuto colpevole di abusi sessuali commessi nei riguardi di due donne, entrambe rifugiate originarie di Etiopia o Eritrea, con le quali aveva vissuto tra il 2004 e il 2012.

Nella loro sentenza, i giudici avevano rilevato la colpa «estremamente pesante» dell'imputato. Anche se l'uomo ha sempre proclamato la propria innocenza, gli elementi riuniti nell'ambito delle indagini sono sufficienti per dissipare qualsiasi dubbio sulla sua colpevolezza, aveva rilevato la corte.

Sono state infatti trovate tracce del DNA dell'uomo particolarmente compromettenti: attorno al collo e all'interno delle mutandine della ragazza, sotto le sue unghie e sotto il letto dove il corpo della vittima era stato nascosto.

Anche l'alibi fornito dall'uomo per il giorno in cui è morta la ragazzina non gli ha impedito di commettere il delitto: sapeva che la dodicenne era sola in casa e ha avuto sufficiente tempo per nasconderne il cadavere, ripartire con il suo taxi e invitare al ristorante la mamma, la sorella e il fratellino della vittima.

Lo scorso autunno il Tribunale federale ha respinto un ricorso dell'imputato, nel quale l'etiope chiedeva la ricusazione di uno dei periti psichiatri ascoltati durante il processo per una sua presunta parzialità.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
43 min
In Svizzera altri 4'320 contagi e 85 decessi
I dati si riferiscono come ogni lunedì alle ultime 72 ore.
SVIZZERA
51 min
Scambio di vedute tra Berset e il mondo culturale
Durante un incontro che ha avuto luogo oggi sono stati toccati i problemi che il settore si trova ad affrontare.
SVIZZERA
1 ora
Disagi per tutti a causa della neve
In diverse località il traffico ferroviario e quello stradale sono rimasti perturbati
ZURIGO
2 ore
L'inganno per vaccinarsi più velocemente
Sempre più persone si dichiarano "a rischio" o utilizzano le loro conoscenze per ottenere il vaccino prima del previsto.
SVIZZERA
2 ore
L'ottimismo delle aziende di coworking, nonostante il Covid
A loro avviso la tendenza al telelavoro conferma le buone prospettive per questa attività
ZURIGO
4 ore
Investita, ustionata e annegata dal marito
Un 50enne a processo per avere inscenato il suicidio della moglie. Scoperto grazie all'assicurazione
SVIZZERA
4 ore
La Svizzera è sempre più plurilingue
Sono in aumento le persone che utilizzano regolarmente più lingue. Prevalentemente per motivi professionali
SVIZZERA
4 ore
2020 «notevole» per Denner: +16%
La progressione non è attribuita esclusivamente all'aumento dei consumi interni causa pandemia.
SVIZZERA
5 ore
Vaccino alle donne incinte a rischio
L'associazione dei ginecologici svizzeri e l'UFSP hanno trovato un punto d'incontro
MONDO
6 ore
I ricchi recuperano in 9 mesi, i più poveri in oltre 10 anni
Il coronavirus aumenta le diseguaglianze economiche e sociali. Le cifre del rapporto Oxfam
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile