Keystone (archivio)
NEUCHÂTEL / VALLESE
04.03.19 - 15:350

Decreti d'accusa per una cinquantina di hooligan del Sion

Sono stati emessi dalla Procura di Neuchâtel a causa delle violenze avvenute il 7 ottobre 2018 a margine dell'incontro di Super League fra neocastellani e vallesani

NEUCHÂTEL - Una cinquantina di decreti d'accusa sono stati emessi dalla procura di Neuchâtel nei confronti di hooligan del FC Sion a causa delle violenze avvenute il 7 ottobre 2018 a margine dell'incontro di Super League tra il Neuchâtel Xamax e il club vallesano.

Lo scorso 21 febbraio, il Ministero pubblico ha pronunciato 52 decreti d'accusa nei confronti dei tifosi violenti, principalmente per sommossa. Le sanzioni variano da pene pecuniarie - fra 90 e 130 aliquote giornaliere - a semplici multe, indicano in una nota odierna congiunta la procura e la polizia cantonale di Neuchâtel.

In funzione del reddito, le sanzioni possono ammontare fino a 10'000 franchi, viene sottolineato nel comunicato. Tra gli autori delle violenze, anche alcune persone recidive e ben conosciute nella scena hooligan.

Una parte dei supporter del Sion - circa 200 su un totale di 800 - si erano riuniti per cercare lo scontro con i tifosi locali del Neuchâtel Xamax. L'imponente dispositivo della polizia ha però evitato il contatto fra le due tifoserie. Gli hooligan vallesani hanno così iniziato a provocare le forze dell'ordine e ad aggredire alcuni passanti. La polizia è intervenuta con proiettili di gomma per sedare gli animi e disperdere i tifosi violenti.

Dopo un lungo lavoro d'inchiesta, viene sottolineato nel comunicato, la polizia cantonale neocastellana - in collaborazione con gli omologhi vallesani - ha identificato tramite alcuni video gli autori delle violenze.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
15 ore
Le chat di Whatsapp restano criptate
La Confederazione non intende obbligare i fornitori di servizi di messaggeria a rendere i dati accessibili alle autorità giudiziarie
SVIZZERA
16 ore
Accordo quadro: «Nessuna firma se non si chiariscono i punti in sospeso»
Il Consiglio federale risponde all'interrogazione inoltrata da Marco Chiesa dopo le dichiarazioni dell'ambasciatore Matthiessen
SVIZZERA
18 ore
«Malgrado le opposizioni, il 5G non è a rischio»
Il CEO di Swisscom ritiene di poter coprire entro la fine dell'anno oltre il 90% del Paese con la rete mobile di nuova generazione
SVIZZERA
18 ore
Autopostale: «Vigilanza lacunosa da parte di Berna»
La Commissione della gestione del Consiglio degli Stati punta il dito contro il Consiglio federale: «È evidente che si dovrà aumentare la vigilanza sulle aziende parastatali»
SVIZZERA
20 ore
Un argoviese ha diretto la prigione della tortura in Siria
Lo svizzero Thomas C. è stato tra i primi europei a partire per la Jihad e in breve tempo ha scalato le gerarchie dello Stato Islamico. Ha formato alcuni terroristi che hanno colpito l'Europa
SONDAGGIO
SVIZZERA
21 ore
Il 40% di chi lavora vorrebbe continuare a farlo anche dopo l'età della pensione
La maggior parte gradirebbe proseguire a tempo parziale mentre il 5% sarebbe volentieri disponibile a un tempo pieno
SINGAPORE / SVIZZERA
21 ore
UBS multata dalle autorità di Singapore per 8,1 milioni di franchi
La colpa: i suoi collaboratori avrebbero ingannato diversi investitori. I clienti raggirati saranno risarciti, promette la banca
SVIZZERA
22 ore
Il Governo risponde a Quadri: «La sospensione di Schengen non è fattibile»
Il consigliere nazionale leghista auspicava la decisione dopo la riapertura dei porti italiani
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile